Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco: la rigidità è una perversione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Coltivare una visione rinnovata della vita consacrata”, che tenga conto dei segnali che Dio manda - dalle crisi, al calo numerico, dall’infiacchirsi delle forze dei membri della comunità - e spinga verso un cambiamento, senza farsi “paralizzare” da paure o vecchie nostalgie, senza cadere nella rigidità che è sempre “una perversione”. È una spinta al futuro quella che il Papa offre ai religiosi di tutto il mondo che oggi celebrano la Giornata internazionale della Vita consacrata, nella festa della Presentazione di Gesù al tempio. Durante la celebrazione nella Basilica vaticana, al momento della Comunione, il Papa ha concesso l’Ecclesiastica Communio al patriarca di Cilicia dei Armeni, Raphael Bedros XXI Minassian. Un momento caratterizzato da gesti semplici ma significativi, come tenere elevata a quattro mani la patena con il Corpo e il calice con il Sangue di Cristo e di comunicarsi insieme. A membri di ordini, congregazioni e istituti il Pontefice ha raccomandato di fare attenzione a quei “tarli” e “smanie” che si annidano nella vita comunitaria: narcisismo, protagonismo, la tentazione di ferire la dignità di fratelli e sorelle. Contro di essi, l’antidoto è lo “stupore”.

L’omelia è tutta incentrata sulla figura di Simeone e Anna, “due anziani” che attendono il compiersi della promessa di Dio: la venuta del Messia. In particolare sono i loro gesti a indicare il cammino dei consacrati: vedere, muoversi, accogliere. Vedere, sottolinea Francesco, perché è il Signore stesso a mandare “segnali” da osservare per invitarci “a coltivare una visione rinnovata della vita consacrata”: “Ci vuole, eh! Ma sotto la luce, sotto l’emozione dello Spirito Santo… Non possiamo fare finta di non vederli e continuare come se niente fosse, ripetendo le cose di sempre, trascinandoci per inerzia nelle forme del passato, paralizzati dalla paura di cambiare”, afferma. Oggi la tentazione è infatti “di andare indietro, per sicurezza, per paura, per conservare la fede, conservare il carisma fondatore. È una tentazione… La tentazione di andare indietro e conservare le ‘tradizioni’ con rigidità”. Niente inerzie del passato, niente paura, dice invece Papa Francesco. Dobbiamo aprire gli occhi alla realtà, presente e futura:

Attraverso le crisi - si, è vero ci sono le crisi -, attraverso i numeri che mancano: “Ma padre non ci sono vocazioni, adesso andiamo nell’isola dell’Indonesia per vedere se ne troviamo qualcuna…”. No! Quando stiamo guardando al passato con inerzia, siamo paralizzati dalla paura di cambiare.

Papa Francesco invita a guardare anche alle “forze che vengono meno”, perché proprio attraverso tutte queste debolezze “lo Spirito invita a rinnovare la nostra vita e le nostre comunità. Lui ci indica il cammino, noi apriamo il cuore”. L’importante è non passare i giorni “a rimpiangere un passato che non torna più”, ma aprire le braccia “al futuro che viene loro incontro”.

“Non sprechiamo l’oggi guardando a ieri”, esorta il Papa, ma mettiamoci davanti al Signore “in adorazione” e domandiamo “occhi che sappiano vedere il bene”
L’invito è, quindi, a trasformare lo sguardo: Oochi nuovi su noi stessi, sugli altri, su tutte le situazioni che viviamo, anche le più dolorose. Non si tratta di uno sguardo ingenuo, è sapienziale. Lo sguardo ingenuo fugge la realtà o finge di non vedere i problemi, ma di occhi che sanno “vedere dentro” e “vedere oltre”; che non si fermano alle apparenze, ma sanno entrare anche nelle crepe della fragilità e dei fallimenti per scorgervi la presenza di Dio.

Il problema però è: “Cosa vedono i miei occhi? Quale visione abbiamo della vita consacrata?”. “Il mondo - annota Francesco - spesso la vede come uno spreco: ‘Ma guarda, quel ragazzo così bravo, mettersi frate. Quella ragazza così brava, mettersi a suora. È uno spreco. Se almeno fosse brutto o brutta, no, sono bravi, ma è uno spreco’. Così pensiamo noi… Lo vediamo come una realtà del passato, qualcosa di inutile. Ma noi comunità cristiana, religiose e religiosi, che cosa vediamo? Siamo rivolti con gli occhi all’indietro, nostalgici di ciò che non c’è più o siamo capaci di uno sguardo di fede, lungimirante, proiettato dentro e oltre? Avere la saggezza del guardare”.

E questo “lo dà lo Spirito Santo”, il quale, sottolinea il Papa, “rende capaci di scorgere la presenza di Dio e la sua opera non nelle grandi cose, nell’esteriorità appariscente, nelle esibizioni di forza, ma nella piccolezza e nella fragilità”. È lo stesso Spirito che incita al movimento. Non a caso si usa l’espressione “mosso dallo Spirito” per ricordare quelle “mozioni spirituali”, quei “moti dell’animo che avvertiamo dentro di noi e che siamo chiamati ad ascoltare, per discernere se provengono dallo Spirito Santo o da altro”. Mentre lo Spirito porta a riconoscere Dio nella piccolezza e nella fragilità di un bambino, noi a volte rischiamo di pensare alla nostra consacrazione in termini di risultati, di traguardi, di successo: ci muoviamo alla ricerca di spazi, di visibilità, di numeri. È una tentazione…

Lo Spirito invece, insiste Papa Francesco, “desidera che coltiviamo la fedeltà quotidiana, docili alle piccole cose che ci sono state affidate”. Chiediamoci, fratelli e sorelle: che cosa muove i nostri giorni? Quale amore ci spinge ad andare avanti? Lo Spirito Santo o la passione del momento? Come ci muoviamo nella Chiesa e nella società? A volte, anche dietro l’apparenza di opere buone, possono nascondersi il tarlo del narcisismo o la smania del protagonismo.

Papa Francesco mette in guardia da un altro rischio: le comunità religiose “sembrano essere mosse più dalla ripetizione meccanica - fare le cose per abitudine, tanto per farle - che dall’entusiasmo di aderire allo Spirito Santo”. “Verifichiamo oggi le nostre motivazioni interiori, discerniamo le mozioni spirituali, perché il rinnovamento della vita consacrata passa anzitutto da qui”.

Il Papa incoraggia poi a coltivare il rapporto con consacrati e consacrate anziani, che “con occhi luminosi continuano a sorridere, dando speranza ai giovani”. “Forse ci farà bene, in questi giorni, fare un incontro, fare una visita ai nostri fratelli religiosi e sorelle religiose anziani, per guardarli, per parlare, per domandare, per sentire cosa pensano. Credo che sarà una buona medicina”.

In conclusione ecco una terza azione: accogliere. “A volte rischiamo di perderci e disperderci in mille cose, di fissarci su aspetti secondari o di immergerci nelle cose da fare, ma il centro di tutto è Cristo, da accogliere come Signore della nostra vita”.

Se ai consacrati mancano parole che benedicono Dio e gli altri, se manca la gioia, se viene meno lo slancio, se la vita fraterna è solo fatica, non è perché siamo vittime di qualcuno o di qualcosa, il vero motivo è perché le nostre braccia non stringono più Gesù. E quando le braccia di un consacrato non stringono Gesù, stringono il vuoto che cercano di riempire con altre cose. Ma c’è il vuoto.

È quando non stringiamo Gesù che “il cuore si chiude nell’amarezza”: “È triste - dice il Papa a braccio - vedere quei consacrati amari”, che “si chiudono nella lamentela per le cose che puntualmente non vanno. Sempre si lamentano di qualcosa: dei superiori, dei fratelli, della comunità, della cucina. Se non si lamentano non vivono”. C’è gente che è “amara” perché “non è capace di stringere nelle sue braccia” Cristo, è “amara” nella lamentela per le cose che non vanno “in un rigore che ci rende inflessibli e in atteggiamenti di pretesa superiorità”. Invece se accogliereremo Cristo a braccia aperte, accoglieremo anche gli altri “con fiducia e umiltà”. E allora, assicura Papa Francesco, “i conflitti non inaspriscono, le distanze non dividono e si spegne la tentazione di prevaricare e di ferire la dignità di qualche sorella o fratello”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/02/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Suor Marin racconta Papa Luciani

La religiosa delle Suore di Maria Bambina per prima trovò il corpo senza vita del Papa. In Sala Stampa vaticana ha riportato la sua testimonianza

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco sul volo di ritorno dal Kazakhstan

Papa Francesco sul volo di ritorno dal Kazakhstan conversa con i giornalisti

Leggi tutto

Politica

UN DISCORSO DIFFICILMENTE CONTESTABILE

Il discorso di Putin analizzato da Mario Adinolfi

Leggi tutto

Chiesa

Il rientro di Papa Francesco a Roma

Papa Francesco è rientrato a Roma dal Regno del Bahrein, dove si è svolto il 39.mo viaggio internazionale del suo pontificato. Primo Pontefice a visitare il “Regno dei due mari”

Leggi tutto

Storie

Il Congo tra le alluvioni e l’arrivo del Papa

Il Vescovo Kimbeni mette in evidenza la collaborazione tra la Chiesa ed il governo in vista della visita papale. “Noi nella diocesi di Kisantu, - dice Kimbeni - ci stiamo muovendo in maniera proficua. Molti sacerdoti saranno presenti alle diverse cerimonie organizzate. Tra queste la messa del 1 febbraio a Ndolo, l’incontro di preghiera che si svolgerà nel pomeriggio del 2 febbraio nella cattedrale di Kinshasa.”

Leggi tutto

Chiesa

Il 30 settembre la veglia ecumenica

Dopo la preghiera dell’Angelus, il Papa ricorda la Settimana di Preghiera per l’unità dei cristiani, dal 18 al 25 gennaio, sul tema: “Imparate a fare il bene, cercate la giustizia” e lega il cammino ecumenico a quello “di conversione sinodale della Chiesa”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano