Chiesa

di Nathan Algren

I vescovi di Polonia e Ucraina sulla crisi con la Russia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Ogni guerra è una disgrazia e non può mai essere un modo appropriato per risolvere i problemi internazionali. È sempre una sconfitta per l’umanità”. Ad affermarlo in un comunicato congiunto sono i vescovi cattolici di Polonia e Ucraina, riferendosi alla crisi tra questo Paese e la Russia. Una situazione di tensione seguita con attenzione anche da Papa Francesco, che all’Angelus ha indetto per mercoledì prossimo una giornata di preghiera per la pace in Ucraina.

I presuli dei due Paesi hanno “appreso con preoccupazione - scrivono - la notizia che i negoziati tra Russia e Occidente non hanno portato ad un accordo”. Nei discorsi dei leader di molti Paesi, evidenziano, si sottolinea “la crescente pressione da parte russa contro l’Ucraina, ai cui confini sono stati massicciamente radunati armi e militari”. Per i vescovi l’occupazione del Donbas e della Crimea dimostra come la Federazione Russa “violando - si legge nella nota - la sovranità nazionale e l’integrità territoriale dell’Ucraina”, manchi “di rispetto per le norme vigenti del diritto internazionale”. La situazione attuale è inoltre considerata “una grande minaccia per i Paesi dell’Europa centro-orientale e per l’intero continente europeo”, che può distruggere l’eredità di molte generazioni che hanno costruito un ordine pacifico e l’unità in Europa”.

Per questo, ribadiscono i vescovi di Polonia e Ucraina, “la ricerca di metodi alternativi alla guerra per risolvere i conflitti internazionali è diventata oggi un’esigenza urgente, perché il potere terrificante degli strumenti di distruzione a disposizione anche delle medie e piccole potenze e i legami sempre più forti esistenti tra le nazioni del mondo intero oggi rendono difficile o addirittura praticamente impossibile limitare gli effetti del conflitto”. L’appello ai governanti è che “si astengano dalla guerra” e l’invito ai leader “è a ritirare immediatamente gli ultimatum e a non approfittare di altri Paesi come merce di scambio”. “Qualsiasi divergenza di interessi”, inoltre, “dovrebbe essere risolta non con l’uso delle armi, ma attraverso gli accordi”. “La comunità internazionale”, si ribadisce, “dovrebbe unire i suoi sforzi in solidarietà e sostenere attivamente in tutti i modi possibili la società minacciata”.

Nel comunicato, firmato dall’arcivescovo maggiore Sviatosłav Szewczuk, primate della Chiesa greco-cattolica ucraina, da monsignor Stanisław Gądecki, presidente della Conferenza episcopale polacca, dall’arcivescovo Mieczysław Mokrzycki, facente funzione di presidente della Conferenza Episcopale Ucraina, dall’arcivescovo Eugeniusz Popowicz, metropolita di Przemysł-Varsavia della Chiesa greco-cattolica in Polonia e da monsignor Nił Łuszczak, amministratore apostolico della sede vacante dell’eparchia Greco-Cattolica di Mukaczewska sui juris in Ucraina, si ricorda poi che “i regimi totalitari del XX secolo hanno portato nel mondo tragiche esperienze di guerre e terrore politico, ignorando l’autorità di Dio” e che la guerra, secondo la Gaudium et spes, “è un delitto contro Dio e contro la stessa umanità e va condannato con fermezza e senza esitazione”. “La promozione della pace nel mondo”, ribadiscono i presuli delle due nazioni, “è parte integrante della missione attraverso la quale la Chiesa continua l’opera salvifica di Cristo sulla terra”. La situazione attuale, quindi “esige dai cristiani di tradizione orientale e occidentale la piena responsabilità per il presente e il futuro del nostro continente e la disponibilità al sacrificio in difesa della comunità familiare, nazionale e statale”. L’invito finale è alla preghiera comune, con un testo di San Giovanni Paolo II che termina con le parole “Padre, concedi al nostro tempo giorni di pace. Mai più la guerra”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/01/2022
1608/2022
San Rocco confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

PLANNED PARENTHOOD FONDI A CHI INDAGA

Con la vittoria del Presidente eletto Donald Trump, l’aria in America forse sta cambiando. Pochi giorni fa, il Select Panel on Infant Lives, insediatosi in seno alla Camera dei Rappresentanti dopo la scoperta dell’affaire Planned Parenthood, ha reso nota una lista di organizzazioni che praticano aborti tardivi e commerciano parti anatomiche dei feti (una pratica che, è bene ricordarlo, le leggi federali, valide su tutto il territorio della nazione, vietano esplicitamente). L’elenco delle istituzioni che sfruttano questo business della morte comprende, tra le altre, l’Università del New Mexico, che ha acquistato tessuti provenienti da feti abortiti tardivamente in una clinica di Albuquerque; una clinica dell’Arkansas, che vendeva i resti dei bimbi non nati a StemExpress, un centro di ricerca sulle staminali con sede in California, che sul suo sito internet non ha remore a dichiarare che «i prodotti di StemExpress, derivati da tessuti umani, variano dai tessuti sani a quelli malati, da quelli dei feti a quelli degli adulti»; e poi, ancora, un’università dell’Ohio, anch’essa coinvolta in questo florido commercio; la DVBiologics, della Contea di Orange in California, che non solo trafficava parti di feti, ma non pagava nemmeno le tasse sulle transazioni; e la stessa Planned Parenthood texana, in affari con l’Università del Texas

Leggi tutto

Politica

Donald Trump e la Casa Bianca bis

Donald Trump cercherà di ritornare alla casa Bianca?

Leggi tutto

Chiesa

Haiti: il Paese sull’orlo dell’abisso

In una nota inviata ad Aiuto alla Chiesa che soffre, i presuli fotografano la difficile situazione in cui vivono, alle prese con violenza, povertà e timori per il futuro.

Leggi tutto

Chiesa

Ucraina - Orionini e Salesiani, impegnati nell’accoglienza dei profughi

I Salesiani sono presenti nelle grandi città del Paese: Kiev, Leopoli, Zhytomyr, Dnipro, Odessa, così come a Korostyshiv, Peremyshlany e Bibrka, e restano vicini alla popolazione cercando di dare speranza. Attualmente i Salesiani stanno già accogliendo un centinaio di minori nei loro rifugi, dando la priorità ai bambini degli orfanatrofi, e si prevede possano ospitarne altre centinaia a Leopoli con l’arrivo dei primi profughi dall’est del Paese. “Vi chiedo anzitutto di pregare per l’Ucraina e anche di essere accoglienti se arriveranno profughi nel vostro Paese. Vi ringrazio per ogni vostro aiuto e sostegno” conclude don Chaban.

Leggi tutto

Società

DAGLI SQUALI DA PISCINA AI MEGALODONTI DEGLI OCEANI IL PASSO E’ BREVE

La moderazione è scomparsa da tempo, vige un estremismo preoccupante del muro contro muro, lo stiamo sperimentando in questi tempi difficili. Qualsiasi tipo di guerra o guerriglia va bandita. Il Papa bergamasco Giovanni XXIII diceva giustamente che a lui la guerra non piaceva ne quando è calda, ne quando è fredda. E in questo momento vedo cuori troppo gelidi, astiosi con parole e fatti contro il prossimo, pronto a pugnalarlo alle spalle quando non può difendersi. Chi parla male del fratello è omicida quasi come chi usa un kalashnikov, degli assenti o parli bene o taci, per dirla alla Sant’Agostino

Leggi tutto

Politica

Ungheria: Orban trionfa per la quarta volta

Orban - Viktor Orban è stato rieletto con la maggioranza assoluta per il quinto mandato da capo del governo in Ungheria. Il leader magiaro, campione dei sovranisti europei e nemico numero uno dei progressisti del Vecchio Continente, è figura divisiva ma complessa. Con un’agenda politica chiara, sviluppata negli anni e articolata, fondata su un forte identitarismo trasmesso da Orban alla sua creatura politica, Fidesz, vero e proprio partito-Stato che governa il Paese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano