Chiesa

di Nathan Algren

Etiopia - Felicità per il rilascio delle religiose

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Ho parlato con lei direttamente l’ho trovata molto serena e nel complesso in buono stato. Non sa ancora le motivazioni per le quali è stata arrestata né quelle per cui è stata liberata. Dopo tanta paura e preoccupazione, adesso è il momento della felicità, ci sarà tempo per capire cosa sia successo e perché la nostra consorella è stata incarcerata”. Madre Raffaella Pedrini, Superiora Generale delle Suore Orsoline di Gandino, commenta così la buona notizia, giunta nella serata di domenica 16 gennaio, della liberazione di Suor Abrehet Teserma. La religiosa era stata arrestata ad Addisa Abeba lo scorso 30 novembre dalle forze di polizia governative, assieme ad altre cinque suore delle Figlie della Carità di San Vincenzo (anch’esse rilasciate) e due diaconi.

Racconta madre Pedrini: “Avendola sentita direttamente, posso dire con certezza che sta bene ed è in buone condizioni generali. Da questo immaginiamo che la consorella e le persone che hanno condiviso la prigionia siano state trattate bene. Suor Abrehet è stata prima reclusa in un cortile di un edificio di polizia e successivamente trasferita in una grande sala dove viveva insieme a un centinaio di altre persone, tutte, donne, prelevate nello stesso periodo. La nostra consorella era l’unica religiosa, le altre erano ragazze molto giovani”.

La liberazione arriva in un momento di possibile cambiamento di scenari nel grande Paese del Corno d’Africa, travolto da ormai 14 mesi da una terribile guerra iniziata nella regione del Tigray e tracimate in altre aree. Dal periodo precedente al Natale si sono succeduti timidi segnali di parziale interruzione delle ostilità e delle brutalità. I ribelli del Fronte Popolare di Liberazione del Tigray (TPLF) hanno dichiarato sul finire del 2021 un cessate il fuoco unilaterale e il ritiro incondizionato dalle regioni dell’Amhara e dell’Afar. Nel frattempo il Comitato per il Premio Nobel ha chiesto chiaramente al primo ministro Abyi, vincitore dell’ambito riconoscimento nel 2019, di “adoperarsi per porre fine al conflitto anche considerando le responsabilità speciali che ha un Premio Nobel”.
“Dopo momenti di angoscia e tanta sofferenza – aggiunge la Superiora delle Orsoline di Gandino – abbiamo potuto finalmente ringraziare il Signore per la liberazione della nostra consorella e delle altre religiose. Nei colloqui che ho avuto con la nostra comunità in Etiopia, abbiamo sempre avvertito la speranza e, allo stesso tempo, la convinzione di essere parte di un popolo e di condividerne le sofferenze, di vivere in piena solidarietà con tanti fratelli e sorelle.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/01/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Storie

Matrimonio lesbico in una chiesa di Macerata

Non lo è dal punto di vista giuridico (per quanto i nominalismi contino sempre di meno e le parole al giorno d’oggi assumano talvolta significati quasi opposti a quelli che rintracciamo nei dizionari), e non lo è nemmeno dal punto di vista sostanziale: il matrimonio è l’unione di un uomo e di una donna che suggellano un patto senza data di scadenza né fini espliciti, se non quello di mostrare la propria disponibilità alla vita che potrà venire, accoglierla, proteggerla, educarla e fornire alla società intera il dono impagabile di una nuova generazione.

Leggi tutto

Chiesa

Il santo dell’apologetica francese dell’800

Uomo di pensiero e di azione, Federico Ozanam è per gli universitari del nostro tempo, professori e studenti, un modello di impegno coraggioso capace di far udire una parola libera ed esigente nella ricerca della verità e nella difesa della dignità di ogni persona umana». Così Giovanni Paolo II, beatificandolo a Notre Dame, nel 1997, definiva il santo cui è stato assegnato uno dei posti più in ombra del calendario cattolico, la casella odierna, riempita dalla Vergine.

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco prepara l’incontro con il sultano

Svariati commentatori – anche alcuni amici – hanno voluto vedere nel logo che annuncia i preparativi per il prossimo viaggio di Papa Francesco in Marocco un cedimento sostanziale della pretesa cristiana di fronte a quella musulmana.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano