Storie

di Raffaele Dicembrino

La storia della giornalista incinta aiutata dai talebani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Se quando sei incinta e non sposata essere ospitata dai talebani ti sembra un rifugio sicuro, vuol dire che sei messa male”. Inizia così il racconto della storia “brutalmente ironica” capitata alla giornalista neozelandese Charlotte Bellis. La donna, inviata di Al Jazeera in Afghanistan ad agosto per seguire il ritiro delle truppe occidentali, era rientrata da poco nel quartier generale a Doha quando si è accorta di essere incinta del compagno, il fotografo belga Jim Huylebroek. Dovrebbe partorire una bimba a maggio.

Essendo illegale in Qatar avere figli senza essere sposata, la donna decide di licenziarsi e rientrare in Nuova Zelanda, ma le rigide norme anti-Covid imposte da Jacinda Ardern non glielo permettono. La reporter sostiene di aver inviato alle autorità neozelandesi 59 domande per ottenere un via libera “d’emergenza”, senza ottenere risposta. Le durissime regole decise per chi rientra dall’estero, inclusa la quarantena di dieci giorni in hotel/carceri gestiti da militari, sono state oggetto di forti critiche.

Charlotte e il compagno decidono quindi di ripiegare sul Belgio. Ma anche lì, racconta la giornalista sul New Zealand Herald, non si possono fermare più di tanto non essendo lei residente. A mali estremi, estremi rimedi. L’unico Paese per il quale lei e Jim hanno visti validi è l’Afghanistan, e così si rivolge direttamente ai suoi contatti tra alti funzionari talebani.

“Siamo felici per te, puoi stare qui, non avrai nessun problema”, le rispondono subito da Kabul, consigliandole comunque di dichiarare di essere sposata. E nel caso si venisse a sapere che non lo è, di “chiamarli”. “Andrà tutto bene”, pare l’abbiano rassicurata i talebani. L’ironia della sorte, scrive Bellis, “è che io stessa avevo attaccato i talebani per il trattamento delle donne, e adesso mi trovo invece a criticare il mio Paese”.

Chris Bunny, il capo del Sistema di isolamento e quarantena, ha spiegato che la domanda di Charlotte è stata respinta perché non soddisfaceva il requisito della partenza entro 14 giorni, ma il ministro neozelandese per l’emergenza Covid Chris Hipkins ha chiesto un’indagine sul suo caso.

Riassumendo: quando la Nuova Zelanda ha negato la sua richiesta di tornare a casa a causa delle restrizioni legate al coronavirus, la giornalista Charlotte Bellis ha dichiarato di aver dovuto cercare rifugio nell’Afghanistan guidato dai talebani come “donna incinta e non sposata. ”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/01/2022
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Müller: stanno sfruttando la pandemia per diffondere il pensiero totalitario

IL CARDINALE TEDESCO: “I VESCOVI NON POSSONO OFFRIRSI COME CORTIGIANI E PROPAGANDISTI DEI GOVERNANTI”

Leggi tutto

Politica

Il Senato ammette e documenta: i vaccini sono sieri sperimentali rischiosi

Dunque il governo con l’atto di sindacato ispettivo n 1-00388 della legislatura 18, afferma che i “vaccini Anticovid” che sono stati messi in commercio sono SPERIMENTALI, con dati molto limitati sulla sicurezza a breve termine o non disponibili.

Leggi tutto

Chiesa

Olanda. Cattolici olandesi, “ci manca la presenza fisica alle celebrazioni”.

Al sondaggio hanno risposto circa 2.000 membri della Chiesa cattolica, protestante, vetero cattolica e della Chiesa della Moravia.

Leggi tutto

Società

Vaccini: gli italiani non fanno la terza dose

Il quadro vaccinale che si ricava dal report del governo (aggiornato al 18 febbraio) evidenzia come ci sia un grande numero di persone che, dopo il completamento del ciclo primario, sono in attesa della terza dose: 11,346 milioni. Il gruppo più consistente è quello di ragazzi e ragazze tra i 12 e 19 anni (2,104 milioni), anche se in questo caso va ricordato che si tratta di una platea ammessa alla vaccinazione in un secondo tempo.

Leggi tutto

Chiesa

CEI: confermata la mascherina

L’andamento dei contagi risulta costante da qualche settimana e tale dato porta a confermare le indicazioni della Presidenza contenute nella comunicazione dello scorso 25 marzo facendo tuttavia presente che l’uso delle mascherine resta, a rigore, raccomandato in tutte le attività che prevedono la partecipazione di persone in spazi al chiuso come le celebrazioni e le catechesi, mentre resta obbligatorio l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per gli eventi aperti al pubblico che si svolgono al chiuso in locali assimilabili a sale cinematografiche, sale da concerto e sale teatrali.

Leggi tutto

Politica

Camera, slitta l’esame del testo sulla perseguibilità dell’utero in affitto

La discussione slitta “al prossimo calendario”, cioè almeno al prossimo mese

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano