Politica

di Raffaele Dicembrino

Papa: i giovani possono cambiare il mondo con Dio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È profondamente attuale quella “revisione di vita” che il fondatore della Jeunesse Ouvrière Chrétienne - il sacerdote belga e poi cardinale Joseph-Léon Cardijn - proponeva ai giovani perché riflettessero sulla loro vita, cercando di migliorarla con l’azione e il confronto con il Vangelo, per scoprire la presenza di Gesù nella loro storia. Lo fa capire Papa Francesco che, incontrando nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico i responsabili dell’Azione Cattolica in Francia in pellegrinaggio a Roma, riflette sulla chiamata a essere apostoli al giorno d’oggi, per invitare poi il movimento ad accostarsi alle nuove generazioni, meno radicate nella fede ma alla ricerca di senso e di verità, per accompagnarle nella loro crescita. Il Pontefice prende proprio spunto dal metodo del “vedere, giudicare e agire” del cardinale Cardijn per insistere sui tre verbi come programma di vita.

Vedere “consiste nel fermarsi a osservare gli avvenimenti che formano la nostra vita - spiega il Papa - ciò che costituisce la nostra storia, le nostre radici familiari, culturali, cristiane”. E aggiunge poi che proprio l’Azione Cattolica insegna ad analizzare “il senso di ciò che si è e di ciò che è stato vissuto, e di percepire come Dio era presente ad ogni istante”. Ma, avverte Francesco, occorre osservare a distanza per capire “la finezza e la delicatezza dell’azione del Signore nella nostra vita”. E, richiamando la Fratelli tutti, Francesco chiede di partire da uno “sguardo sulla situazione, a volte preoccupante del nostro mondo”.

La seconda tappa - giudicare - è quella del discernimento, prosegue il Papa. “È il momento in cui ci si lascia interrogare, mettere in discussione”, accettando “che la propria vita sia passata al vaglio della Parola di Dio”:

Nell’incontro tra gli avvenimenti del mondo e della nostra vita, da un lato, e la Parola di Dio, dall’altro, possiamo discernere gli appelli che il Signore ci rivolge.

Questo discernere alla luce della Parola di Dio è anche sinodalità, quella che i movimenti di Azione Cattolica hanno sviluppato, nel tempo, “specialmente nella vita di gruppo”, osserva Francesco, aggiungendo che sinodalità “è uno stile da assumere, in cui il protagonista principale è lo Spirito Santo, che si esprime anzitutto nella Parola di Dio, letta, meditata e condivisa insieme”.

Prendiamo l’immagine concreta della croce: ha un braccio verticale e un braccio orizzontale. Il braccio orizzontale è la nostra vita, la nostra storia, la nostra umanità. Il braccio verticale è il Signore che viene a visitarci con la sua Parola e il suo Spirito, per dare senso a quello che viviamo. Essere fissati alla croce di Gesù, come dice San Paolo, significa proprio accettare di mettere la mia vita sotto il suo sguardo, accettare questo incontro tra la mia povera umanità e la sua divinità trasformante.

Da qui l’esortazione del Papa ai gruppi dell’Azione Cattolica a lasciare “sempre un posto importante alla Parola di Dio”, a dare “spazio alla preghiera, all’interiorità, all’adorazione”.

A proposito della terza tappa, agire il papa sottolinea: “L’agire appartiene al Signore: è Lui che ne ha l’esclusiva, camminando ‘in incognito’ nella storia che abitiamo. Il nostro ruolo consiste dunque nel sostenere e favorire l’azione di Dio nei cuori, adattandosi alla realtà che si evolve continuamente”.

Infine il pensiero del Papa va ai giovani e a quanti, specialmente in Europa, frequentano i movimenti cristiani che, osserva, a confronto col passato “sono più scettici rispetto alle istituzioni, cercano relazioni meno impegnative e più effimere”, “sono più sensibili all’affettività, e perciò più vulnerabili, più fragili delle generazioni precedenti”. E all’Azione cattolica affida un mandato:

osì come sono, farli crescere nell’amore di Cristo e del prossimo, e condurli a un maggiore impegno concreto, affinché siano protagonisti della loro vita e della vita della Chiesa, perché il mondo possa cambiare”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/01/2022
1808/2022
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Francia: tutti i volti ed i programmi dei candidati presidenti

François Fillon, Jean-Luc Mélenchon, Emmanuel Macron, Marine Le Pen, Benoît Hamon: chi sono e che cosa propongono? Ecco una rassegna ragionata delle loro promesse elettorali su tematiche importanti e divisive quali immigrazione, istruzione, laicità, ecologia, sicurezza, orario di

Leggi tutto

Politica

La Francia dopo gli Stati Generali della bioetica

Si è conclusa col mese di aprile una lunga fase di aggiornamento sui progressi delle tecniche mediche e di dibattito (oltre 280 eventi in tutto) sui possibili ritocchi all’ordinamento giuridico.

Leggi tutto

Politica

CON UN ATTO DI ARROGANTE IMPERIO

Ora sta ai cristiani, in Italia in particolare ai cattolici, decidere come reagire davanti a questa furibonda offensiva che nega il diritto stesso di agire come cristiani in ambito politico proclamando alcune banalissime idee che sono alla base della nostra fede. Per ognuno di noi la vita umana va difesa fin dal suo concepimento, Papa Francesco è arrivato ad affermare che “abortire è come affittare un sicario” ed è una frase che se fosse stata pronunciata da un candidato del principale partito di governo ne avrebbe comportato l’immediata espulsione con la relativa cancellazione del diritto all’elettorato passivo.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Società

Ritorniamo ad una sana ecologia umana lontana dalle mode del momento

Avanza in questi ultimi anni una psicosi generalizzata scatenata da ecoterroristi che spaventano la gente in maniera voluta ed esasperante. Iniettano nelle vene delle persone il tremendo virus della paura del domani, come se fossero loro i padroni del mondo e del futuro. Le soluzioni che propongono poi, tra l’altro, sono più dannose dei problemi stessi. Occorre ritornare alla svelta ad una vera e sana ecologia umana per dare speranza alle nuove generazioni.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Unesco scrive di pace

In occasione dei 75 anni dalla nascita dell’agenzia delle Nazioni Unite, Francesco in un videomessaggio ne sottolinea il comune servizio alla pace e alla solidarietà, allo sviluppo della persona e alla tutela del patrimonio culturale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano