Storie

di Roberto Signori

Sport: i trans avvantaggiati sulle donne

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Uno studio pubblicato il mese scorso dal Macdonald-Laurier Institute un think tank canadese, sostiene che “non c’è né un intervento medico né un’argomentazione filosofica intelligente che possa rendere equo per le donne trans competere nello sport femminile”.

I maschi che sopprimono con successo il testosterone per 12 mesi, perdono solo il 5% di forza muscolare. Conservano il vantaggio atletico acquisito in condizioni di testosterone elevato durante la pubertà, e conservano il vantaggio muscoloscheletrico.

Joanna Harper, un atleta transgender, medico presso l’Università britannica di Loughborough, ha dichiarato a WebMD in un’intervista del luglio 2021 che non c’è assolutamente alcun dubbio sul fatto che i trans mantengono vantaggi di forza rispetto alle donne, anche dopo la soppressione del testosterone .

“Questo si basa sulla mia esperienza clinica, piuttosto che sui dati pubblicati, ma direi che non ho dubbi”, ha detto all’epoca. Harper è stato coautore di uno studio che ha rilevato che il vantaggio per i trans resta anche dopo tre anni di trattamento. Può anche darsi, secondo la Harper, che a lungo termine il vantaggio diminuisca e si annulli, ma a tutt’oggi non c’è alcuna prova né alcuno studio scientificamente valido.

Del resto non è soltanto una questione di forza ma anche di altezza. Negli sport come basket e pallavolo è un dato essenziale. Anche la biologa di Harvard Carole Hooven, autrice del libro “T: The Story of Testosterone, the Hormone that Dominates and Divides Us”, ha dichiarato al New York Post in un’intervista la scorsa estate che gli atleti trans che hanno subito la tipica pubertà maschile conservano molti dei loro vantaggi atletici.

Timothy Roberts, pediatra e direttore del programma di formazione in medicina degli adolescenti presso il Children’s Mercy Hospital di Kansas City, Missouri, è stato coautore di uno studio nell’agosto 2020 che ha esaminato il personale militare statunitense che ha fatto “transizione” durante il servizio e rilevato che i trans correvano ancora il 12% più velocemente delle donne dopo più di due anni di trattamento. Tommy Lundberg, uno scienziato sportivo presso il Karolinska Institute svedese, ha raggiunto le stesse conclusioni affermando che il CIO (Comitato olimpico internazionale) sta sacrificando l’equità per l’inclusività.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/01/2022
1708/2022
San Giacinto confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco duro su gender e ddl Cirinnà

Nella sua prolusione all’assemblea della Cei il cardinale presidente stigmatizza l’azione del Parlamento su famiglia e scuola

Leggi tutto

Storie

San Paolo ed il gender

Durante un convegno di Gianfranco Amato e Silvana De Mari a Bagheria il professor Luciano Sesta, docente cattolico di antropologia filosofica e
bioetica all’Università di Palermo, ha voluto prendere la parola, dichiarando a sorpresa che a suo avviso il primo manifesto “gender” si troverebbe
nella lettera ai Galati di san Paolo. Si trattò di una provocazione, che però merita di essere sviscerata adeguatamente e in modo esaustivo

Leggi tutto

Società

Scuola, 9 prof su 10 contrari all’asterisco “gender free”

Non solo i docenti, ma anche genitori e studenti hanno espresso la loro contrarietà all’uso dello schwa nel sondaggio realizzato da La Tecnica della Scuola

Leggi tutto

Società

USA - Difesa delle donne contro i gender nello sport

Arizona, Oklahoma e Kentucky, a fine marzo, si sono uniti alla schiera di altri stati le cui legislature guidate dai repubblicani hanno approvato leggi per proteggere gli sport femminili dagli attivisti transgender.

Leggi tutto

Società

Contro l’ideologia gender a scuola, 7 pratici consigli ai genitori

Sta per cominciare l’anno scolastico, piccola guida operativa e concreta per difendere i nostri figli

Leggi tutto

Società

UN “RISCHIO” CHIAMATO FAMIGLIA CHE SI RIBELLA ALLA CULTURA DEL PROVVISORIO.

Il trionfo del precariato è riuscito ad invadere ogni campo, arrivando persino, con arguzia encomiabile, a minare la colonna portante della società e cioè la famiglia. Tutto in un silenzio tombale, senza che nemmeno ce ne accorgessimo. Il vertiginoso calo dei matrimoni, sia civili che religiosi, è l’esempio lampante di una mentalità che ha paura delle scelte definitive e vive alla giornata, sballottata qua e là dalle armi di distrazioni di massa dei social media.  Il timore di eventuali fallimenti sta facendo gonfiare a dismisura il numero delle convivenze, anche dove in apparenza le unioni sembrerebbero molto solide e a prova di qualunque crisi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano