Storie

di Giuseppe Udinov

Congo - Catturato importante jihadista straniero nell’est della RDC

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Congo - “Abbiamo appreso con grande interesse la notizia della cattura, il 29 gennaio, da parte delle Forze Armate della RDC, del terrorista islamista Salim Mohamed, nella regione di Batangi- Balilaye, nel Territorio di Beni, Provincia del Nord Kivu, nell’est della Repubblica Democratica del Congo” afferma una nota del CEPADHO (Centro Studi per la Promozione della Pace, della Democrazia e dei Diritti dell’Uomo), una Ong congolese con base a Goma.

“Si tratta - afferma la nota - di un terrorista di nazionalità keniota, famoso per la propaganda mediatica sui social network, caratterizzata dalla pubblicazione anticipata di immagini atroci dell’esecuzione di ostaggi e di messaggi di incitamento della comunità musulmana all’estremismo violento”.

Il CEPADHO sottolinea che l’uomo arrestato è un membro dello Stato Islamico inviato nell’est della RDC per sostenere l’ADF /MTM (Forze Democratiche Alleate/ Madinat Tawhid wa-l-Muwahidin), un gruppo di guerriglia di origine ugandese che ha dichiarato la propria adesione al Califfato e che da diversi anni semina insicurezza nell’area.
Secondo la nota, Salim Mohamed sarebbe stato anche in contatto con il gruppo Ansar Al- Sunna, che opera nel nord del Mozambico, altra organizzazione jihadista che ha dichiarato la propria adesione allo Stato Islamico. Il CEPADHO afferma inoltre che “l’arresto del jihadista Salim Mohamed è un risultato che va accolto con favore. Si tratta di un’azione su larga scala, frutto della collaborazione tra le forze armate congolesi e la popolazione locale”.

Nello scritto si rammenta che “grazie agli sforzi compiuti dalle forze e dai servizi di sicurezza congolesi” di recente si è pervenuti alla cattura di altri terroristi di origine straniera che operano nell’est della RDC. Si tratta del giordano Abou Omar e dell’ugandese Benjamin Benjamin Kisokeranio, considerato uno dei fondatori dell’ADF /MTM. “Il CEPADHO spera che la cattura di questi terroristi contribuisca all’indebolimento dell’ADF/MTM e dia maggior slancio all’operazione congiunta lanciata dal 30 novembre 2021 dall’esercito congolese e ugandese per sconfiggere i jihadisti, in particolare incoraggiando la defezione dei membri di questo movimento terroristico” conclude la nota.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/02/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Somalia - Monsignor Bertin invita all’unione

La Somalia, alle prese con gravissimi problemi, resta sospesa dal punto di vista politico e quindi esposta al caos, anche a causa dell’incerto processo elettorale. Un accordo aveva stabilito che le elezioni si dovessero tenere entro il 25 febbraio, ma il perdurare delle tensioni fa pensare a un ennesimo posticipo.

Leggi tutto

Storie

Bangladesh - Cristiano rapito e ucciso

Sabuj Bernard Gosal era scomparso il 28 settembre. Nonostante le denunce alla polizia, pochi giorni dopo il corpo è stato trovato a pezzi. Arrestato un musulmano che lavorava nella stessa fabbrica

Leggi tutto

Storie

Sicurezza: progetto NATO-ENEA contro gli attentati

Nelle scorse ore è stato dimostrato sul campo a Roma il progetto DEXTER, che punta a rafforzare la sicurezza delle persone e prevenire attacchi con armi o esplosivi in metropolitane, stazioni ferroviarie, aeroporti, ma anche in spazi o luoghi di ritrovo affollati, grazie a innovative tecnologie di sorveglianza.

Leggi tutto

Chiesa

Mar Awa Royel è il 122esimo Patriarca della Chiesa assira d’Oriente

Nato 46 anni fa a Chicago, e quindi figlio della diaspora assira negli USA, David Royel è stato ordinato diacono già a 17 anni, e in seguito ha conseguito titoli di laurea in sacra teologia presso la Loyola University di Chicago (fondata nel 1870 dai Gesuiti) e presso l’University of Saint Mary of the Lake, nota anche come “Mundelein Seminary”, storico istituto incaricato della formazione teologica e spirituale dei sacerdoti cattolici dell’Arcidiocesi di Chicago

Leggi tutto

Storie

L’ultima lettera di Paolo Borsellino

Paolo Borsellino e quell’ultima lettera

Leggi tutto

Storie

Prete rapito in Nigeria: chiesto un riscatto?

L’ultimo rapimento di un prete in Africa a scopo di estorsione risale a qualche giorno fa. E’ l’ennesimo preoccupante sequestro da parte di bande criminali o di gruppi spesso collegati al radicalismo islamico che sta penetrando velocemente in molte regioni africane

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano