Chiesa

di Giuseppe Udinov

Sagrada Familia; quasi pronte le due nuove torri degli Apostoli

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo la solenne inaugurazione della Torre di Maria della Sagrada Familia di Bercellona, la chiesa iniziata da Antoni Gaudì il 19 marzo del 1882 e ancora in costruzione, il 2022 dovrebbe vedere la inaugurazione delle Torri degli Evangelisti Luca e Marco nel 2022.

La notizia viene dalla Commissione costruttrice che ha confermato che “se la situazione evolverà positivamente”. Inoltre, dovrebbero essere costruiti altri tre livelli della torre di Gesù Cristo, come Catalunyareligio.

La Commissione costruttrice della Sagrada Familia ha inoltre reso pubblico il suo desiderio di completare la torre di Gesù Cristo nel 2026, fatto che “dipenderà dall’andamento delle visite”, hanno assicurato dal tempio espiatorio. Il 2022 sarà anche l’anno in cui inizieranno i lavori di conservazione e pulizia della facciata della Natività, a partire da due dei quattro terminali.

Le torri degli evangelisti saranno alte 135 metri una volta completate. Saranno coronate da terminali alti circa 22,5 metri. Il disegno delle torri è simile a quello dei campanili sulle facciate.

I terminali degli evangelisti avranno tre parti diverse: in quella inferiore ci saranno gli scudi esagonali con le lodi Amen e Alleluia; più in alto si potrà vedere un icosaedro con il riflettore che illuminerà la Croce; e, in cima alla torre, ci sarà la corrispondente figura del tetramorfo con il libro e le ali, figure a cui l’iconografia cristiana ricorre da secoli per rappresentare gli evangelisti: un uomo o angelo, un leone, un bue e un’aquila.

Se le scadenze saranno rispettate, tre delle cinque torri centrali completate saranno visibili nel 2022. Quella della Vergine, inaugurata lo scorso 8 dicembre, finora è l’unica completata. Dopo di queste rimarranno da innalzare le due torri degli evangelisti Matteo e Giovanni, la torre di Gesù Cristo e le quattro torri della facciata della Passione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/01/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e gli esercizi spirituali ad Ariccia

“Come possiamo aiutare i cristiani del nostro tempo a non perdere la fede, a riprendere coscienza della propria fede, quella di cui si parla nel Nuovo testamento, la fede gioiosa, totalizzante, l’adesione alla persona di Gesù, come possiamo fare perché non avvengano più questi suicidi?”.

Leggi tutto

Politica

Quanto ai lobbisti della borsa valori

Mentre Giorgia Meloni giustamente s’intesta le vittorie di Sicilia e
di Ostia, da alcuni improbabili pulpiti si alzano fumose rivendicazioni

Leggi tutto

Chiesa

INFLUENZE CRISTIANE NELLA MUSICA POPOLARE

Abbiamo cercato Cristo nelle canzoni e l’abbiamo trovato in un sacco di posti, anche dove non avremmo immaginato. Ecco una piccola guida all’ascolto per scoprire autori, generi e canzoni del mondo anglosassone che hanno messo Gesù e il suo messaggio al centro della loro ispirazione.

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

Chiesa

Febbraio 1945: Bosnia Erzegovina: i 30 martiri di Široki Brijeg

Durante la dominazione turca della Bosnia-Erzegovina, dodici francescani originari dell’Erzegovina e provenienti da Kresevo in Bosnia, decisero di costruire un monastero nella loro terra d’origine, come segno della fede, e scelsero la località di Široki Brijeg. Si sistemarono in questo piccolo villaggio e, dopo aver comprato un caro prezzo un grande appezzamento di terreno, iniziarono a costruire la chiesa dedicandola alla Madonna Assunta in Cielo. Subito iniziarono anche i lavori per edificare il monastero e successivamente un edificio da adibire a seminario.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano