Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Camerun - Liberato il sacerdote sequestrato

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È libero padre Bekong Tobias, il sacerdote camerunese catturato da uomini armati in uniforme militare lo scorso 12 gennaio nei pressi della parrocchia di Saint Charles Lwanga, Checkpoint-Molyko, Buea, nella regione anglofona del sud-est del Camerun.

Il sacerdote è stato liberato lo stesso giorno della sua cattura dai suoi carcerieri la cui identità non è stata appurata. “Padre Bekong Tobias è stato rilasciato sano e salvo,

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/01/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

CAMERUN - La Chiesa infonde speranza

“La sfida maggiore che la Chiesa affronta nelle nostre terre è quella di condurre la vita pastorale tra un popolo che vive nella paura. La vita della nostra gente non ha una parvenza di normalità, molte famiglie sono costrette a scappare per il terrore di perdere la vita. Ma in tutta l’area i nostri sacerdoti sono rimasti accanto al popolo

Leggi tutto

Storie

CAMERUN - Liberati i 9 ostaggi catturati nell’assalto alla chiesa di Nchang

“Vogliamo ringraziare i Freedom Fighters of Ambazonia per averci rilasciato senza alcun pagamento di riscatto” afferma in un video, girato al momento della liberazione, uno dei 9 ostaggi che erano stati catturati lo scorso 16 settembre nell’assalto alla chiesa di Santa Maria, nel villaggio di Nchang, nella regione anglofona del sud-ovest del Camerun. La liberazione delle 9 persone detenute da più di un mese risale a sabato 22 ottobre.

Leggi tutto

Politica

Terence Hill e l’addio a Don Matteo

Terence Hill, intervistato dal settimanale “Tv Sorrisi e Canzoni”, ha rivelato che non avrebbe mai voluto lasciare la serie tv “Don Matteo” ma modificarne il numero delle puntate ma la RAI non ha accettato per questioni economiche

Leggi tutto

Media

Nigeria: liberato il sacerdote rapito a Ekiti

Don Michael Olofinlade era stato sequestrato il 14 gennaio da uomini armati nel sud ovest del Paese africano

Leggi tutto

Storie

Missionario liberato in Nigeria

Dopo le botte è svenuto, i rapitori hanno pensato fosse morto

Leggi tutto

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano