Storie

di Nathan Algren

Argentina - Sgomento per le immagini sacre profanate a Pehuajó

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“È una profanazione oggettiva di immagini così amate e venerate. Una ferita alla sensibilità credente dei parrocchiani, nonché un grave danno al patrimonio artistico culturale della comunità. Tuttavia, vi preghiamo di avere misericordia e perdono verso la persona che ha compiuto tali azioni in un chiaro stato di alterazione e alienazione delle sue facoltà. Preghiamo per lui”. Sono le parole di Monsignor Ariel Torrado Mosconi, Vescovo della diocesi di Santo Domingo su Nueve de Julio, dopo il danneggikamento di alcune immagini sacre venerate nella parrocchia “San Anselmo” della città di Pehuajó.

Nel comunicato della diocesi, firmato anche dal parroco, il Vescovo esprime shock e dolore, insieme alla vicinanza e alla solidarietà con l’intera comunità. “Mentre contempliamo le immagini spezzate del Signore Gesù e dei suoi Santi – prosegue il testo -, non possiamo fare a meno di pensare a tante persone le cui esistenze sono anch’esse spezzate e frantumate dalla disintegrazione familiare, dalle dipendenze, dalla violenza, dagli abusi e da tante altre forme di manipolazione e ingiustizia”. Venerando, queste immagini benedette danneggiate, il Vescovo esorta a solidarizzare con quelle persone – immagini e somiglianza di Dio – che sono ugualmente vessate in tanti modi diversi nella loro dignità.

Invitando alla Messa di riparazione e ad unirsi “spiritualmente a tanti atti di riparazione che si compiranno in questi giorni in vari luoghi della nostra diocesi”, il Vescovo esorta “a vivere questa dolorosa situazione come un’opportunità per unirsi di più nell’edificazione della Chiesa come tempio vivente di Cristo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/02/2022
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Storie

Matrimonio lesbico in una chiesa di Macerata

Non lo è dal punto di vista giuridico (per quanto i nominalismi contino sempre di meno e le parole al giorno d’oggi assumano talvolta significati quasi opposti a quelli che rintracciamo nei dizionari), e non lo è nemmeno dal punto di vista sostanziale: il matrimonio è l’unione di un uomo e di una donna che suggellano un patto senza data di scadenza né fini espliciti, se non quello di mostrare la propria disponibilità alla vita che potrà venire, accoglierla, proteggerla, educarla e fornire alla società intera il dono impagabile di una nuova generazione.

Leggi tutto

Storie

Di Noto ed i drammi della violenza

Non tutti i giovani non amano, ma non è più tollerabile questa forma di violenza proprio tra le nuove generazioni – prosegue don Di Noto -. Nelle scuole, tra i giovani, nelle famiglie dobbiamo parlare della inviolabilità della vita umana, è una guerra offensiva silente e devastante”.

Leggi tutto

Politica

Verso il 4 Marzo: frenare la deriva

Appello di sacerdoti e religiosi a sostenere il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Chiesa

Giornata in memoria dei missionari martiri

Una giornata dunque per chi offre il proprio aiuto gratuitamente agli altri ed in alcuni casi viene ripagato con disprezzo e violenza tanto da arrivare a mettere a repentaglio la propria vita.

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano