Storie

di Roberto Signori

Eutanasia: si uccidono anche i malati di Covid

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Quando la pandemia di Covid-19 è iniziata, tutti speravano nello sviluppo di una più efficace e convinta cultura della cura e della vita. Una speranza che c’era anche in Nuova Zelanda, ma che è stata abbondantemente disattesa.

Una nuova interpretazione da parte del Ministero della Salute della Nuova Zelanda della legge sul suicidio assistito recentemente promulgata, infatti, dimostra che la cultura della morte ha preso a pretesto il Covid per allargare il suo potere sui malati, ora uccisi con l’eutanasia proprio e anche perché affetti da Covid.

Il governo neozelandese ha dichiarato che “in alcune circostanze una persona con Covid-19 può essere idonea per la morte assistita”. DefendNZ, un gruppo pro-vita, ha citato la risposta del deputato nazionale Simon O’Connor che ha osservato, durante una interrogazione al Ministro, che il ‘New Zealand End of Life Choice Act’ pone “troppa discrezionalità tramite i giudizi dei medici”.

In tutto il mondo si moltiplicano i casi di malati definiti terminali che invece lasciano l’ospedale con le proprie gambe, non perché miracolati, ma perché la natura, le cure e il corpo di ciascuno reagiscono in modo diverso. Non tutte le previsioni mediche sul breve tempo di vita del malato sono confermate e moltissimi sono i casi di famiglie che decidono di ‘non staccare la spina’ e dopo un lungo o breve periodo di tempo i propri cari sono stati in grado di non usare il ventilatore e hanno riacquistato la funzionalità di reni, polmoni e fegato.

Lo stesso dovrebbe essere per il Covid-19, che non è letale per tutti i pazienti e non vi è alcuna certezza che un paziente malato di Covid e che incorre in altre malattie potenzialmente letali, morirà proprio per questa causa entro pochi mesi. Tuttavia, la Nuova Zelanda autorizza un omicidio legalizzato per coloro a cui è stato diagnosticato proprio il Covid, con la “scusa” che si può morire a causa del virus e si potrebbe soffrire in “modo insopportabile” per le sue conseguenze.

L’interpretazione neozelandese dell’eutanasia ed i suo ampliamento ai malati di Covid crea un contagio di uccisioni, che va ben oltre i “limiti” inizialmente intesi dai fautori della legge. A differenza dell’editto neozelandese, Renato Oliveira y Souza, capo dell’Unità di salute mentale presso la Pan American Health Organization (PAHO), ha avvertito che la pandemia di Covid-19 ha esacerbato i fattori di rischio associati ai comportamenti suicidi. Ha sostenuto che piuttosto che dare una licenza sfrenata ai medici di uccidere il loro pazienti, “c’è bisogno di azioni concrete affinché i governi creino e investano in una strategia nazionale globale per migliorare la prevenzione e la cura del suicidio”.

Non a caso, dal dicembre scorso ad oggi, solo 96 dei 16.000 medici della Nuova Zelanda si sono offerti di partecipare all’attuazione della nuova direttiva e tutti tranne uno dei 32 ospizi della nazione hanno detto che non permetteranno l’uccisione a causa del Covid. La spinta al suicidio assistito è in realtà una corruzione della compassione.

Va sottolineato come l’interpretazione relativa al Covid-19 da parte del Ministero della Salute della Nuova Zelanda del “End of Life Choice Act” viola il principio ampiamente condiviso in tutto il mondo sul diritto alla vita e, d’incanto, mette in campo il principio opposto: la vita è rispettata fino a quando non si soffre di una malattia, dopodiché è il Sistema Sanitario che tutela se stesso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/01/2022
2405/2022
San Vincenzo di Lerino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Quarant’anni di Movimento per la Vita

Il 22 maggio del 1975 nasceva a Firenze il primo centro di aiuto alla vita, nucleo originario di un movimento che ha fatto la storia della difesa dei più deboli in Italia

Leggi tutto

Storie

Claudio Chieffo e la sua musica per la vita

Claudio Chieffo è una di quelle “dimenticanze” a cui ci abituati il secolarismo contemporaneo. Perché se sei cristiano – e scegli di professare la tua fede attraverso l’arte o la letteratura in modo diretto – non ti viene dato quel rilievo che meriteresti. Nemmeno se ti onora della tua amicizia uno come Guccini. Nemmeno se riesci a rendere pensoso uno come Gaber, che diceva: «Nelle canzoni di Claudio c’è un’onestà, una pulizia, un amore naìf che fa pensare. Siamo profondamente diversi, non solo per le sicurezze che lui ha e che io non ho, ma soprattutto perché nelle sue canzoni lui non fa mistero delle sue certezze». Stupirsi di questa “dimenticanza” del mondo laico vorrebbe dire non aver compreso nulla del Cristianesimo. Indignarsi meno ancora. Zittire le voci che inquietano è, da sempre, provare a zittire la Voce, l’unica, che rivela l’uomo a se stesso. Si suppone (ma la speranza è sempre in modalità on per chi professa Cristo) che non ci saranno tributi televisivi di un certa rilevanza nazionale per i 10 anni dalla sua morte, il 19 Agosto prossimo. Come se non avesse mai avuto un pubblico. Ma ci sarà una Messa, celebrata da mons. Luigi Negri. E si può essere certi che a lui, dov’è ora, questo “ricordo” piacerà anche più di un tributo.

Leggi tutto

Politica

Una strada per liberi e forti

Nei giorni in cui c’è stato e c’è chi insistentemente afferma che il Popolo della Famiglia non serve più a niente non avendolo condotto immediatamente al seggio parlamentare, dunque meglio acconciarsi a sostenere i nuovi potenti e il governo del Trentennio, io resto sempre più convinto del progetto pidieffino e provo a delinearlo per quello che è, per quello per cui l’abbiamo fondato nel marzo 2016, per quello per cui credo che abbia ancora lo stesso inalterato senso ventotto mesi dopo e nel futuro a venire.

Leggi tutto

Società

Non legalizzate il suicidio, già seconda causa di morte tra i giovani

Leggi tutto

Società

Lo scorrere della vita

Una riflessione su come gli eventi della nostra vita, anche quelli più dolorosi, siano buoni per noi. Ci lasciano cicatrici e segni, ma proprio attraverso di loro affrontiamo il presente e il futuro. Sono le mappe per farci arrivare a destinazione; sono il ricordo, indelebile, che in quei momenti bui non eravamo soli. Qualcuno ha disinfettato e suturato quegli squarci dell’Anima. Dal profondo di tenebra siamo usciti spinti, verso una nuova realtà di Luce, da una forza irresistibile.

Leggi tutto

Politica

DOPO L’OMOFOBIA TOCCA ALLA DROGA LIBERA E ALL’EUTANASIA

Possiamo vincere le battaglie sulle questioni essenziali che sono alla base del nostro impegno civile: quanto accaduto durante il voto sul ddl Zan al Senato della Repubblica dimostra che le minoranze ben organizzate e convinte sul piano valoriale possono sconfiggere maggioranze ideologiche e supponenti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano