Storie

di Nathan Algren

La vita dei consacrati in America

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Monaci e monache, contemplative e contemplativi, religiosi e religiose dediti all’apostolato, membri di istituti secolari e di società di vita apostolica, vergini consacrate ed eremiti, con la nostra esistenza diamo testimonianza dell’amore di Cristo in tutti i campi della vita ecclesiale e sociale. Il nostro stile di vita e la ricerca dell’Assoluto rappresentano una terapia spirituale per i mali del nostro tempo.” Sono le parole del messaggio che la Confederazione dei Religiosi dell’America Latina e dei Caraibi (CLAR) ha inviato ai religiosi e alle religiose per la Giornata mondiale della Vita Consacrata che si celebra il 2 febbraio.

Nel testo, inviato a Fides, si rileva: “ci troviamo a vivere con intensità il tempo presente, avvolti dall’incertezza e cercando di dare risposte alle tante domande che ci circondano. Stiamo inaugurando e apprendendo un nuovo modo di essere Chiesa, dal tratto sinodale, che ci spinge a recuperare la profezia, avendo il Vangelo come unica regola di vita”.

I religiosi e le religiose, dalle loro comunità, in questa circostanza rinnovano la consacrazione a Dio, e escono con la luce del Vangelo per incontrare il Signore e i fratelli e le sorelle. “E’ l’ora di metterci al servizio dell’umanità, di abbandonare ogni abuso – prosegue la CLAR -, di allacciare relazioni sinodali…E’ l’ora di camminare in minorità con il popolo, di motivare la dinamica della collaborazione e della corresponsabilità, di articolare la partecipazione di tutti, di imparare a vivere nella prossimità”.

La Vita Consacrata negli ultimi anni ha percorso cammini di “approfondimento, purificazione, comunione e missione” sottolinea il testo. “Il processo sinodale ci unisce nell’ascolto, nella comunione, nella partecipazione e nella missione, per arricchire la Chiesa con le nostre virtù e carismi, e per dare al mondo la nostra testimonianza gioiosa di donazione totale al Signore”.

La Prima Assemblea ecclesiale dell’America Latina e dei Caraibi ha riconosciuto che la CLAR da lungo tempo sta contribuendo a generare una crescente mentalità e pratica della sinodalità nella nostra Chiesa. Tale riconoscimento conferma l’impegno della Vita Consacrata a promuovere il dialogo tra i vescovi, sacerdoti, diaconi, religiosi e laici, “per condividere, creare fiducia e sviluppare impegni comuni di fronte ai problemi della vita, avendo un cuore solo e un’anima sola orientati verso Dio”.

“In questa festa della Presentazione del Signore – conclude il messaggio della CLAR - rinnoviamo il nostro ringraziamento a Dio per il dono della Vita Consacrata, che lo Spirito ha suscitato nella Chiesa, e l’invito a rinnovare il nostro impegno di seguire Cristo, obbediente, povero e casto. Attraverso la nostra testimonianza evangelica, la presenza di Cristo, luce delle genti, risplenda nella Chiesa e illumini il mondo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/02/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La chiesa peruviana e le proteste dei cittadini

La Chiesa riconosce il legittimo diritto alla protesta, tutelato nella nostra Costituzione politica (articolo 2), e condanna la violenza espressa nel blocco delle strade perché impedisce la libera circolazione delle persone e il trasporto dei viveri. Il cibo di ogni essere umano è un diritto che deve essere garantito”. Lo ha affermato Monsignor Miguel Cabrejos Vidarte, OFM, Arcivescovo di Truillo e Presidente della Conferenza Episcopale Peruviana, in un messaggio dal titolo “Il dialogo e la prevenzione dei conflitti sono la via per il bene comune” diffuso dopo gli incidenti scoppiati a Huancayo.

Leggi tutto

Chiesa

Corea del Sud e numero cattolici

I cattolici sono oggi l’11,3% della popolazione, ma l’età media dei fedeli si fa più avanzata e diminuiscono le nuove vocazioni al sacerdozio. Resta però alto il contributo alla missione con 1115 missionari coreani che svolgono il loro ministero in 80 Paesi del mondo.

Leggi tutto

Società

Le parole di Francesco al Global Solidarity Fund

Le parole di Francesco al Global Solidarity Fund, l’incoraggiamento alla vicinanza agli scartati della società: troppi cristiani hanno il “cuore sporco di egoismo e sono una riedizione del farisaismo più antico

Leggi tutto

Chiesa

Quer pasticciaccio brutto de li castighi divini

Nelle parole del saggio Benedetto c’è calore umano, c’è il mistero del dolore innocente associato, in maniera altrettanto misteriosa, alla Croce di Cristo. Su tutto regna la fiducia nella costitutiva bontà di Dio, un Padre buono che ama i propri figli. Una sola cosa non c’è nella risposta di papa Benedetto: un sistema di risposte a tutto, una FAQ teologica a misura della ragione umana. Ci sono invece appelli alla meditazione, inviti alla preghiera. Pregare, ce lo dice l’etimologia, implica il riconoscimento della propria precarietà: è un’esortazione ad affidarsi, atto antipelagiano per eccellenza.

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Chiesa

Il convegno di Siracusa raccontato da chi c’è stato

Oltre i soliti zelanti allarmismi di certo mondo reazionario si erge la parrhesía di Antonio Staglianò

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano