Storie

di Roberto Signori

TERRA SANTA - Vescovi cattolici e cammino sinodale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel cammino sinodale appena iniziato, la Chiesa cattolica di Terra Santa si mette “in ascolto” della saggezza e della esperienza delle altre Chiese presenti nella terra di Gesù, e a tale scopo incoraggia anche i propri sacerdoti “a mettersi in contatto con i sacerdoti e i pastori di tutte le comunità cristiane che si trovano nelle loro zone”. E’ una specie di “SOS ecumenico” quello lanciato dai Vescovi ordinari cattolici di Terra Santa con l’intento esplicito di informare e possibilmente coinvolgere i fratelli delle altre Chiese e comunità ecclesiali locali in merito all’articolato percorso sinodale avviato anche in quella regione in vista della XVI Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi, messa in agenda per l’ottobre 2023 e dedicata al tema “Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione”.

In un documento steso ad hoc, e diffuso non a caso nel contesto della appena conclusa Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, gli Ordinari delle Chiese cattoliche si rivolgono ai Capi delle altre Chiese presenti in Terra Santa informandoli innanzitutto sugli intenti missionari che animano il processo sinodale avviato anche nella terra di Gesù, come è avvenuto in ogni diocesi cattolica, su invito di Papa Francesco: ”Si tratta” spiegano i vescovi cattolici di Terra santa “di iniziare un cammino insieme di ascolto reciproco per crescere nella comunione, per rafforzare la partecipazione di tutti e impegnarsi con maggiore entusiasmo nella missione della Chiesa. Camminando insieme comprendiamo una volta di più che non camminiamo da soli”. Lo scopo a cui tendere – aggiunge il documento – è quello di “rinnovare la Chiesa in un momento in cui siamo chiamati ad affrontare così tante crisi in ogni ambito”, prendendo atto che anche in Terra Santa “la pandemia ha avuto i suoi tragici effetti sulla vita della Chiesa”, mentre “la situazione politica continua a creare numerosi ostacoli alla nostra missione e alla vita dei nostri fedeli”, che spesso appaiono stanchi e senza speranza “poiché vedono scarso o nessun futuro per i cristiani nella nostra regione”. In tale situazione – proseguono i Vescovi cattolici di Terra Santa – “Abbiamo tutti bisogno di rinnovare le nostre energie, di impegnarci nuovamente nella fede e credere che camminare con Cristo ci conduce verso un orizzonte di speranza”.

La fase locale del cammino sinodale durerà fino all’inizio di settembre 2022. In questo tempo, parrocchie, istituzioni, congregazioni e movimenti cattolici presenti in Terra Santa vivranno insieme il loro cammino sinodale, anche al fine di “redigere un rapporto esaustivo sullo stato della Chiesa. E in tale percorso – spiegano i Vescovi cattolici, rivolti ai capi delle altre Chiese e comunità ellcesiali “saremmo felici di condividere con voi quanto stiamo imparando e quanto impariamo da voi, mettendoci in ascolto della vostra saggezza e della vostra esperienza. L’appello appare ricolto in particolare ai fratelli delle Chiese ortodosse e delle antiche Chiese d’Oriente non in piena comunione con il Vescovo di Roma: “Papa Francesco” ricordano i Vescovi cattolici di Terra Santa “ha ripetutamente detto e scritto che i cattolici hanno molto da imparare dagli ortodossi a proposito dell’esercizio della sinodalità. Mentre ci accingiamo ad iniziare questo cammino, siamo più consapevoli che mai che noi, tutti insieme, come discepoli di Cristo in questa Terra, che è la Sua casa, siamo chiamati ad essere suoi testimoni. Ricordiamo che il suo più grande desiderio è quello che noi siamo uno (cfr. Gv 17)”.

Nel percorso sinodale – prosegue il testo diffuso dai Vescovi cattolici di Terra Santa – “siamo invitati ad ascoltare più che a parlare. Siamo in ascolto della voce del Signore, quando lo incontriamo nel cammino, della voce dello Spirito Santo come ci raggiunge attraverso le Scritture e nell’incontro con il nostro prossimo. Mettendo l’ascolto al centro del processo sinodale, desideriamo non soltanto rendervi noto questo percorso ma anche ascoltare tutto quello che voi desiderate dirci. Incoraggiamo i nostri sacerdoti a mettersi in contatto con i sacerdoti e i pastori di tutte le comunità cristiane che si trovano nelle loro zone”.
Il testo diffuso dai Vescovi cattolici di Terra Santa riporta in calde la “preghiera per il Sinodo” recitata in occasione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani: “Come i Magi erano uniti nella loro adorazione di Cristo” si legge tra l’altro nella orazione, rivolta al “Padre Celeste” - avvicinaci al tuo Figlio e avvicinaci così gli uni agli altri, in modo da renderci un segno dell’unità che desideri per la tua Chiesa e per l’intera creazione”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/01/2022
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Il Papa non legge Repubblica

Elenco di una serie di notizie che non lo erano, dal lapsus papale all’elenco dei 13 paesi europei che hanno messo il matrimonio uomo-donna in Costituzione contro i 12 che hanno varato le nozze gay

Leggi tutto

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Storie

Charlie è ancora vivo

Le autorità inglesi in Italia hanno risposto e hanno dato l’e-mail dell’ospedale. [email protected]
Mandiamo migliaia di e-mail gentili ma forti tipo
Britain is a civilised country and cannot allow the killing of an innocent baby.
The day Charlie would be killed would be a very sad day for Britain and every Briton should feel ashamed,
Do not allow it, Charlie could be your son,
Le autorità inglesi in Italia hanno risposto e hanno dato l’e-mail dell’ospedale. [email protected]
Mandiamo migliaia di e-mail gentili ma forti tipo
La Gran Bretagna è un paese civile e non può permettere l’uccisione di un bambino innocente.
Il giorno in cui charlie sarebbe stato ucciso sarebbe stato un giorno molto triste per la Gran Bretagna e tutti gli inglesi avrebbero dovuto vergognarsi.
Non lo permetta, Charlie potrebbe essere suo figlio.

Leggi tutto

Media

La nostra risposta: fare 5 cose

Contro il Popolo della Famiglia e i suoi dirigenti, invece, c’è una furia feroce che probabilmente è degna di miglior causa. Per la lobby che noi apertamente sfidiamo, per la sua politica contro la vita e contro la famiglia, per la visione del mondo che vuole trasformare le persone in cose, c’è un solo nemico da attaccare con tutte le energie fino a zittirlo: il Pdf. Torniamo alla domanda. Perché? Perché siamo ostinati e organizzati. Due fattori molto temuti: ostinazione e organizzazione. Sanno che ormai in ogni angolo del Paese c’è un nucleo territoriale organizzato del Popolo della Famiglia. Si tratta del frutto di due anni di lavoro casa per casa, compiuto dal Pdf attraverso l’esperienza di ben tre tornate amministrative ma anche con la presenza quotidiana e fattiva di monitoraggio di quel che accade. E così ogni settimana in Italia ci sono almeno dieci iniziative con dirigenti del Popolo della Famiglia che incontrano persone sul territorio, più di cinquecento all’anno. Ci sono gli iscritti, ci sono le liste, ci sono i candidati, ci sono 48.750 firme da raccogliere che saranno agevolmente raccolte, ci sono centinaia di migliaia di voti che certamente i nostri militanti otterranno alle prossime politiche sui 945 coraggiosi che candidandosi alla Camera e al Senato diranno: fate una croce sul simbolo del Popolo della Famiglia, tutto il resto l’abbiamo già sperimentato e ha portato al disastro attuale.

Leggi tutto

Chiesa

I #Vescovi italiani guardano al Paese reale

Scuola ed educazione, lavoro e povertà, sicurezza e migranti: sono solo alcuni dei temi (secolari) toccati dal documento finale prodotto dalla Conferenza Episcopale Italiana al termine della riunione autunnale del Consiglio Permanente. Per il resto si è toccata, fra le altre, la questione squisitamente liturgica della diffusione dell’ultima edizione del Messale Romano.

Leggi tutto

Chiesa

Laos: misure del governo a protezione dei cristiani vessati e maltrattati nel Paese

In Laos il governo di Vientiane ha adottato provvedimenti per proteggere i cristiani dalle continue discriminazioni subite

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano