Politica

di Mario Adinolfi

Cosa possiamo fare

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si vota per il Quirinale. Tra 22 giorni andremo a vincere in Corte Costituzionale con la Consulta che dichiarerà irricevibile, con le motivazioni che noi e solo noi abbiamo spiegato al Paese, il “referendum sull’eutanasia” promosso da Marco Cappato. Tra 90 giorni batteremo nelle urne il referendum sulla droga libera. Tra 120 giorni presenteremo le liste alle amministrative nelle città in cui si voterà a giugno. In un intervallo che va tra 240 e 420 giorni il Popolo della Famiglia si ripresenterà alle elezioni politiche stavolta per andare al governo del Paese in rappresentanza in particolare dei 22 milioni di italiani che con le loro famiglie sono stati gettati nell’angoscia perdendo stipendio, fatturato, la propria piccolissima impresa, ogni anche minimale forma di libertà, persino il diritto di ritirare la pensione o rinnovare il passaporto, perché vaccinati solo con una o due dosi o non vaccinati, insomma non in regola con il tagliando verde con cui arbitrariamente lo Stato ha spaccato il Paese costruendo regole da apartheid.

A differenza delle elezioni politiche del 4 marzo 2018, in cui la nostra proposta si rivolgeva inevitabilmente allo spicchio dei 7 milioni di cattolici praticanti, oggi il PdF si rivolge a tutto il Paese che si sta ribellando a misure lesive della dignità delle famiglie e dell’essere umano, gridando un “mai più”. Oltre ai 22 milioni di lesi immediatamente nei loro diritti (è la somma di non vaccinati italiani e vaccinati con solo una o due dosi insufficienti ad ottenere il supergreenpass) anche moltissimi vaccinati tripla dose e in regola con il green pass hanno vissuto questa esperienza come costrizione, hanno piegato il capo per poter continuare a lavorare e portare il pane in casa. Anche loro, forse soprattutto loro, pretendono dalla politica un “mai più”. Allargano lo spettro delle persone a cui ci rivolgiamo ben oltre i 30 milioni di italiani che di solito esprimono un voto valido alle elezioni politiche.

Ci sarà una faglia: potrete sostenere i soliti partiti che, ormai lo sapete bene, la vostra libertà se la giocano sul tavolo da poker del proprio potere da accrescere infischiandosene dei diritti della persona; oppure potrete impegnarvi fianco a fianco con un vostro fratello in un movimento cristianamente ispirato che è stato continuamente intimidito con promesse di incarcerazione (dal ddl Zan fino alla battaglia free vax e no green pass) senza mai cedere di un passo e organizzando passo dopo passo centinaia di migliaia di figli, genitori, nonni, cittadini comuni che non vogliono più essere un comune cittadino a cui conculcare ogni diritto, da quello alla vita a quello alla libertà. Il Popolo della Famiglia alle elezioni politiche d’esordio ottenne duecentoventimila voti. Da allora si è radicato in tutto il Paese in profondità, con gruppi dirigenti territoriali visibili e molti eletti nelle istituzioni in città con Venezia, Napoli e Modena oltre che in comuni medi e piccoli.

Oggi non c’è battaglia che conti che non veda il PdF protagonista, anche mediaticamente, pur essendo un soggetto non presente in Parlamento. Questo grazie alla qualità alta del gruppo dirigente, sempre affidabile e interlocutore del territorio dove ci vengono riconosciute serietà e coerenza, oltre alla arcinota “tenacia del pidieffino”. Ora il Popolo della Famiglia spalanca le sue porte e finestre per far entrare energie nuove e chiunque voglia collaborare dedicando un anno della sua vita a battaglie di libertà decisive per l’Italia non ha che da scrivermi personalmente a [email protected] o anche qua sotto tra i commenti e ci penserò io a darvi il benvenuto nel PdF oltre che a mettervi in contatto con le nostre strutture territoriali che saranno ben liete di accogliervi facendoci sentire a casa. Mi chiedete sempre dopo aver accolto positivamente qualche mio intervento: “E adesso, cosa possiamo fare?”.

Questa è la mia risposta: regala un anno di impegno al Popolo della Famiglia con l’obiettivo di batterti dall’inverno del 2022 all’inverno del 2023 per i tuoi diritti fondamentali, dal diritto alla vita al diritto alla libertà passando per quello al lavoro, all’uguaglianza, all’impresa, ai trasporti, alla salute, contro lo Stato esorbitante che non ci vuole cittadini ma sudditi controllati, su cui decidere persino se si possa nascere e quando si debba morire. Regala un solo anno della tua vita ad un impegno in politica che scoprirai appassionante e decisivo.

Cosa fare? Lottare tutti insieme per la libertà. Lottare nel Popolo della Famiglia significa farlo in maniera non velleitaria, in una struttura organizzata da anni e realmente incisiva. Soprattutto significa farlo in un movimento politico cristianamente ispirato che proprio per questo nel suo dna non ha il tradimento della testimonianza, come invece purtroppo hai dovuto scoprire da tutti i partiti che hai votato fino adesso rivelandosi ognuno una pesantissima delusione per i suoi elettori. Va fatto un salto o lo devi fare subito: dalla inutile lamentazione all’impegno concreto.

Regalaci un anno: vedrai, sarà un anno memorabile.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/01/2022
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Come Stefano Parisi si trovò a metà del guado

Parisi è in fondo il simbolo del caos che regna nel centro-destra. Caos che ho l’impressione durerà a lungo. Troppo a lungo. Berlusconi incrocia le dita e spera che l’Italicum venga cambiato in nome di una legge elettorale di stampo proporzionalista. Con l’Italicum infatti il centro-destra sarebbe spazzato via del tutto e ridotto all’insignificanza politico-parlamentare: Renzi e Grillo si giocherebbero la partita elettorale senza altri rivali competitivi. Se vincesse il NO al Refendum (cosa per la quale Berlusconi accende un cerone al giorno) molto probabilmente si arriverà ad una legge elettorale basata sul proporzionale. Aldilà del fatto che Renzi rimanga o meno Presidente del Consiglio. Ma anche qui la vedo dura: il trio Belusconi-Salvini-Meloni non riesce a trovarsi d’accordo su nulla, Parisi non avrebbe alcuna autorevolezza per incidere nella triade. Come metti insieme una armata brancaleone così? Destinata a perdere ogni confronto.

Leggi tutto

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Storie

Vive ancora l’artigianato locale?

La domanda è più che lecita in quanto l’economia di piccole e medie imprese sul territorio soffre la concorrenza della grande distribuzione. Ma dove sta la vera “convenienza” per il consumatore?

Leggi tutto

Politica

Gli ultimi giorni del governo

Saranno le elezioni europee del 26 maggio a determinare gli equilibri politici che proietteranno il governo verso la sua fase calante: di certo ci sarà una Lega in forte ascesa, che farà di tutto per non dipendere più dai soldi di Berlusconi e per marginalizzare anche la Meloni; ci sarà una sensibile limatura del voto pentastellato, e si potranno aprire spazi decisivi per il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Politica

Senza dignità

Si apre una triste stagione i cui esiti sono pericolosamente immaginabili. Perché in un tempo in cui l’aspettativa di vita cresce e con essa crescono i costi della sanità, dando al sistema la possibilità di scegliere se curare l’incurabile con spese ingenti o sopprimerlo a spese zero, non credo sia difficile capire verso quale orizzonte si orienterà la libera scelta. Solo allora avremo chiaro quale orrore sia stato reso possibile da tutta questa supposta nuova libertà.

Leggi tutto

Società

La “resilienza” del fenomeno droga in tempo di pandemia Covid-19 e le nuove tendenze italiane.

La nuova strategia dell’UE in materia di droga per il periodo 2021-25 indica chiaramente che la risposta europea deve essere basata su dati concreti e realizzata attraverso un approccio equilibrato e integrato in base al suo impatto sulla salute, la sicurezza e il benessere dei nostri cittadini. L’EMCDDA ha il compito di contribuire a fornire i dati necessari per garantire che le politiche e le azioni europee in materia di droga siano coordinate, efficaci, ben mirate e reattive a nuove minacce e sfide

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano