Storie

di Nathan Algren

Madre surrogata da record “distratta”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Carole Horlock è probabilmente la madre surrogata più prolifica della Gran Bretagna. Ha portato in grembo e dato via 13 bambini prima di ritirarsi nel 2012 all’età di 49 anni. Ma ha rivelato di aver inavvertitamente dato via uno dei suoi stessi figli.

La Horlock ha detto al programma televisivo Good Morning Britain che nel giugno 2004 ha dato alla luce un bambino di 9 libbre e 4 once che credeva fosse stato concepito con il suo uovo e lo sperma del suo cliente. Tuttavia, dopo 6 settimane, la coppia committente ha fatto un test del DNA e ha scoperto che il bambino era in realtà il figlio di Horlock e suo marito Paul.

Carole e Paul hanno comunque deciso di dare in adozione il bambino. Per loro è stata una decisione dolorosa. Per ognuno di loro si trattava di un secondo matrimonio e avevano deciso di non avere figli.

Ma è stato comunque uno strazio: «Questo ragazzino è stato creato accidentalmente con un atto d’amore tra me e il mio partner. Non lo sapevamo quando lo abbiamo consegnato. “Ci siamo angosciati sul cosa fare, ma alla fine abbiamo deciso di lasciarlo tenere».

«La gente mi ha chiesto: “Come hai potuto dare via questo bambino visto che questo è tuo?”, ma molti dei bambini surrogati che ho dato via sono stati miei biologicamente. La differenza era che era anche di Paul. Non abbiamo mai smesso di pensare a lui. Viviamo nella speranza che sia consapevole di noi e, quando compirà 18 anni, vorrebbe vederci».

Sono rimasti in contatto con l’altra coppia per alcuni anni, ma alla fine si persero i contatti.

Carole ha dichiarato a The Mirror : «Sono in contatto con quasi tutti i miei bambini surrogati, ma non con lui. Con il passare degli anni pensiamo a lui tutto il tempo. Paul ha sviluppato un problema cardiaco e mi si spezzerebbe il cuore se non lo incontrasse mai».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/01/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Netflix Italia celebra l’utero in affitto

La pellicola, di Marco Puccioni e Luca De Bei, ha come protagonisti una coppia di uomini che hanno avuto un bambino grazie al ricorso all’utero in affitto e, come viene dichiaratamente espresso anche nello stesso trailer, il film fa passare un messaggio “positivo” nel far uso di questa abominevole pratica.

Leggi tutto

Politica

Grideranno i ragazzi

Il quotidiano la Repubblica dona una pagina a Monica Corinna’ e lei ci prospetta il suo mondo futuro. Un mondo voluto da minoranze e creato a colpi di fiducia parlamentare. Fortunatamente esiste il Popolo della Famiglia e vi sono i referendum abrogativi!

Leggi tutto

Storie

USA - Coppia gay cita in giudizio la clinica

I Saniger, sposati nel 2013, sognavano di avere due bambini, entrambi maschi. Prima di convolare a nozze, nel 2015 la coppia aveva già scelto il primo e il secondo nome per i loro futuri figli e aveva creato gli account Gmail per la futura prole con nome e cognome.

Leggi tutto

Società

Che cosa un Borsellino avrebbe potuto dire dell’utero in affitto

Leggi tutto

Società

A maggio “la fiera sulla fertilità”

Le date sono state fissate, per sabato 21 e domenica 22 maggio, mentre il luogo è ancora sconosciuto. Milano, come è stato comunicato alle famiglie che si sono iscritte alla newsletter per ricevere informazioni, ospiterà l’evento “Un sogno chiamato bebè“.

Leggi tutto

Società

Se un single adotta una down

La notizia impazza sulle pagine dei giornali come prodromica dell’annunciata e formidabile riforma Boschi sulle adozioni (nella quale, comunque, potranno continuare ad adottare «anche le
famiglie tradizionali» – sic!). La sola crudele certezza, invece, è che abbiamo costruito un sostrato sociale in cui otto coppie possono abbandonare una neonata solo perché affetta da trisomia 21

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano