Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco ed il bello dell’ascoltare

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lo sguardo di Francesco nel Messaggio per la 56.ma Giornata delle Comunicazioni sociali è alle nuove forme dell’informazione attuale, ma l’invito a giornalisti e comunicatori è ad andare in profondità e cogliere l’essenza di ciò che si racconta, si pubblica, si registra. Azione possibile solo attraverso l’“ascolto”, che non significa “origliare o spiare” o tantomeno “parlarsi addosso” come spesso accade nel dibattito pubblico, ma “l’ascolto di sé, delle proprie esigenze più vere, quelle inscritte nell’intimo di ogni persona”.

Per una trentina di volte nel documento per la Giornata che si celebra il 29 maggio 2022, Francesco ripete questo verbo che idealmente fa seguito a quell’“andare e vedere” e “sporcarsi la suola delle scarpe” del Messaggio dello scorso anno. L’ascolto, scrive il Papa, “interpella chiunque sia chiamato ad essere educatore o formatore, o svolga comunque un ruolo di comunicatore”: dal genitore all’insegnante, dal comunicatore all’operatore pastorale o il politico.

Ascoltare “rimane essenziale per la comunicazione umana”, tuttavia la tendenza è quella di “voltare le spalle e chiudere le orecchie”. “Il rifiuto di ascoltare finisce spesso per diventare aggressività verso l’altro”, sottolinea Papa Francesco. Il rischio è grave:

Solo facendo attenzione a chi ascoltiamo, a cosa ascoltiamo, a come ascoltiamo, possiamo crescere nell’arte di comunicare, il cui centro non è una teoria o una tecnica, ma la capacità del cuore che rende possibile la prossimità.

“Tutti abbiamo le orecchie, ma tante volte anche chi ha un udito perfetto non riesce ad ascoltare l’altro. C’è infatti una sordità interiore, peggiore di quella fisica”, annota il Pontefice. In quest’ottica, sposta l’attenzione sulla realtà delle migrazioni forzate, problematica complessa che nessuno “ha la ricetta pronta” per risolverla.

Per vincere i pregiudizi sui migranti e sciogliere la durezza dei nostri cuori, bisognerebbe provare ad ascoltare le loro storie. Dare un nome e una storia a ciascuno di loro. Molti bravi giornalisti lo fanno già. E molti altri vorrebbero farlo, se solo potessero. Incoraggiamoli! Ascoltiamo queste storie! Ognuno poi sarà libero di sostenere le politiche migratorie che riterrà più adeguate al proprio Paese. Ma avremo davanti agli occhi, in ogni caso, non dei numeri, non dei pericolosi invasori, ma volti e storie di persone concrete, sguardi, attese, sofferenze di uomini e donne da ascoltare.
Con la stessa apprensione, il Papa incoraggia a sfrondare quel muro di disillusione e cinismo sorto tra la gente comune, alimentato sicuramente dalla pandemia.

Tanta sfiducia accumulata in precedenza verso l’“informazione ufficiale” ha causato anche una “infodemia”, dentro la quale si fatica sempre più a rendere credibile e trasparente il mondo dell’informazione.
“Bisogna porgere l’orecchio e ascoltare in profondità, soprattutto il disagio sociale accresciuto dal rallentamento o dalla cessazione di molte attività economiche”, incoraggia il Papa. Attenzione, però, perché “c’è un uso dell’udito che non è un vero ascolto, ma il suo opposto: l’origliare”.

Una tentazione sempre presente e che oggi, nel tempo del social web, sembra essersi acuita è quella di origliare e spiare, strumentalizzando gli altri per un nostro interesse. Al contrario, ciò che rende la comunicazione buona e pienamente umana è proprio l’ascolto di chi abbiamo di fronte, faccia a faccia, l’ascolto dell’altro a cui ci accostiamo con apertura leale, fiduciosa e onesta.

Un’altra deriva dell’ascolto è quella che “appare purtroppo evidente anche nella vita pubblica, dove, invece di ascoltarsi, spesso ci si parla addosso”, aggiunge il Papa. È “sintomo del fatto che, più che la verità e il bene, si cerca il consenso; più che all’ascolto, si è attenti all’audience”. La buona comunicazione, invece, “non cerca di fare colpo sul pubblico con la battuta ad effetto, con lo scopo di ridicolizzare l’interlocutore, ma presta attenzione alle ragioni dell’altro e cerca di far cogliere la complessità della realtà”, sottolinea il Papa. E questo vale pure per i dibattiti nella Chiesa.

È triste quando, anche nella Chiesa, si formano schieramenti ideologici, l’ascolto scompare e lascia il posto a sterili contrapposizioni.

Ancora un rischio evidenzia il Pontefice e cioè che “in molti dialoghi noi non comunichiamo affatto”, ma “stiamo semplicemente aspettando che l’altro finisca di parlare per imporre il nostro punto di vista”. Il dialogo diventa così “un duologo, un monologo a due voci”, scrive Francesco mutuando un’espressione del filosofo Abraham Kaplan.

Non si comunica se non si è prima ascoltato e non si fa buon giornalismo senza la capacità di ascoltare. Per offrire un’informazione solida, equilibrata e completa è necessario aver ascoltato a lungo. Per raccontare un evento o descrivere una realtà in un reportage è essenziale aver saputo ascoltare, disposti anche a cambiare idea, a modificare le proprie ipotesi di partenza.

“Solo se si esce dal monologo, si può giungere a quella concordanza di voci che è garanzia di una vera comunicazione”, rimarca il Papa. Che ricorda una delle regole base del giornalismo, quella di “ascoltare più fonti” e “non fermarsi alla prima osteria”, perché ciò “assicura affidabilità e serietà alle informazioni che trasmettiamo”.
Certo, l’ascolto è una “fatica”, ammette il Papa. Come affrontarla? Francesco richiama quel “martirio della pazienza”, cifra dell’opera diplomatica del cardinale Agostino Casaroli: questa virtù si rendeva necessaria “per ascoltare e farsi ascoltare nelle trattative con gli interlocutori più difficili, al fine di ottenere il maggior bene possibile in condizioni di limitazione della libertà”. Ma anche in situazioni meno difficili l’ascolto richiede pazienza, insieme alla capacità di “lasciarsi sorprendere dalla verità”, fosse pure solo “un frammento”.
In sostanza è un “apostolato dell’orecchio” quello che domanda il Vescovo di Roma. Quello che, si spera, possa caratterizzare il processo sinodale.

Quindi il Papa conclude: “preghiamo perché sia una grande occasione di ascolto reciproco. La comunione, infatti, non è il risultato di strategie e programmi, ma si edifica nell’ascolto reciproco tra fratelli e sorelle. Come in un coro, l’unità non richiede l’uniformità, la monotonia, ma la pluralità e varietà delle voci, la polifonia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/01/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco e la pace

Dopo l’Angelus Francesco ricorda che martedì si recherà al Colosseo per pregare insieme ai leader delle religioni mondiali per la pace in Ucraina e nel mondo

Leggi tutto

Chiesa

PAPA FRANCESCO: il segreto della santità

Il tweet del Papa nella giornata in cui è stato presentato il convegno in programma alla Lateranense dal 9 all’11 novembre per il 40.mo della costituzione apostolica “Divinus Perfectionis Magister”

Leggi tutto

Storie

OSTIA INSEGNA: DALL’AFRICA NON SOLO PAURA, MA SPERANZA

La cattedrale della città del cardinale decano vescovo di Ostia, spalla del sommo pontefice: è retta da sacerdoti africani, seguaci di Sant’Agostino, Ostia è centro della cristianità e della cultura delle chiese lidensi

Leggi tutto

Storie

Escrementi e urina nell’acquasantiera

Una vera e propria aggressione, e non una bravata, secondo don Renato Trapani, che ha denunciato il ritrovamento di escrementi nelle acquasantiere della chiesa di Sant’Adiutore di Cervinara, in provincia di Avellino. Il luogo di culto sarebbe stato profanato da ignoti, secondo il racconto de Il Caudino, che avrebbero riempito l’acquasantiera con escrementi umani e urina. E’ stato don Renato nella messa del mattino, alle 7 e 30 di domenica scorsa a riferire ai fedeli quanto è accaduto nella chiesa.

Leggi tutto

Politica

Mai più un soldo pubblico a questi blasfemi (e fuori dalle scuole)

Decine di migliaia di euro in meno di tre mesi quest’anno al circolo gay Cassero di Bologna. Che svolge iniziative volgari e blasfeme. Ora basta

Leggi tutto

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano