Chiesa

di Nathan Algren

Ucraina - Monsignor Visvaldas Kulbokas: è bello non sentirsi soli

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono le ore della diplomazia, che cerca di disinnescare sul tavolo del negoziato il dramma che scaturirebbe se a parlare fossero i cannoni. Mentre Occidente e Russia provano a mediare una crisi ormai lunga anni, dal conflitto “a bassa intensità” come lo definiscono gli analisti, scoppiato nel 2014 nella parte orientale dell­’Ucraina, ai venti di guerra attuali, per la popolazione ucraina sono ore di tensione e sospensione. “Il rischio di un possibile aggravarsi del conflitto viene vissuto con più coraggio”, osserva il nunzio apostolico nel Paese, l’arcivescovo Visvaldas Kulbokas. Ai media vaticani, il presule riferisce del conforto generato dalla prossimità manifestata ancora una volta da Francesco, domenica scorsa all‘Angelus.

“In questo periodo della mia missione di nunzio c’è la guerra, che è in corso già da 8 anni nelle regioni orientali del Paese, e certamente ha creato molti problemi – c’è chi ha perso i propri cari e io anche personalmente ho conosciuto varie persone duramente colpite – c’è chi ha perso la salute, la propria casa, il lavoro, ma tutto questo ha reso gli ucraini più forti di fronte alle difficoltà. Il rischio di un possibile aggravarsi del conflitto viene vissuto con più coraggio. C’è preoccupazione ma al contempo ho notato anche tanto amore per la Patria e anche tanta decisione, se ci sarà qualche difficoltà, a fare la propria parte. Come molti sanno, qui ci sono gli ucraini di madrelingua e ci sono regioni con prevalenza di lingua russa, oppure altre ancora dove c’è una significativa presenza della lingua polacca, ma in questo mese ho avuto modo di apprezzare l’amore da parte di tutti. Non dico che non ci siano delle difficoltà, ma in generale il conflitto mi sembra abbia accresciuto la coesione in tutto il Paese” sono le parole dell’arcivescovo.

In che modo la Chiesa locale sta vivendo questa situazione?

Rispondo riferendomi soprattutto ai cattolici in Ucraina, ma ci sono anche le Chiese ortodosse e altre chiese. Come sappiamo, nelle Chiese greco-cattoliche e anche nelle Chiese cattoliche di rito latino fin dal 2014, l’anno d’inizio del conflitto, durante tutte le celebrazioni eucaristiche e anche in altri momenti di preghiera, c’è sempre un momento di preghiera per la pace. In queste ultime settimane la preghiera per la pace è ancora più presente, più forte, e lo sarà in modo particolare mercoledì prossimo, il 26 gennaio, su invito di Papa Francesco e in unione con lui e con tutti gli uomini di buona volontà.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/01/2022
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Chiesa

Eutanasia, in Vaticano la Nuova Carta: giro di vite

Hanno scritto che “Francesco apre al fine-vita”, mentre tutta la notizia consiste nell’annuncio (!) di una revisione della Carta degli Operatori Sanitari, la quale sarà resa pubblica nella giornata mondiale del malato (11 febbraio, a Lourdes). Si tratta di un aggiornamento che chiarisce punti controversi

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

Chiesa

Pedofilia “nemico carissimo” del nostro mondo. Intervista a Don Di Noto

Il noto sacerdote siciliano, fondatore e direttore dell’Associazione Meter, fa il punto sul rapporto ambiguo della nostra società con l’abuso infantile.Abbiamo paura dei bambini. E’ una società pedofobica, ha paura dei bambini. Li erotizza, li diseduca nel campo della sessualità. Fa di tutto per dimenticarsi dei bambini. Papa Francesco più volte ha ribadito che una società senza bambini è impossibile. Loro non hanno la doppiezza di noi adulti. Una società senza bambini, diceva ancora Francesco, è triste e grigia Il bambino ha il diritto di crescere secondo i tempi dettati dallo sviluppo naturale del suo copro legato a quello psichico, senza forzature esterne che lo portino a pensare e ad agire in un modo contrario a questo sviluppo. Altrimenti nel nome di un diritto del bambino da rispettare, gli si fa violenza.
Non è solo una convinzione, ma un dato di fatto: usare l’educazione sessuale per dominare un bambino è facilissimo ed è la massima violenza.

Leggi tutto

Chiesa

Messaggio di Papa Francesco ai partecipanti al 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale

La Madre di Gesù fa nascere il mondo della fraternità dove c’è posto per ogni scartato,Maria “è la Madre di tutti, indipendentemente dall’etnia o dalla nazionalità. Con queste parole Papa Francesco si rivolge ai partecipanti del 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale che fino all’11 settembre vedrà confrontarsi circa 300 rappresentanti delle società mariologiche e studiosi provenienti da tutto il mondo sul tema “Maria tra teologie e culture oggi. Modelli, comunicazioni, prospettive”. Organizzato dalla Pontificia Academia Mariana Internationalis e presieduto a nome del Papa dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: ogni battezzato è chiamato all’evangelizzazione

L’intenzione di preghiera di Francesco per il mese di ottobre è per i discepoli missionari, perché tutti i cristiani siano coinvolti nella missione con la testimonianza di vita

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano