Chiesa

di Roberto Signori

Costa Rica - I vescovi: “cerchiamo il bene della nostra nazione”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A pochi giorni dalle elezioni del 6 febbraio, i Vescovi della Conferenza Episcopale del Costa Rica, come pastori della Chiesa cattolica, invitano “a riflettere sul momento decisivo che il nostro Paese sta attraversando” e a “votare e ad assumersi la responsabilità che, come cittadini, tutti noi abbiamo, in quanto è vitale per rafforzare la nostra democrazia”.

Nel loro comunicato i Vescovi ricordano quanto afferma il Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa, al n. 190, sulla partecipazione alla vita comunitaria, che non è “solo una delle più grandi aspirazioni del cittadino”, ma anche “uno dei pilastri di tutti gli ordini democratici”. Quindi sottolineano che nell’ambito delle diverse proposte presentate durante la campagna elettorale, “è importante che tutti noi comprendiamo e cerchiamo il bene della nostra nazione; al di là delle lotte di parte…Alla fine, i governanti eletti rappresenteranno gli interessi di un intero paese”.

Quindi la Conferenza Episcopale si appella alla coscienza di tutti i protagonisti della nostra democrazia: “non dividere il Paese o provocare ferite profonde alla ricerca di fini elettorali. Rispettare le diverse idee e visioni presentate dai raggruppamenti politici, poiché l’elettorato definirà, a maggioranza, quello scelto per la presidenza e le vicepresidenze, e la formazione dell’Assemblea legislativa”.

I prelati esortano i media affinché “mantengano il loro ruolo di informazione e formazione, non manipolino le informazioni o favoriscano le formule politiche presentandole come notizie. È fondamentale, per la nostra democrazia, che i cittadini ricevano informazioni imparziali e con la possibilità di conoscere, nel miglior modo possibile, coloro che chiedono il voto”.

Al momento di scegliere il corso politico del Paese per i prossimi quattro anni, i Vescovi si rivolgono ancora a elettori ed eletti, perché pensino “al bene comune, alla pace sociale e alla giustizia che dovrebbero caratterizzare il Costa Rica”.

Il 6 febbraio 3,5 milioni di cittadini del Costa Rica saranno chiamati ad eleggere il Presidente, due Vicepresidenti e 57 deputati del Congresso, che resteranno in carica per un quadriennio. La rielezione alla Presidenza è consentita in Costa Rica ma non per mandati consecutivi. Per vincere al primo turno è necessario ottenere almeno il 40 per cento dei voti validi. Quasi sicuramente sarà necessaria una seconda votazione in quanto i candidati alla Presidenza sono più di una ventina, con programmi simili, e i sondaggi rilevano un’alta percentuale di indecisi tra gli elettori.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/01/2022
0510/2022
Ss. Placido e Mauro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il dolore dei vescovi di Haiti

La Chiesa di Haiti condivide la sua crescente preoccupazione per il “deterioramento generale” della situazione in “questo Paese dove il popolo sta soffrendo così tanto”.

Leggi tutto

Storie

Costa Rica e crisi umanitaria

Dal 1 ° gennaio al 31 agosto di quest’anno a Panama è stato registrato il passaggio di 102.067 persone che si sono trasferite in Costa Rica, ricorda Mons. Daniel Blanco Mendez. “Le cause che, indipendentemente dal paese di origine, costringono al loro sfollamento sono diverse: persecuzione politica, insicurezza e violenza, esclusione e povertà, compresa la crisi climatica e i disastri ambientali. Molti s

Leggi tutto

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Politica

Alternative für Deutschland: lezioni da imparare

Il “giornalista collettivo” non ha ancora imparato la lezione: in tempo di analfabetismo sociopolitico e di malcontento diffuso attaccare un partito rampante con l’epiteto di “populista” si rivela controproducente. Il partito fondato da Frauke Petry e oggi diretto da Alice Weidel deve invece interpellare a fondo l’anima popolare d’Europa (i punti guadagnati da AfD sono quelli persi da CDU): non mancano le ambiguità e le contraddizioni, ma vanno studiate.

Leggi tutto

Politica

L’Italia del Gattopardo

....io non avrei bocciato Savona, li avrei mandati a governare. Ma ci sono ragioni di altri che dicono che il presidente della Repubblica ha fatto bene. Altri ancora gridano all’alto tradimento e sono pronti a mettere in stato di accusa il Capo dello Stato “asservito ai poteri forti stranieri”. Lo hanno detto dai palchi della campagna elettorale per le amministrative Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e sorprendentemente Giorgia Meloni. Matteo Salvini più intelligentemente si è tenuto alla larga da questa inutile benzina lanciata intempestivamente sul fuoco e utilizzerà l’arma del possibile voto favorevole della Lega a una procedura di impeachment per ottenere dal Quirinale una data certa per le elezioni.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano