Storie

di Roberto Signori

Vietnam - Sacerdote domenicano ucciso nel confessionale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un sacerdote domenicano vietnamita, padre Joseph Tran Ngoc Thanh, è stato ucciso mentre ascoltava la confessione e celebrava il Sacramento delle Riconciliazione nella diocesi di Kon Tum. Aveva 41 anni. L’aggressione è avvenuta il 29 gennaio, poco prima della celebrazione della messa vespertina del sabato sera. Padre Joseph Tran Ngoc Thanh si trovava in confessionale quando è stato aggredito con un’arma da taglio da un uomo mentalmente instabile. Un altro religioso domenicano, accorso sul luogo, è stato ferito con un coltello quando ha cercato di fermare l’aggressore. Le persone presenti nella chiesa, che hanno assistito all’aggressione, erano in stato di shock. Padre Tran, ferito, ha ricevuto le prime cure ma non è riuscito a riprendersi ed è morto alle 23,30 (ora locale) dello stesso giorno.

La polizia locale ha arrestato l’aggressore, considerato una persona “con malattia mentale”. La comunità locale è profondamente colpita dalla inattesa uccisione del sacerdote, proprio nel momento in cui erano in preparazione i festeggiamenti del capodanno lunare, che il Vietnam celebra il 1° febbraio. Hanno espresso messaggi di lutto e di dolore la Provincia domenicana del Vietnam e la comunità della parrocchia di Dak Mót, 40 km a Nord di Kon Tum, dove il prete viveva e operava. Il religioso si era recentemente insediato come sacerdote incaricato per la cura pastorale di un “piccolo gregge” di cattolici.

Il Vescovo Aloisio Nguyen Hung Vi, che guida la diocesi di Kon Tum, ha celebrato una messa funebre ieri, domenica 30 gennaio, e ha espresso le sue condoglianze alla comunità parrocchiale di Dak Mót e alla Provincia domenicana del Vietnam. Ha detto il Vescovo: “Sappiamo che la volontà di Dio è misteriosa, non possiamo comprendere appieno le vie del Signore. Possiamo solo consegnare il nostro fratello nelle mani del Signore. Padre Joseph viaggia nell’eternità e, qualunque cosa sia accaduta, nessuno può separare lui né noi dall’amore di Dio. Quando è stato colpito, Padre Joseph stava facendo le veci di Cristo, dispensando il suo perdono. Morire in quel momento, ‘in persona Christi’, deve essere una grazia. In questo dolore vediamo anche la bellezza e la nobiltà del sacerdote”.

Il corpo di padre Joseph Thanh è stato portato alla Cappella di San Martino nella città di Bien Hoa, nella provincia di Dong Nai, per il rito di commiato. Il corpo del sacerdote è stato sepolto tra gli altri frati domenicani nel cimitero della Provincia, situato a Bien Hoa.
Padre Joseph Thanh era nato il 10 agosto 1981 a Saigon ed aveva emesso la professione religiosa nell’Ordine dei Frati Predicatori il 13 agosto 2010. È stato ordinato sacerdote il 4 agosto 2018.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/02/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Nigeria: rapiti tre seminaristi

Il sequestro, di cui ha dato notizia ‘Aiuto alla Chiesa che Soffre’, sarebbe avvenuto in seguito ad un attacco di uomini armati, nel quale sono rimasti feriti altri sei studenti.

Leggi tutto

Chiesa

Colombia: nuove minacce al vescovo di Buenaventura

Da tempo Monignor. Rubén Darío Jaramillo sta chiedendo un intervento deciso delle autorità perché, secondo le sue parole, “ciò che si vive nella zona non è solo violenza, ma è una vera guerra”, e per questo ha ricevuto minacce di morte.

Leggi tutto

Storie

Nigeria è morto il sacerdote sequestrato a marzo

L’annuncio è stato dato dall’arcidiocesi di Kaduna. Il decesso di padre Joseph Aketeh Bako è avvenuto lo scorso mese di aprile

Leggi tutto

Storie

Si aggravano le tensioni in Burkina Faso

Si aggravano le tensioni in Burkina Faso, dove gruppi armati provocano giornalmente vittime

Leggi tutto

Storie

MOZAMBICO - “Per fermare i jihadisti occorre dare un futuro ai giovani

Non ci possono essere vittime di seria A e vittime di serie B”. “La risposta ai jihadisti non può essere solo militare ma occorre fornire speranza ai giovani, altrimenti tentati dal reclutamento nelle file jihadiste”. Sono alcune delle affermazioni rilasciate da Mons. Juliasse Ferreira Sandramo, Vescovo di Pemba, diocesi che si trova a Cabo Delgado, la provincia settentrionale del Mozambico da alcuni anni destabilizzata dai ribelli che hanno aderito allo Stato Islamico.

Leggi tutto

Storie

Il dramma del Congo

Sono stati pubblicati i primi risultati dell’indagine delle Nazioni Unite sul massacro di fine novembre nella Repubblica Democratica del Congo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano