Società

di Roberto Signori

Germania: medici potranno informare le pazienti su come abortire

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il governo tedesco è pronto a revocare il divieto sulla promozione dell’aborto in vigore nel Paese dal periodo nazista. Lo ha annunciato il ministro della Giustizia, Marco Buschmann, che ha già presentato un disegno di legge per rimuovere il divieto che oggi impedisce anche ai medici di dare informazioni sull’interruzione della gravidanza. Il guardasigilli tedesco ha definito “insostenibile” la condizione dei diritti riproduttivi delle donne nel Paese.

In Germania, il divieto di pubblicità sull’aborto è presente nel codice penale in forza di una legge dell’era nazista in vigore dal 1933. La norma lascia molte zone di incertezza giuridica, ma è stata fortemente criticata negli ultimi decenni per aver reso più difficile l’accesso all’aborto. “I medici - ha detto il ministro - dovrebbero essere in grado di informare il pubblico sull’aborto senza correre il rischio di essere perseguiti penalmente”.

I partiti del nuovo governo tedesco, che mette assieme socialdemocratici, liberali ed ecologisti, avevano pianificato di proporre tale riforma durante i negoziati di coalizione dello scorso novembre. Uno dei motivi che hanno convinto gli alleati di coalizione a presentare il disegno di legge è la continua incertezza giuridica per i professionisti sanitari e medici che forniscono assistenza alle donne in gravidanza.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/01/2022
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Giovanni Paolo I e l’aborto

Su Rai Storia lo speciale dedicato a Papa Luciani a cura di Paolo Mieli con la consulenza del vaticanista Andrea Tornielli

Leggi tutto

Società

Aiutare la donna contro l’aborto

Esiste una battaglia interna alla galassia dei gruppi antiabortisti: l’aborto si sconfigge abrogando le leggi che lo permettono oppure no? Certamente ogni legge fa cultura, ma se Ippocrate giurò di non praticare aborti lo si deve al fatto che se ne sono sempre praticati, coi metodi più fantasiosi (e pericolosi). Forse una sana Realpolitik chiede di cominciare a far osservare integralmente la legge.

Leggi tutto

Società

La morte vince sulla giustizia?

Il processo a Marco Cappato si sta rivelando per la passerella di radicali che a suo tempo annunciammo. Fummo facili profeti: ieri il PM Tiziana Siciliano ha chiesto l’assoluzione per Marco Cappato, addirittura arrivando a dire che «oggi lo Stato è Marco Cappato», e torcendo nella sua arringa le parole di Primo Levi e di Thomas More. L’alternativa è rivedere direttamente l’art. 580.

Leggi tutto

Società

Utero in affitto: un’ostetrica scrive in lettera aperta a Roberto Saviano

«Avere un figlio è un piacere [sic!] che nessuno può vedersi negato»? Una professionista dell’accompagnamento alla genitorialità risponde al filosofo.

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Società

India: Mumbai aborto ‘terapeutico’ per condizione sociale

Con un verdetto controverso i giudici hanno autorizzato l’interruzione di gravidanza alla 26ma settimana per una diciottenne non sposata il cui feto è sano e non presenta rischi fisici per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano