Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Rawalpindi: cristiano accusato di blasfemia condannato a morte

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È il prigioniero pachistano da più tempo in carcere per il reato di blasfemia: dal 22 luglio 2012 il cristiano Zafar Bhatti, 57 anni, che si è sempre proclamato innocente, si trova nel carcere di Adiala a Rawalpindi. Adesso però si teme anche per la sua stessa vita dopo che il 3 gennaio scorso il giudice Sahibzada Naqib Shehzad della locale Corte distrettuale ha deciso di commutare la sentenza all’ergastolo che stava scontando in una pena di morte.

Bhatti - che aveva fondato una piccola ong locale chiamata “Jesus World Mission” per l’assistenza ai poveri - fu arrestato con l’accusa di aver inviato messaggi blasfemi da un cellulare la cui scheda non era intestata a suo nome. Nel 2017 era stato condannato al carcere a vita ai sensi del famigerato articolo 295-c del codice penale pachistano, per “aver disonorato il profeta Mohammad”. In carcere avrebbe anche subito violenze. In un’udienza per la revisione della sentenza l’avvocato Naseeb Anjum il 16 dicembre aveva sollevato numerose obiezioni alle accuse, ma la reazione del giudice di Rawalpindi è stata la sentenza di condanna a morte.

“Bhatti è innocente ed è stato incastrato ingiustamente nel caso di blasfemia. Quando ho sentito la notizia della sentenza di morte per Zafar non potevo smettere di piangere e pregare Gesù”, commenta Nawab Bibi, la moglie dell’uomo. La donna osserva che ai veri criminali è offerta la possibilità di essere scarcerati su cauzione, mentre suo marito resta in carcere perché un tribunale pregiudizialmente ostile si rifiuta di liberarlo. “Hanno cercato più volte di convincerlo a convertirsi all’islam per ottenere la libertà - aggiunge Nawab Bibi - ma Zafar resta forte nella sua fede”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/01/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Ciao Charlie

Ha smesso di soffrire è una cosa che pensiamo spesso, forse ogni volta che veniamo a conoscenza della dipartita di qualcuno come epilogo di una malattia dolorosa, magari lunga. Lo pensiamo come forma di sollievo, a volte lo diciamo anche ai parenti, credendo di consolare in questo modo.

Leggi tutto

Società

Corinaldo e le tre mele avvelenate

La distruzione, come in una gotica fiaba di Biancaneve, è veicolata da tre mele avvelenate che rappresentano tre dipendenze. Il brutto è che sono dipendenze diffusissime. Il bello è che si possono combattere, come tutte le dipendenze. Le tre mele avvelenate sono: l’alcool, la droga, la bulimia di denaro. Parto da quest’ultima: si è diffuso nel mondo musicale legato proprio a rap e trap questo metodo del cosiddetto dj set. Il dj set non è un concerto vero e proprio, il cosiddetto artista si fa vedere in tre o anche quattro location differenti nella stessa sera, “canta” due o al massimo tre pezzi, i più noti, si fa pagare un cachet stellare, sempre a cinque cifre. ....

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

Media

Editoria - Il Vangelo secondo Jack Kerouac

Il Vangelo secondo Jack Kerouac di Luca Miele è un’attenta lettura dell’opera del celebre padre della beat generation. Lo scrittore Luca Miele si sofferma sulle tracce della presenza di Dio nei suoi scritti. Dalla parola scritta risulta un Kerouac alla ricerca di una profonda relazione con un Dio che, tuttavia, risulta sempre in continua definizione, in una febbrile e tenace dinamica fatta di lotte, di contrasti, di domande che non possiedono mai una risposta definitiva

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Ragazza cristiana rapita si riunisce alla sua famiglia

Leggi tutto

Società

Non lasciamoci rubare la speranza

Auto-condannati ad un infelicità perpetua, storditi da un effimero imperante, si potrebbe ben riassumere così la situazione attuale della società occidentale con la panza piena e il cuore vuoto

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano