Società

di Nathan Algren

Regno Unito. Stop alle misure anti-covid, i vescovi inglesi si adeguano

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La conferenza episcopale di Inghilterra e Galles ha deciso di rispettare le nuove misure introdotte dal governo britannico che ha rimosso le restrizioni introdotte alla vigilia di Natale per combattere la variante Omicron che comprendevano l’obbligo delle mascherine sui trasporti pubblici e nei negozi e il consiglio di lavorare da casa se possibile.

In un documento pubblicato sul loro sito i vescovi spiegano che, “facendo seguito all’annuncio del governo del 19 gennaio 2022 che le misure introdotte contro il Covid, definite come “Piano B”, verranno sospese completamente, a partire dal 27 gennaio, diamo i seguenti consigli alle diocesi di Inghilterra e Galles che sono stati concordati con le autorità sanitarie pubbliche”.

Il documento procede poi spiegando che: “il modo migliore per difendersi dai rischi del Covid è di essere pienamente vaccinati con due dosi e un booster e la Chiesa sostiene il programma di vaccinazione”.

“Esiste un consenso scientifico che la società si sta muovendo dalla fase nella quale il virus era pandemico alla fase nella quale diventerà endemico, anche se esiste ancora un rischio per gli assembramenti al chiuso per lunghi periodi e, per questo motivo, occorre prudenza. Tuttavia questa necessità deve armonizzarsi con il bisogno di raggiungere una normalità e questi due aspetti saranno sempre in tensione ed è questa tensione la chiave per la convivenza con il Covid”.

“Chiunque manifesti sintomi di Covid-19 dovrebbe stare a casa e non partecipare a funzioni in chiesa e chiamare il medico”, dicono ancora i vescovi cattolici di Inghilterra e Galles, “Si può ancora mettere la mascherina in chiesa. Non c’è bisogno di osservare la distanza, anche se bisogna fare attenzione ai bisogni di chi ci sta vicino. Le chiese devono assicurarsi che ci sia una buona ventilazione, anche se esiste il bisogno di riscaldare gli ambienti. Poiché risulta chiaro, dalle prove scientifiche, che la trasmissione dalle superfici è minima si può ricominciare ad usare libri dei canti, messali e altri strumenti”.

“E’ buona pratica sanificare le mani all’ingresso e all’uscito delle chiese ma non c’è bisogno per chi legge e altri ministri di farlo prima di leggere o di altri compiti svolti in chiesa anche se tutti i ministri della Comunione dovranno ancora sanificare le mani per la distribuzione dell’Eucarestia. Le acquasantiere possono essere di nuovo riempite, ma bisogna fare attenzione che l’acqua venga cambiata regolarmente, almeno una volta alla settimana”, scrivono i vescovi.

Anche il segno della pace è di nuovo consentito e la comunione ricomincerà ad essere distribuita ai fedeli in fila ma, per il momento, non viene accompagnata dalla distribuzione del vino. Ricomincia anche il segno della pace. Ritornano i canti e l’uso delle mascherine è incoraggiato per chi canta. Anche le attività sociali legate alla vita parrocchiale possono ricominciare. “Mentre questa riduzione nel numero di restrizioni porterà a una normalità più diffusa il virus è ancora in circolazione”, concludono i vescovi, “ed è importante che se ne ricordi chi partecipa alla vita della Chiesa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/01/2022
1708/2022
San Giacinto confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

HERA: nasce l’Autorità europea per prepararsi alle future emergenze sanitarie

Per Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, “l’HERA rappresenta un altro tassello di un’Unione della salute più forte e un importante passo avanti per la nostra preparazione alle crisi. Con l’HERA ci assicureremo di disporre delle attrezzature mediche necessarie per proteggere i nostri cittadini dalle future minacce sanitarie. L’HERA sarà in grado di adottare rapidamente decisioni per salvaguardare le forniture. Questo è quanto ho promesso nel 2020 e questo è quanto abbiamo realizzato”.

Leggi tutto

Società

Lockdown non vaccinati, Crisanti: “Una follia”

E’ una follia dal punto di vista giuridico ed epidemiologico”. E’ nettissimo il no di Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Microbiologia dell’Università di Padova, al cosiddetto ‘modello Austria’, ovvero all’ipotesi di un lockdow solo per i non vaccinati contro Covid-19

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Camisasca: “non disporre della vita a piacimento

Il vescovo di Reggio Emilia, Mons, Massimo Camisasca, ammonisce sulla legge del Fine Vita: “eutanasia mette a rischio i più deboli

Leggi tutto

Politica

Qualcosa di “diabolico” negli errori di chi ci governa

“Sbagliare è umano, perseverare nell’errore diabolico”. Vero Draghi?

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco annuncia il Giubileo 2025

Per Papa Francesco il giubileo del 2025 sarà segno di rinascita dopo le sofferenze della pandemia

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Fare di più per tutelare la libertà religiosa

La condizione della libertà religiosa in Pakistan desta preoccupazione: assistiamo a dozzine di episodi di violenza della folla, all’uso improprio delle leggi sulla blasfemia, conversioni forzate e profanazione dei luoghi di culto

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano