Storie

di Stefano Di Tomassi

Ostia: cristiani insieme agli ortodossi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nell’ambito della settimana universale per l’unità dei Cristiani si è svolta a Ostia la preghiera ecumenica a Stella Maris. Il Vescovo Dario Gervasi ha invitato le chiese di Ostia cattoliche, ortodosse ed evangeliche, nell’ambito dei cristiani della chiesa riformata. E’ stato il primo anno che l’iniziativa viene promossa dalla Prefettura di Ostia nello specifico dalla neo Commissione Cultura. Per il primo anno presente anche la referente delle famiglie ortodosse russe di Ostia, in comunione con la Chiesa di Mosca, Natalia Potechina in questo percorso che vedrà questa comunità essere affiancata, nel suo iter ufficiale di costituzione, alla chiesa cattolica, come fu per la chiesa ortodossa rumena, e celebrerà a stretto contatto con i cristiani della chiesa universale.

Don Roberto Visier, Padre Agostino Ugbomah e il consigliere per l’unità dei cristiani e il dialogo religioso don Franco Nardin hanno accolto i confratelli per questa iniziativa che si ripeterà ogni anno.

Membri attivi della celebrazione anche Padre Gheorghe Militaru, vicario generale per l’Italia via Ostiense 1551, l’apostolo il pastore Mario Basile delle Chiese IPL, via Val Lagarina 77.

Si accenderanno via via sul Territorio di Ostia queste ‘stelle’ che sono le tante chiese cristiane. Oltre quelle cattoliche, più note per la loro tradizione, sono circa 15 quelle riformate di tradizione evangelica, avventiste, pentecostali. In Gesù l’unità sarà anche visitarsi reciprocamente durante tutto l’anno per formare una rete nel nome del Vangelo. Forse non è casuale che l’incontro di unità dei cristiani si sia svolto dove si sta attivando un ostello per i poveri e dove eventualmente i cristiani di tutte le tradizioni potrebbero essere chiamati a collaborare.

Pregare insieme è fondamentale e speriamo che sappiamo nel corso dell’anno sempre più fare insieme per chi ha bisogno, è il messaggio espresso dal Pastore Maria Grazia Grassi.

“L’incontro di celebrazione ecumenica – dichiara Naiche Di Salvo del direttivo di A.C.E. Azione Cristiana Evangelica della Parola di Dioorganizzato nella Parrocchia Cattolica di Chiesa Stella Maris presieduta dal Vescovo Dario Gervasi è stato un momento di unità e comunione tra i cristiani, cattolici, evangeli ed ortodossi, che come nella prima chiesa erano insieme per celebrare il Padre e dare compimento alla preghiera di Gesù scritta in Giovanni 17:21 “Padre, che loro siano uno come Noi siamo Uno”. Ringrazio, a nome di A.C.E il Vescovo Dario Gervasi per l’invito e quindi l’opportunità di essere stata presente ad un momento così importante per la chiesa di Cristo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/01/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le ragioni del voto di Domenica

PERCHE’ UN “RENZIANO DELLA PRIMA ORA” DEVE VOTARE NO

Leggi tutto

Storie

Charlie Gard e quei decisivi ritardi nelle cure

I team medici sarebbero stati ancora disponibili a tentare la terapia. Compromessi comunque i muscoli

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Chiesa

Frate Emiliano Antenucci parla di silenzio con Papa Francesco

Dopo i suoi tanti scritti sull’argomento, dopo aver incontrato Papa Francesco, dopo aver raccomandato la devozione alla Madonna del Silenzio, aggiunge queste parole: «In una società malata di rumori, parole, apparenza e alle volte di persone che hanno pubbliche virtù e vizi privati, la cura e il cammino da fare con urgenza è il silenzio, scoperta di una Presenza».

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Chiesa

Mar Awa Royel è il 122esimo Patriarca della Chiesa assira d’Oriente

Nato 46 anni fa a Chicago, e quindi figlio della diaspora assira negli USA, David Royel è stato ordinato diacono già a 17 anni, e in seguito ha conseguito titoli di laurea in sacra teologia presso la Loyola University di Chicago (fondata nel 1870 dai Gesuiti) e presso l’University of Saint Mary of the Lake, nota anche come “Mundelein Seminary”, storico istituto incaricato della formazione teologica e spirituale dei sacerdoti cattolici dell’Arcidiocesi di Chicago

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano