Storie

di Roberto Signori

Honduras: alla ricerca di un dialogo sincero

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con un comunicato dal titolo “Non mettiamo in pericolo lo stato di diritto”, l’Episcopato honduregno ha invitato il presidente Castro e i membri del Congresso nazionale, dopo l’elezione del Consiglio di amministrazione dell’Assemblea legislativa, al dialogo, sottolineando che quest’ultimo “deve avere come obiettivo la ricerca e la realizzazione del maggior bene possibile ed equo di tutti gli honduregni e non gli interessi di individui, gruppi o partiti”.

Inoltre i vescovi hanno spiegato come, dopo le elezioni generali del 28 novembre, ci sia stato nel Paese “un clima di pace e serenità che ha dato a tutti noi la speranza di un futuro migliore”. Tuttavia, negli ultimi giorni “purtroppo”, si sono svolte due “sessioni parallele” del Congresso Nazionale per “adempiere al dovere di eleggere le autorità di tale Potere dello Stato” e, secondo gli esperti di diritto nazionale e internazionale consultati, si teme che le procedure adottate possano essere nulle e possano mettere in pericolo un processo che si è svolto in pace e nel rispetto della legge. Alla vigilia del passaggio di consegne del governo, il 27 gennaio, - affermano - non dovrebbe esserci una crisi politica come quella che il Paese sta vivendo attualmente. “Le delegazioni invitate all’inaugurazione vengono come rappresentanti di uno Stato verso un altro Stato, non di una persona – precisano -, se lo stato di diritto non è rispettato, questa stessa transizione democratica è in pericolo”.

A tal scopo, i vescovi chiedono “un dialogo sincero e aperto il più presto possibile tra il presidente eletto e i rappresentanti dei due gruppi che aspirano alla presidenza del Congresso, affinché possano raggiungere un accordo e trovare una soluzione che rispetti la legge, ripristini la serenità e la pace per celebrare con gioia l’inizio di un nuovo governo”. L’Episcopato ricorda infine che la violenza di qualsiasi tipo, sia fisica che verbale, deve essere bandita dalla cultura honduregna, perché porta all’odio e al dolore. Essendo tutti figli dello stesso Padre, e quindi fratelli e sorelle, il pensare diversamente non ci rende nemici l’uno dell’altro. Quindi, si legge ancora nel testo, “il bene comune deve prevalere sugli interessi individuali”. Per concludere, la CEH ha annunciato che questo martedì inizierà la novena in onore della Vergine di Suyapa, patrona dell’Honduras, e ha esortato i fedeli a pregare “intensamente la Madonna e a chiedere con fede che questa crisi possa essere superata al più presto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/01/2022
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Bruxelles via libera al regime italiano da 4,5 miliardi

La Commissione europea ha approvato un regime italiano da 4,5 miliardi di euro per sostenere le imprese e l’economia nel contesto della pandemia di coronavirus. Il regime è stato approvato nell’ambito del quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato.

Leggi tutto

Società

L’Ecuador si divide sull’aborto

Manifestanti a favore e contro l’aborto si sono riuniti fuori dal parlamento in Ecuador.

Leggi tutto

Politica

Tutte le novità sul super green pass

Oggi al via nuove misure inerenti l’utilizzo del super green pass

Leggi tutto

Chiesa

I vescovi di Polonia e Ucraina sulla crisi con la Russia

In un comunicato congiunto i presuli dei due Paesi esprimono preoccupazione per il fallimento dei negoziati tra Mosca e l’Occidente e per le truppe e le armi russe ammassate al confine.

Leggi tutto

Società

Virus: ora la minaccia è la Febbre di Lassa

I primi casi di Febbre di Lassa, virus “parente” dell’Ebola, sono stati segnalati nel Regno Unito. La conferma viene dalla Uk Health Security Agency, che fa sapere che una delle due persone infettate (viaggiatori rientrati dall’Africa Occidentale) è fortunatamente guarita e sta bene, mentre l’altra è ricoverata.

Leggi tutto

Politica

PDF - Cavenaghi: no a Luxuria

La contestazione silenziosa di Andrea Cavenaghi coordinatore regionale del Popolo della Famiglia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano