Storie

di Raffaele Dicembrino

La storia della giornalista incinta aiutata dai talebani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Se quando sei incinta e non sposata essere ospitata dai talebani ti sembra un rifugio sicuro, vuol dire che sei messa male”. Inizia così il racconto della storia “brutalmente ironica” capitata alla giornalista neozelandese Charlotte Bellis. La donna, inviata di Al Jazeera in Afghanistan ad agosto per seguire il ritiro delle truppe occidentali, era rientrata da poco nel quartier generale a Doha quando si è accorta di essere incinta del compagno, il fotografo belga Jim Huylebroek. Dovrebbe partorire una bimba a maggio.

Essendo illegale in Qatar avere figli senza essere sposata, la donna decide di licenziarsi e rientrare in Nuova Zelanda, ma le rigide norme anti-Covid imposte da Jacinda Ardern non glielo permettono. La reporter sostiene di aver inviato alle autorità neozelandesi 59 domande per ottenere un via libera “d’emergenza”, senza ottenere risposta. Le durissime regole decise per chi rientra dall’estero, inclusa la quarantena di dieci giorni in hotel/carceri gestiti da militari, sono state oggetto di forti critiche.

Charlotte e il compagno decidono quindi di ripiegare sul Belgio. Ma anche lì, racconta la giornalista sul New Zealand Herald, non si possono fermare più di tanto non essendo lei residente. A mali estremi, estremi rimedi. L’unico Paese per il quale lei e Jim hanno visti validi è l’Afghanistan, e così si rivolge direttamente ai suoi contatti tra alti funzionari talebani.

“Siamo felici per te, puoi stare qui, non avrai nessun problema”, le rispondono subito da Kabul, consigliandole comunque di dichiarare di essere sposata. E nel caso si venisse a sapere che non lo è, di “chiamarli”. “Andrà tutto bene”, pare l’abbiano rassicurata i talebani. L’ironia della sorte, scrive Bellis, “è che io stessa avevo attaccato i talebani per il trattamento delle donne, e adesso mi trovo invece a criticare il mio Paese”.

Chris Bunny, il capo del Sistema di isolamento e quarantena, ha spiegato che la domanda di Charlotte è stata respinta perché non soddisfaceva il requisito della partenza entro 14 giorni, ma il ministro neozelandese per l’emergenza Covid Chris Hipkins ha chiesto un’indagine sul suo caso.

Riassumendo: quando la Nuova Zelanda ha negato la sua richiesta di tornare a casa a causa delle restrizioni legate al coronavirus, la giornalista Charlotte Bellis ha dichiarato di aver dovuto cercare rifugio nell’Afghanistan guidato dai talebani come “donna incinta e non sposata. ”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/01/2022
1308/2022
Ss. Ponziano e Ippolito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Green pass, Mattarella ha firmato

Probabile la proroga dell’obbligo di Green pass per i sanitari. Anche se resta una norma pro tempore. Continuano ad infuriare le polemiche seppur i media remino quasi tutti dalla stessa parte.

Leggi tutto

Storie

Angelo Giorgianni parlò sul palco dei “No green pass”: sospeso

Dopo le accuse e le polemiche, è stato sospeso dalle funzioni e dallo stipendio il giudice Angelo Giorgianni, consigliere alla Corte d’appello di Messina, che il 9 ottobre scorso parlò a Roma dal palco dei No green pass a piazza del Popolo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il Natale in pandemia

Ricevendo in Vaticano i partecipanti e gli organizzatori del “Christmas Contest”, concorso canoro rivolto ai giovani,  Papa Francesco ricorda che la nascita di Cristo è “la festa della compassione” e della “tenerezza” e che sono i piccoli gesti a generare “dinamiche culturali, sociali ed educative”.

Leggi tutto

Società

Riyadh, al tempo del Covid in 700mila ad un rave-party

MDLBeast Soundstorm, una quattro giorni di musica elettronica prima assoluta nel regno wahhabita. Ragazzi e ragazze ballano fianco a fianco, fermandosi al momento della preghiera islamica. Critica Hrw, che ricorda abusi e violazioni ai diritti umani

Leggi tutto

Società

Dignità e sorriso

Anche il mondo del calcio paga l’incostituzionalità delle “opere” restrittive del governo Draghi

Leggi tutto

Società

Guatemala - I Vescovi: “Ci ferisce la disuguaglianza”

La pandemia ha acuito i problemi del passato: nel campo sanitario, la malnutrizione infantile, il mancato sviluppo delle zone rurali, la disoccupazione, l’emigrazione e l’immigrazione… Secondo stime dell’Onu, la sanità, il lavoro, la casa e il benessere umano di base sono ad un livello molto basso per la maggioranza della popolazione, rileva il messaggio. Particolare attenzione dovrebbe poi essere prestata al settore dei bambini e dei giovani, che costituiscono la percentuale più alta della popolazione guatemalteca.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano