Chiesa

di Giampaolo Centofanti

La via chiave

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Come è bello e vitale meditare il vangelo personalmente, comunitariamente.

Gesù parla del Battista come di colui che riconduce i cuori dei padri verso i figli e i ribelli alla sapienza del Signore. E quando esordisce con la propria predicazione invita a percepire oltre, perché il regno dei cieli è vicino. È tutto un aprirsi ad un continuo rinnovamento di tutto l’uomo, del suo discernere integrale. Un lasciarsi toccare dalla grazia dello Spirito, venendo portati al di là delle proprie strutturazioni. E lo Spirito viene in lui e sempre in lui in vario modo attraverso ogni cosa, se non si vuole vivisezionarlo, ingabbiarlo.

La profonda anche simpatia di Maria e di Gesù emerge in questo semplice affidarsi a Dio, sempre nella sua Luce, senza alcun interesse, alcuna logica, di potere, di apparato. Ha disperso coloro che apparivano sopra nei pensieri del loro cuore, ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato i piccoli, ha colmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote, ha soccorso Israele suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva promesso ai nostri padri, ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Non sono i potenti ma i piccoli coloro che collaborano alla storia profonda. Coloro che, come ad essi possibile, cercano di lasciarsi portare oltre. Gesù ci ha detto che lo Spirito ci condurrà alla verità tutta intera, ricordandoci la sua vita e le sue parole in mezzo agli altri, fin dalla Galilea, riportandoci sempre più profondamente a lui. Miei testimoni perché con me fin dal principio. Nella Chiesa, con la Chiesa, non fermandoci a mediatori terreni, fossero pure Agostino o l’Aquinate. Lasciarci sempre più guidare dalla sua Parola senza darla per scontata, metterci alla sua sequela nella fede e non solo in corsi, lezioni, anche nella pastorale ordinaria.

Meditando insieme con la guida spirituale il vangelo nel cammino di fede comunitario si sperimenta di venire formati da Gesù stesso lì presente, nell’appuntamento dato ai suoi discepoli: “Non temete; andate ad annunziare ai miei fratelli che vadano in Galilea e là mi vedranno” (Mt 28, 10).

Lasciarci portare oltre in questo dialogo, in questa preghiera, gradualmente, tendenzialmente, personale e comunitaria, con Maria, nell’attesa di una sempre nuova Pentecoste sembra la strada indicata da lui stesso per vivere e trovare sempre più le vie della vita oltre ogni ostacolo, chiusura, cecità, ripiegamento…

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/01/2022
0410/2022
S. Francesco d'Assisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Se Gesù diventa un guru new age

Massimo Gramellini per contestare le parole del cardinale Parolin sul referendum irlandese (“una sconfitta per l’umanità”) si inventa un Gesù “maestro di tolleranza”. Gesù è amore e verità, nel suo vocabolario non c’è la “tolleranza”

Leggi tutto

Chiesa

Ostacoli e doni spirituali

Oggi astrazioni, volontarismi, che vengono trasmessi dalle guide possono non poco complicare la crescita di molti. Ridurla ad una conoscenza intellettualistica, ad un fare, centrarla poco sulla sequela nella fede di Gesù, quello dei vangeli e dunque tra l’altro nella sempre nuova scoperta del suo discernimento divino e umano e delle sue mille grazie che vengono in mille modi.

Leggi tutto

Chiesa

Il vuoto pneumatico

...... Ma io che vedo ogni cosa straniata in questo tempo da un pensiero malato, io sento anche un invincibile canto, come il fiore germogliato nella crepa del muro, come il verso imperterrito del gallo…

Leggi tutto

Chiesa

400 profeti?

Se la profezia trova tutte le porte del potere aperte è profezia? Non è spesso il popolo a riconoscere per primo, dal vivo, i profeti, sperimentandone i benefici concreti?

Leggi tutto

Società

L’arte di odiare degli inluencer.

In questi tempi virtuali siamo circondati da un sacco di influenzatori che cercano, con la prosopopea tipica dell’arruffa popolo, di erigersi a paladini di diritti inesistenti, facendo per giunta passare il popolo italiano come retrogrado, razzista, bigotto e medioevale. Sono in realtà dei lupi travestiti da agnelli che conducono gli sciagurati seguaci verso il burrone senza fine di un ideologia perversa che ignora i problemi reali della gente comune. Il guaio è che, facendo incetta di proseliti, aizzano feroci dobermann al loro seguito pronti a sbranare chi non si inginocchia ad adorare questi nuovi dei.

Leggi tutto

Chiesa

Le principali tendenze della Chiesa

Ecco alcune riflessioni sulla situazione concreta in ambito ecclesiale di don Paolo Centofanti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano