Società

di Giuseppe Udinov

USA in marcia contro l’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono trascorsi 49 anni dalla Roe v. Wade che nel 1973 ha legalizzato l’aborto negli Stati Uniti, poco meno due mesi dall’approdo alla Corte Suprema del caso Dobbs v. Jackson Women’s Health Organization che potrebbe ribaltarla.

Anche per questo la Marcia per la Vita che si è svolta ieri a Washington ha avuto una eco speciale: «L’accesso all’aborto non è mai stato così minacciato», ha dichiarato Ianthe Metzger, portavoce di Parenthood Federation of America alla vigilia della manifestazione oceanica contro l’aborto che si tiene ogni anno nell’anniversario della decisione della Corte Suprema del 1973.
Eppure «l’uguaglianza inizia nel grembo materno» è il tema scelto per la 49esima edizione, ha ribadito Jeanne Mancini, presidente del Fondo March for Life Education and Defense: «La cultura della vita riconosce la verità che ogni essere umano è dotato di una dignità ed è un dono per il nostro mondo indipendentemente da età, razza, sesso o disabilità».
Citofonare a Katie Shaw per comprendere dove vadano a finire tutte le battaglie divampate in America per le vite che contano o meno degli ultimi due anni davanti a un test prenatale: circa il 70 per cento dei bambini come lei, cioè con una «vita meravigliosa» davanti come la sua, tutta «sport, maratone, diploma, libri, uscite con gli amici e volontariato», e con la sindrome di Down, non ha cittadinanza nell’America consacrata all’uguaglianza e alla lotta alle discriminazioni.

Così oltre il 60 per cento degli americani: secondo il tradizionale sondaggio del Marist Institute for Public Opinion di New York commissionato dai Cavalieri di Colombo, la maggioranza dei cittadini si dichiara anche quest’anno favorevole a introdurre delle restrizioni sostanziali all’aborto, il 44 per cento ritiene che la Corte Suprema dovrebbe lasciarne la giurisdizione ad ogni singolo stato, e il 17 per cento vorrebbe che i giudici lo dichiarassero illegale. Inoltre, se il 55 per degli intervistati si considera pro-choice e il 40 pro-life, solo il 17 per cento delle persone a favore della libertà di scelta ritiene che l’aborto dovrebbe essere possibile in qualsiasi momento della gravidanza.

Viceversa, l’83 per cento degli intervistati ritiene che l’aborto debba essere possibile e legale solo entro certi limiti, il 63 per cento è assolutamente contrario alle regole federali che consentono di effettuare interruzioni di gravidanza tramite le pillole acquistate online, il 54 per cento di si oppone all’uso dei soldi dei contribuenti per finanziare aborti, il 73 per cento al finanziamento del servizio in altri paesi. Ancora: il 71 per cento degli intervistati difende l’obiezione di coscienza e l’81 per cento desidera più norme a tutela di madri e bambini, non solo dei diritti delle donne.

Dal canto suo il presidente Biden con l’obiettivo di codificare la sentenza Roe v. Wade in legge federale, è riuscito a negare tutto quello che da sedicente “cattolico adulto” ha sostenuto e professato per anni, a cominciare dal fatto che “la vita”, a far data dalla sua elezione, non inizia più al momento del concepimento. Il presidente che da sostenitore dell’emendamento Hyde (che dal 1973 vieta l’utilizzo di fondi federali per finanziare l’aborto a meno che la vita della madre sia in pericolo o la gravidanza sia frutto di stupro o di incesto) e della definizione di aborto come «tragedia» («penso che dovrebbe essere raro e sicuro, e penso che dovremmo concentrarci su come limitarne il numero»), è finito a chiamarlo «diritto umano», «scelta» da difendere, e l’emendamento Hyde una «ingiustizia» da affossare. L’opposto di Trump, il primo presidente degli Stati Uniti d’America a parlare alla Marcia per la Vita.

Scrive il Nyt che tra i manifestanti di Washington, non meno di cinquantamila, riuniti sulla spianata del National Mall, era tutto un ripetere che il 2022 potrebbe essere «l’anno buono», portare «un cambiamento storico». Lo scrive con malcelato disprezzo verso il tema “l’uguaglianza inizia nel grembo materno” con il quale i relatori hanno voluto paragonare «la loro causa» a Black Lives Matter e alla lotta per l’uguaglianza di genere, e verso Jeanne Mancini, che ha definito la Marcia «la più grande manifestazione per i diritti umani al mondo» e l’aborto «l’ultima forma di discriminazione».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/01/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Aborto, lo scandalo innominabile

L’orrore di Planned Parenthood, con i nuovi video ora anche sottotiolati in italiano, dei bambini venduti a pezzi è un tabù dell’informazione italiana

Leggi tutto

Società

La morte di Charlie punto di non ritorno

Ci siamo mancano poche ore Quondo accadrà cio’ che sembrava impossibile. Un bimbo indifeso verrà ucciso senza pietà in un ospedale inglese. I suoi genitori si oppongono fortemente ma e’ lo stato padrone che decide. Poche le voci di protesta innanzi ad un atto vile ed ingiustificabile. Stiamo toccando il fondo ma la gente continua a guardare!

Leggi tutto

Società

L’Associazione di Psicologi e Psicoterapeuti Nostra Signora di Guadalupe-

L’associazione sarda nata dal trauma di un figlio mai visto.  Si tratta dell’Associazione di Psicologi e Psicoterapeuti “Nostra Signora di Guadalupe”.

Leggi tutto

Società

IL PECCATO ORIGINALE DEI NUOVI DOGMI DELL’ECOLOGISMO CORRETTO

Dietro i pur nobili intenti di alcuni ragazzini in perenne protesta per la salvezza del pianeta vi è una chiara e ben oleata macchina neo maltusiana che vuole eliminare più vita umana possibile dalla faccia della terra. I fallaci dogmi dell’ecologismo attuale.

Leggi tutto

Società

La Liguria promuoverà “Le culle per la vita”

Le culle per la vita possono rappresentare un importante strumento per evitare gesti disperati e abbandoni che avvengono in luoghi e con modalità che mettono a rischio la vita stessa del neonato, per strada o, peggio, nei cassonetti dei rifiuti.

Leggi tutto

Politica

Covid: Adinolfi conferma: “l’obbligo vaccino over 50 è incostituzionale”

Il presidente del Popolo della Famiglia conferma l’incostituzionalità dell’obbligo vaccinale suscitando polemiche tra i media “di regime”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano