Media

di Ilaria Sorrentino

Volo solo chi osa farlo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In questi giorni mentre sistemavo la libreria ho trovato un piccolo libro di poesie. Può senza dubbio sembrare un qualcosa di scontato ma in realtà non lo è. “Le mie prime poesie” è un piccolo libro, un tesoro. In un tempo di dad si e dad no. In un tempo dove tutto è un punto interrogativo, questo piccolo libro è una certezza. La sfida è proprio quella di far arrivare, attraverso la potenza della scrittura, la voglia di riprendere a sognare in modo da far viaggiare la propria fantasia, i propri desideri.

“Vola solo chi osa farlo,

con le ali della vita,

passando da un nido all’altro,

sempre più coscienti

di essere cresciuti.

Sovrastando i cieli insidiosi,

con la capacità e la determinazione,

che solo gli uccelli coraggiosi hanno.”

Versi semplici. Versi significativi. Versi che ti emozionano, che ti regalano il senso della vita stessa.

Scrivere poesie significa far volare le parole, fare stare bene le parole insieme o magari inventare parole nuove. Scrivere per raccontare. Scrivere per emozionare. Scrivere per donare e donarsi. Versi scritti da un piccolo grande poeta. Si perché Michele Smecca nella sua piccola età è già da considerarsi un poeta. La sua penna vede con stupore e meraviglia che cosa succede ogni giorno intorno a lui, ad aprire occhi più grandi sulla natura, i cambiamenti, i miracoli piccoli che avvengono in silenzio. La sua penna sente prestando attenzione e ascolto verso i sentimenti e le emozioni che si installano e trovano casa all’improvviso nella pancia, nella testa o nel cuore. La sua penna immagina con curiosità e coraggio che cosa si nasconde aldilà dei propri sogni. “Nebbia, scendi quaggiù candida e bagnata, bagnandomi, mi fai il solletico, l’orizzonte diventa bianco, mi fa incuriosire…” parole per interpretare emozioni, organizzare le percezioni, individuare relazioni, sa costruire schemi e sa muoversi anche al di fuori di essi. Provare a scrivere una poesia non è altro che saper leggere la nostra mente, saper ascoltare la voce del nostro io interiore, saper percepire le nostre emozioni e sensazioni, saper sognare, riuscire ad essere “grandi” pur amando le piccole cose. “Fare poesia” è guardare la realtà con occhio diverso, con sensibilità e profondità di sentimenti, è esprimere ciò che si prova con un linguaggio particolare. Fare poesia significa imparare ad usare la fantasia con la quale possiamo modificare la realtà a nostro piacere. Fare poesia significa imparare a creare qualcosa di bello e si impara ad apprezzare quello che di bello ci propongono gli altri.

Si scrive di getto quando si vivono emozioni forti in positivo o in negativo, quando invece la vita scorre tranquilla la vena poetica sembra in letargo. Un piccolo libro che raccoglie le poesie di un periodo, del suo periodo. Raccoglie le sue parole, le sue sensazioni. Un libro dedicato alla sua insegnante “che ha saputo tirar fuori il poeta che è in me”. Un senso di gratitudine. Un senso di affetto. Ed è una ricompensa grande per chi ha saputo seminare bene in Michele. In un tempo dove regna il computer, la play, ritornare all’amore per la scrittura, all’amore per la lettura è un grande privilegio perché attraverso il linguaggio poetico si impara a poco a poco a conoscersi e questo serve per acquisire sicurezza e per costruire la propria identità. A Michele auguro di continuare a scrivere perché è uno strumento che non ci abbandona quando la vita è dura e non sappiamo come e a chi dirlo; strumento che non ci lascia soli quando la gioia ci sommerge e vorremmo lasciare tracce, dire a qualcuno che si può essere felici. Strumento per conoscere noi stessi quando ci siamo persi, per tenerci stretti quando ci sentiamo abbandonati, per innamorarci di questo sconosciuto che ci sta sempre accanto, che siamo noi perché alla fine veramente “vola solo chi osa farlo”. AD MAIORA!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/01/2022
2405/2022
San Vincenzo di Lerino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Gli Ultimi Jedi: quale redenzione è per sempre?

Un capitolo che è un vero e proprio esame di coscienza della serie e che, in un’epoca in cui gli esami sono fastidiosi, la coscienza un suppellettile dell’emotivo, quando non è un ostacolo, non potrà che provocare furiose ribellioni nei suoi affezionati (e già si sprecano le reazioni rabbiose online). Non possono più essere evitate le ombre del passato, nonostante l’attaccamento al sacro cavalierato del Lato Chiaro: «I Jedi devono scomparire», sentenzia il ritrovato maestro Skywalker, emerito nascosto in una versione nuragica del monastero Mater Ecclesiae (santuario ancestrale dello jedismo) e reticente a prendere come
discepola Rey (Daisy Ridley) «che viene dal nulla». Una ragazza che non ha nulla se non la scoperta di un’intima chiamata al di sopra della sua comprensione, che com’era stato per lui anni prima, si trova ora al centro delle sorti del suo tempo. Ella chiede di un maestro che tutto ha perso, dopo che tutto aveva guadagnato, perfino quel padre che sembrava perso del tutto, perché possa mostrarle donde proviene, la di lei origine «Cerco qualcuno che mi mostri dove si trova il mio posto».

Leggi tutto

Media

Giorgio Ponte torna con il terzo capitolo della sua trilogia Sotto il cielo della Palestina

Accanto a Yocabe sono presenti altri personaggi, altrettanto ben costruiti, che sono perfettamente inseriti nella storia. Essi ci consegnano, ognuno in modo differente, un frammento di riflessione sull’umanità che, sottomessa al dolore fin dal primo peccato, attende con ansia la parola di guarigione e salvezza

Leggi tutto

Società

La “resilienza” del fenomeno droga in tempo di pandemia Covid-19 e le nuove tendenze italiane.

La nuova strategia dell’UE in materia di droga per il periodo 2021-25 indica chiaramente che la risposta europea deve essere basata su dati concreti e realizzata attraverso un approccio equilibrato e integrato in base al suo impatto sulla salute, la sicurezza e il benessere dei nostri cittadini. L’EMCDDA ha il compito di contribuire a fornire i dati necessari per garantire che le politiche e le azioni europee in materia di droga siano coordinate, efficaci, ben mirate e reattive a nuove minacce e sfide

Leggi tutto

Storie

Yemen: il dramma dei bambini

Il conflitto nello Yemen ha appena raggiunto un altro spaventoso risultato: 10.000 bambini sono stati uccisi o mutilati dall’inizio dei combattimenti nel marzo 2015, vale a dire quattro bambini ogni giorno

Leggi tutto

Politica

Murro, Popolo della Famiglia: la legge di bilancio necessita il confronto

Murro, Popolo della Famiglia: ” nuova legge di bilancio. Opportuno sarebbe un confronto con le parti sociali”. Formazione e posti di lavoro sono alla base di tutto. Così Rosario Murro Popolo della Famiglia in una breve intervista.

Leggi tutto

Politica

APPELLO APERTO A GIUDICI E MAGISTRATI DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Appello ai giudici contro i soprusi del governo Draghi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano