Chiesa

di Roberto Signori

India: resta in carcere la suora accusata

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

​Ricorderete il caso della suora arrestata del quale vi abbiamo narrato nelle scorse ore. Ebbene la farsa prosegue. Resta ancora in carcere suor. Sahaya Mary, la religiosa di 62 anni delle suore Francescane del Cuore Immacolato di Maria arrestata per il suicidio avvenuto il 19 gennaio di una ragazza minore in un ostello gestito dalle religiose a Michaelpatti, un villaggio nel distretto di Thanjavur (diocesi di Kumbakonam). La tragedia, legata a problemi della ragazza nel rapporto con la famiglia, è strumentalizzata dai nazionalisti indù che accusano le religiose di averla sottoposta a pressioni per convertirsi. Fanno forza su un video divenuto virale nel quale la ragazza parlava di una richiesta che avrebbe ricevuto in questo senso due anni fa e avrebbe rifiutato.

La richiesta di scarcerazione su cauzione è stata rigettata dall’Alta Corte di Chennai, che ha rinviato l’indagine al Central Bureau of Investigation, l’agenzia federale indiana di investigazione. I giudici hanno chiesto ha chiesto inoltre di acquisire il telefono su cui il video sarebbe stato registrato, che appartiene a un esponente di un movimento legato all’hindutva. Da parte sua il locale ufficio scolastico in un rapporto ufficiale aveva chiarito nei giorni scorsi che non c’è mai stata in passato nessuna denuncia per conversioni forzate contro la scuola delle Francescane del Cuore Immacolato di Maria, note in Tamil Nadu anche con il nome di Pondicherry Blues. La superiora provinciale suor. Firmina Mary, racconta: “Sono 178 anni che restiamo fedeli alla nostra vocazione di servizio disinteressato alle donne attraverso l’educazione, per dare loro forza in un contesto segnato dal maschilismo. Suor. Sahaya Mary resta in carcere ma continuiamo a ricevere sostegno pubblico anche da tante famiglie non cristiane. La morte di questa ragazza ospite in un nostro ostello non ha per nulla a che fare con le accuse di conversione”.

La superiora spiega che la vita della ragazza, che appartiene a una famiglia povera, era stata segnata alcuni anni fa dalla morte per suicidio della madre per incomprensioni con il marito. Dopo questa vicenda aveva dovuto subire forti pressioni psicologiche da parte della matrigna e per questo motivo era stata accolta nell’ostello, dove suor. Sahaya Mary si prendeva cura di lei come da decenni ha fatto con tutte le altre ragazze. “Negli ultimi mesi - aggiunge sr. Firmina Mary - era tormentata proprio dal pensiero di dover tornare a casa dalla matrigna al termine dell’ultimo anno scolastico. Proprio questo panico è alla base della tragedia della sua morte, che ci ha lasciato sotto shock. E ci rattrista vedere approfittare di questa vicenda per infangare la nostra reputazione e quella della nostra consorella”.

Anche l’arcivescovo Felix Machado, segretario generale della Conferenza dei vescovi cattolici dell’India (Cdci) commenta: “Hanno costruito artificialmente una narrativa dei fatti e cercano in tutti i modi di affermarla. Mirano solo a colpire la Chiesa attraverso questa falsa accusa sulle conversioni avanzata senza la possibilità di difendersi. E creano un clima in cui l’odio si diffonde: nel distretto di Pudukkottai, sempre nel Tamil Nadu, altre due suore sono state aggredite. Una ventina di persone le hanno bloccate mentre andavano a visitare una persona bisognosa, accusandole di voler compiere conversioni. Vorrebbero eliminare la presenza Cristiana in questo Paese”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/02/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La chiave che scioglie i nodi

L’intellettualismo imperante privilegia una parte dell’umanità della persona finendo per astrattizzarla e dunque distorcerla: la sua ragione. Si viviseziona così l’uomo, spegnendolo, in ragione astratta; anima, moralità, disincarnata; e resto emozionale, pratico, del soggetto

Leggi tutto

Chiesa

Libano: cristiani in fuga. L’allarme del patriarca Joseph III

Tempi duri per i cristiani in Libano tra violenze religiose ed una crisi economica devastante che l’Europa continua ad ignorare.

Leggi tutto

Storie

Pakistan: cristiano ucciso da un gruppo di musulmani

Il 25enne Pervez Masih è stato attaccato dopo una controversia nata nel suo negozio di videogiochi.. United Christian Council: “In Pakistan le forze dell’ordine sono impotenti e insicure”.

Leggi tutto

Storie

2022, già 127 episodi di violenza contro i cristiani in India

Secondo il rapporto a gennaio 2022 si sono verificati 40 incidenti, 35 incidenti a febbraio, 34 a marzo, altri ad aprile, e si tratta solo di quelli denunciati. Sono 89 i Pastori o parroci malmenati e minacciati di ritorsioni se continuano a condurre preghiere e liturgie. Ben 68 chiese sono state attaccate , 367 donne e 366 bambini hanno riportato ferite. Su 127 incidenti, 82 sono stati violenze di massa, compiute da una folla di militanti.

Leggi tutto

Storie

Turchia - Gruppo di musulmani attaccano una famiglia assira

I cristiani avevano da poco celebrato la prima funzione nella storica chiesa di Mor Gevargis, da poco restaurata dopo un secolo di abbandono. La famiglia Yilmaz è l’unica rimasta nella zona. La folla ha attaccato con bastoni e pietre, poi ha incendiato i campi coltivati.

Leggi tutto

Storie

Turchia: i cimiteri profanati

A metà luglio devastate tombe e lapidi ebraiche ad Haskoy, sobborgo di Istanbul. In precedenza erano finiti nel mirino campisanti cristiani a Mardin e Van. Esumate salme di fedeli yazidi e sepolte di nuovo secondo la tradizione islamica. Fra gli autori delle profanazioni anche giovanissimi di 11 e 13 anni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano