Storie

di Giuseppe Udinov

Tamil Nadu, suora arrestata con false accuse

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le autorità indiane hanno arrestato una suora responsabile di un ostello con l’accusa di conversione forzata, culminata nel suicidio di una studentessa minorenne della Sacred Heart Higher Secondary School di Michaelpatti, villaggio nel distretto di Thanjavur (diocesi di Kumbakonam, Tamil Nadu). La ragazza, di 17 anni, era ospite del centro la cui gestione ricade sotto l’amministrazione scolastica e si è avvelenata nella sua stanza il 9 gennaio scorso, morendo a distanza di 10 giorni nonostante i tentativi di cura.

A causa del decesso, gli inquirenti hanno fermato la 62enne suor Sahaya Mary incriminandola in base all’articolo 305 del codice penale (favoreggiamento nel suicidio di un minore), 511, 75 e 82 comma 1. Tuttavia, nella denuncia (il First information report) redatta dai poliziotti che sono riusciti a parlare con la vittima prima della morte, non si fa menzione del tentativo di conversione; una storia che sarebbe stata fatta circolare in realtà da elementi radicali indù locali per aizzare gli animi.

La religiosa appartiene alle suore francescane del Cuore immacolato di Maria, la cui sede è a Pondicherry. La giovane ha assunto il veleno il 9 gennaio, ma ha nascosto il gesto ed è stata ricoverata per continui conati di vomito. La polizia ha registrato la denuncia il 16 gennaio, tre giorni prima del decesso avvenuto il 19. Gli agenti hanno arrestato la suora, che viveva nel complesso e soffre fra l’altro di una marcata sordità.

La polizia ha anche commesso una palese irregolarità rivelando il nome della vittima [che noi preferiamo mantenere segreta per la minore età], che ha iniziato a circolare nei media e sui social network. La religiosa ha subito offerto la massima collaborazione agli inquirenti, per chiarire tutti i contorni della drammatica vicenda: la ragazza non voleva tornare a casa per le molestie subite dalla matrigna, una grande sostenitrice del Bjp (il Bharatiya Janata Party, di destra e al potere dal 2014). In un momento di profonda difficoltà ha deciso di avvelenarsi nella sua stanza.

Da vicenda privata, la storia è stata rilanciata sugli organi di informazione e in rete, assumendo una deriva politica con strumentalizzazioni su più fronti, compresa l’accusa (infondata) di conversione forzata.

Sul delicato argomento monsignor. Francis Anthonysamy, vescovo di Kumbakonam, esprime “grande cordoglio per la tragica morte” della ragazza, augurandosi che “giustizia sia fatta” per la suora che, al momento, è sotto custodia. Padre. John Zacharias, legale rappresentante della diocesi di Thanjavur, parla di “accuse false e prefabbricate” basate su tentativi di conversione mai avvenuti, perché “aveva solo dato ospitalità” a una ragazza in difficoltà. Ma la verità starebbe emergendo perché “non vi è prova alcuna” del tentativo di conversione forzata della minorenne. P. Santhanam SJ, avvocato gesuita del National Lawyers Forum of Religious and Priests ricorda che “la vittima ha perso la madre otto anni fa” e il padre “ha sposato un’altra donna” che “molestava” la ragazza. “Per questo - conclude - la giovane ha scelto di stare con le suore, anche durante il lockdown per il Covid non voleva tornare a casa nel timore di subire violenze dalla matrigna”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/01/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La chiave che scioglie i nodi

L’intellettualismo imperante privilegia una parte dell’umanità della persona finendo per astrattizzarla e dunque distorcerla: la sua ragione. Si viviseziona così l’uomo, spegnendolo, in ragione astratta; anima, moralità, disincarnata; e resto emozionale, pratico, del soggetto

Leggi tutto

Chiesa

Libano: cristiani in fuga. L’allarme del patriarca Joseph III

Tempi duri per i cristiani in Libano tra violenze religiose ed una crisi economica devastante che l’Europa continua ad ignorare.

Leggi tutto

Storie

Pakistan: cristiano ucciso da un gruppo di musulmani

Il 25enne Pervez Masih è stato attaccato dopo una controversia nata nel suo negozio di videogiochi.. United Christian Council: “In Pakistan le forze dell’ordine sono impotenti e insicure”.

Leggi tutto

Storie

2022, già 127 episodi di violenza contro i cristiani in India

Secondo il rapporto a gennaio 2022 si sono verificati 40 incidenti, 35 incidenti a febbraio, 34 a marzo, altri ad aprile, e si tratta solo di quelli denunciati. Sono 89 i Pastori o parroci malmenati e minacciati di ritorsioni se continuano a condurre preghiere e liturgie. Ben 68 chiese sono state attaccate , 367 donne e 366 bambini hanno riportato ferite. Su 127 incidenti, 82 sono stati violenze di massa, compiute da una folla di militanti.

Leggi tutto

Storie

Turchia - Gruppo di musulmani attaccano una famiglia assira

I cristiani avevano da poco celebrato la prima funzione nella storica chiesa di Mor Gevargis, da poco restaurata dopo un secolo di abbandono. La famiglia Yilmaz è l’unica rimasta nella zona. La folla ha attaccato con bastoni e pietre, poi ha incendiato i campi coltivati.

Leggi tutto

Storie

Turchia: i cimiteri profanati

A metà luglio devastate tombe e lapidi ebraiche ad Haskoy, sobborgo di Istanbul. In precedenza erano finiti nel mirino campisanti cristiani a Mardin e Van. Esumate salme di fedeli yazidi e sepolte di nuovo secondo la tradizione islamica. Fra gli autori delle profanazioni anche giovanissimi di 11 e 13 anni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano