Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Il salto di qualità o la speranza di Pirro?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il potere di finanza e big tech è davvero grande, al punto che, come avevo da tempo preannunciato, molte opposizioni meramente ideologiche, intellettualiste, sono state da esso fagocitate come mostra in Italia il parlamento uniformato, dove ormai le principali formazioni fuori della compagine governativa sono solo specchietti per le allodole per non lasciare occupare da altri quelle caselle.

La ragione astratta mostra di portare al termine del suo percorso ad uno svuotamento in cui restano solo il potere e il denaro. Si formano nuove classi sociali: i poteri forti suddetti con lo stuolo di esecutori degli apparati, della comunicazione, della cultura e la classe dei manipolati, svuotati e spogliati di tutto. Ma a ben vedere gli stessi dominatori sono dominati dal tecnicismo, il robot che prende il sopravvento sull’uomo che lo ha creato. È interessante su queste scie osservare la parabola dei media delle opposizioni ideologiche per i quali dopo il parlamento uniformato tra l’altro il papa tanto aspramente e ideologicamente criticato ora riceve altrettanto ideologiche parole di stima.

La vera opposizione può, nei tempi e nei modi adeguati, costruirsi solo sul favorire, fin dalla scuola, la libera formazione alla luce della identità religiosa-filosofica cercata e nel solo allora autentico scambio con gli altri. Oggi il potere domina e schiavizza attraverso la formazione e l’informazione: la democrazia è restituirle alla scelta del popolo, di ciascuno.

Cercare le vie adeguate per un salto di qualità: il favorire l’autentica maturazione e dunque anche partecipazione delle persone.

Ma la cultura razionalista è radicata persino in tanta opposizione. Dove per esempio si parla di fede e ragione finisce per prevalere la ragione. Si da’ scarsa importanza ad una sinodalità di fatto ridotta ad intellettualismo. Gesù ha invece trasmesso la via della crescita dell’uomo nello Spirito che scende a misura, come una colomba e in mezzo agli altri, nella storia. Una maturazione che orienta a scoprire ogni cosa in modo sempre nuovo.

Cosa significano le parole di Maria a Fatima, “Alla fine il mio cuore immacolato trionferà”? La pervicace, spesso inconsapevole, ubris, superbia, della ragione astratta sarà superata solo attraverso un crollo che sembra avvicinarsi sempre più rapidamente? O per esempio nella Chiesa ci si aprirà ad una sinodalità non di facciata, con una nuova vera e libera, vivificante, partecipazione anche negli apparati e nei media cattolici? Quali ostacoli incontrerebbe un tale rinnovamento a causa del sistema che tiene in mano il mondo? Sarà necessario imparare a riconoscere e affrontare il vario martirio ad opera della comunicazione a senso unico?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/01/2022
1108/2022
Santa Chiara

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ora tutti in piazza

Ora il disegno è chiaro. Ora si capisce perché ieri tutte quelle paginate sulla “svolta pro gay” al Sinodo. Ve l’avevamo detto subito da queste colonne: occhio alla trappola, occhio che vogliono dividerci.

Leggi tutto

Chiesa

Il viso espressivo di monsignor Castellucci

Mons. Castellucci non è nuovo per la mobilitazione pubblica e personale in favore della vita umana nascente. Nello scorso aprile ha partecipato ad esempio alla grande mobilitazione prolife organizzata nel centro di Modena con un corteo e un momento di preghiera che ha coinvolto oltre 350. Quando la proposta gli è giunta alle orecchie, subito il vescovo, non se l’è lasciata sfuggire, tanto più in occasione del Giubileo della Misericordia. «Può essere un segno - ha spiegato l’arcivescovo - e un modo per dire che la vita vale sempre. La Misericordia si manifesta fin dall’inizio. Ci sono tre elementi deboli nella vita umana: l’origine, l’esposizione e la fine. Non sempre si dà attenzione al livello normativo e culturale». Se la vita vale in quanto tale, i cristiani sono chiamati a un compito. «Dobbiamo avere uno sguardo più profondo», sostiene quindi mons. Castellucci, che si ottiene «guardando ai più piccoli, come fatto da Gesù Cristo: per essere grandi siate come i bambini».

Leggi tutto

Politica

Le vacanze romane di Donald

Incontri con Papa Francesco, Sergio Mattarella e Paolo Gentiloni; e tra questi il Bambino Gesù, il Pantheon e moltissima attività social

Leggi tutto

Chiesa

Obbedienza e virtù

La nostra civiltà complessa è fatta di corpi intermedi che si reggono sul principio di autorità. E ciò esige che le decisioni siano centralizzate, e che la struttura organizzativa abbia una funzione esecutiva. Ma per eseguire non occorre pensare. Per fabbricare bombe al fosforo non occorre pensare. Basta eseguire i compiti assegnati. Sicché, se Eichmann fu colpevole, furono colpevoli allo stesso modo tutti coloro che resero possibili, con la loro obbedienza acritica, quelli e/o altri crimini.

Leggi tutto

Società

Il primo diritto è quello a NON emigrare

La Commissione Episcopale per le Migrazioni (organo della Cei) ha emanato un documento che prende posizione sui migranti.

Leggi tutto

Politica

Che fare ora che i fatti sono chiari

I risultati di Gela – dove il PdF ha raccolto un 5,64 alle amministrative e un 8,75 alle europee – mostrano che se è radicato nel territorio in sinergia con l’associazionismo e gli enti ecclesiastici un movimento politico di ispirazione cristiana ha un suo spazio politico, nel nostro contesto, stimabile attorno all’8/10%. Quel che resta da fare è operare concretamente per fare ciò che va fatto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano