Storie

di Tommaso Ciccotti

Brasile: prosegue la missione della nave ospedale Papa Francesco

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Non più solo Covid: la nave ospedale “Papa Francesco” nell’imminente missione per la quale sta partendo, con il suo team multi-professionale, fornirà vaccinazioni e prestazioni diverse - medicina generale, odontologia, oftalmologia, ginecologia, pediatria, radiologia, esami di laboratorio, elettrocardiografia, mammografia, ecografia, raggi X - alla popolazione dell’area di Curuá, a ovest di Pará, dove i residenti delle comunità della zona fluviale del comune faticano ad accedere alle strutture sanitarie per curarsi. L’iniziativa ha il sostegno del Segretariato Comunale della Salute.

“Non potremmo essere fuori da questa lotta. Ci siamo uniti, abbiamo riorganizzato i nostri servizi per combattere anche contro il Covid 19 ma non solo - ha detto fra’ Joel Sousa, che fa parte del Coordinamento della nave ospedale - stiamo lottando e cercando di portare la salute di fronte alla necessità del nostro popolo, soprattutto coloro che sono nel bisogno”, ha detto. I professionisti a bordo aiutano anche a sensibilizzare la popolazione assistita: “Stiamo assistendo principalmente ai sintomi dell’influenza e ai lievi sintomi del Covid 19 su base ambulatoriale. Il medico esegue le consultazioni e noi consegniamo anche le medicine, insieme al dipartimento della salute locale”.

“Questa barca ha già fatto grandi miracoli nella vita della nostra gente del fiume, portando salute e speranza. Poiché siamo anche chiamati ad essere una Chiesa che esce, siamo un ospedale che esce all’incontro”, ha detto ancora fra’ Joel Sousa. Nei giorni tra il 21 e il 23 gennaio, i servizi saranno concentrati nel “polo del centro commerciale”, nelle comunità Santana, Vila Barbosa, Costa da Madalena e Costa do Iranduba; il 24 e 25 gennaio, sarà il turno del polo Rio da Ilha, San Pietro, Spirito Santo e Ourives.

La nave ospedale “Papa Francesco” è nata nel 2013 da un’idea Fr. Francesco Belotti, della Fraternità San Francesco d’Assisi nella Provvidenza di Dio, con l’obiettivo di fornire aiuto a due ospedali nel territorio della diocesi di Obidos, in Pará. In risposta alla chiamata di Papa Francesco alla missione in Amazzonia, i frati, sostenuti dal vescovo di Obidos, monsignor Bernardo Bahlmann, hanno così centrato l’obiettivo di portare la salute tra le popolazioni che vivono lungo il fiume. L’imbarcazione attraversa le acque del Rio delle Amazzoni ufficialmente da settembre 2019; da allora sono state fornite più di 46mila consulenze, distribuite tra i comuni che costeggiano il Rio delle Amazzoni. Con una lunghezza di 32 metri, la nave può ospitare fino a 23 professionisti della salute e fino a 30 membri dell’equipaggio. Ospita sale per servizi medici come radiografia, mammografia, ecocardiografia, test ergometrico, sala operatoria, laboratorio di analisi, farmacia, sala di vaccinazione, studi medici, studio oculistico e dentistico, e anche letti di ricovero. A sostenere l’iniziativa, anche Papa Francesco che, attraverso l’impegno del suo elemosiniere, il cardinale Konrad Krajewski, ha donato all’imbarcazione un ecografo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/01/2022
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una madre che protegge i propri figli

Che la dialettica degli strumenti di produzione dovesse portare, con l’abolizione della famiglia, alla scomparsa della prostituzione è un assunto indeducibile. Ma una volta eliminati i principi morali familiari che davano un senso al sesso, quest’ultimo è straripato e porta rovina ovunque

Leggi tutto

Storie

Gente che è stata muta

Meno sbarchi significa oggettivamente meno morti in mare e meno business sulla pelle dei migranti.  questo governo come Popolo della Famiglia non abbiamo mai fatto sconti, ma nel caso specifico il comportamento è quello corretto e chi protesta e fa sceneggiate è attivato dallo stesso cinismo, fa solo campagna elettorale. A noi interessa parlare di bene comune in materia di immigrazione e lo si fa solo tornando a istituire i flussi, trattandoli per quote a livello europeo, facendo arrivare i migranti integrabili per via aerea o con i corridoi umanitari, spazzando via il business dei mercanti di uomini in Africa e anche in Italia. Salvando così davvero migliaia di uomini, donne e bambini da morte certa nel Mediterraneo e ancora di più nel deserto che molti non riusciranno mai ad attraversare. E andando a prelevare dai Paesi africani migranti che siano veramente in stato di bisogno, perché quattromila euro a uno scafista li può dare solo chi appartiene al “ceto medio” africano e per questo il 90% di chi sbarcava sulle nostre coste negli anni passati era composto da maschi adulti. Troppi dei quali capaci poi di delinquere anche in forma organizzata (la mafia nigeriana è solo uno degli esempi, la fitta rete degli spacciatori tunisini, algerini e marocchini ne è un altro) in collaborazione con le forme nostrane di criminalità specie nel Sud Italia ma non solo.

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Chiesa

Il programma ufficiale del viaggio spirituale di Papa Francesco in Ungheria e Slovacchia

Tre giorni ricchissimi di impegni, dal 12 al 15 settembre prossimi, per Papa Francesco che presiederà la Messa finale del Congresso Eucaristico internazionale a Budapest per poi trasferirsi a Bratislava. Visite nelle città di Košice, Prešov e Šaštin. Appuntamenti con giovani, vescovi, rom e una Divina liturgia bizantina.

Leggi tutto

Società

Il libro che avrei voluto scrivere per mia figlia adolescente (e non solo)

Cosa significa educare al Bello quando si tratta di sessualità? Significa ridare alla persona il ruolo centrale, senza estrapolare i suoi genitali da un contesto complesso: Thérèse Hargot, infatti, parlando di sessualità, sta molto attenta a smontare pezzo per pezzo le ideologie tronfie della Sessuologia pornificata della nostra cultura, che tende a rendere la persona l’oggetto attraverso cui godere (rapidamente e
irresponsabilmente) attraverso ridicole pratiche erotiche piuttosto noiose. T

Leggi tutto

Chiesa

Le vere parole di Gesù.

Nel cammino della storia, nella Chiesa, lo Spirito ci conduce tendenzialmente sempre più all’essenziale del discernere concreto, divino e umano, del Gesù dei vangeli. Un percorso dunque dove ciò che non è strettamente essenziale può venire lasciato ad una libera interpretazione che dunque non impegna la fede comune.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano