{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Pakistan - I cristiani pregano per le minoranze

Società

di Nathan Algren

Pakistan - I cristiani pregano per le minoranze

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Il brutale attacco ai Pastori anglicani, avvenuto a Peshawar il 30 gennaio, ha scosso l’intera comunità cristiana in Pakistan. Condanniamo fermamente la brutale uccisione del Rev. William Siraj . Tutti noi cristiani in Pakistan siamo uniti alla Chiesa Anglicana del Pakistan e ai familiari del defunto pastore William Siraj, e del Pastore Patrick Naeem, ferito in questo attacco”, dichiara monsignor Benny Mario Travas, Arcivescovo di Karachi.

Due uomini non identificati su una motocicletta hanno aperto il fuoco sui Pastori anglicani della Chiesa di Tutti i Santi di Peshawar, mentre lasciavano la Chiesa dopo la liturgia domenicale. Il Pastore William Siraj, viceparroco, è s morto sul colpo e il pastore Patrick Naeem è rimasto ferito da un proiettile, ed è ora fuori pericolo.

Esortando l’intera comunità cristiana in Pakistan ad essere unita nella preghiera per i defunti e per i presbiteri feriti, l’Arcivescovo Travas ha detto: “Faccio appello al governo del Pakistan affinché prenda provvedimenti immediati e seri contro questo incidente, arrestando gli aggressori e lavorando per la pace e la sicurezza di tutte le minoranze religiose che vivono in Pakistan”.

L’Arcivescovo Benny Travas, insieme a padre Asher Liaquat, direttore dell’ufficio della Commissione nazionale per la giustizia e la pace (NCJP) a Karachi, in una dichiarazione congiunta, hanno dichiarato: “Questo incidente ha provocato disordini tra i cristiani e ha turbato la pace e l’armonia religiosa in Pakistan. Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze ai membri della comunità, ai nostri fratelli cristiani e ai familiari in lutto”. P. Asher Liaquat aggiunge: “Chiediamo che tutte le persone coinvolte in questo brutale attacco siano arrestate e processate affinché la giustizia possa prevalere”.
Centinaia di persone provenienti da varie città del Pakistan hanno partecipato al funerale del defunto pastore William Siraj tenutosi il 31 gennaio presso la Chiesa di Tutti i Santi. Gruppi ecclesiali e organizzazioni sociali in Pakistan e all’estero hanno condannato il violento attacco ai leader religiosi cristiani e hanno espresso solidarietà alla comunità cristiana di Peshawar. La Ong “Voice of Justice” ha organizzato una manifestazione pacifica e una veglia di preghiera a Karachi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/02/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Putin inasprisce le pene contro i pedofili

Il portavoce del parlamento russo: «Faremo di tutto perché a gennaio venga adottata la legge sull’ergastolo per i pedofili»

Leggi tutto

Storie

2022, già 127 episodi di violenza contro i cristiani in India

Secondo il rapporto a gennaio 2022 si sono verificati 40 incidenti, 35 incidenti a febbraio, 34 a marzo, altri ad aprile, e si tratta solo di quelli denunciati. Sono 89 i Pastori o parroci malmenati e minacciati di ritorsioni se continuano a condurre preghiere e liturgie. Ben 68 chiese sono state attaccate , 367 donne e 366 bambini hanno riportato ferite. Su 127 incidenti, 82 sono stati violenze di massa, compiute da una folla di militanti.

Leggi tutto

Storie

Iran: la stretta di Teheran sulle religioni

Nel fine settimana arrestati numerosi fedeli Bahai per “legami” con un “centro in Israele” e “proselitismo” in scuole e asili.

Leggi tutto

Storie

Madre promette in sposa la figlia di 12 anni

È stata promessa sposa a soli 12 anni dalla madre, ma il padre ha scoperto tutto e ha denunciato l’ex moglie. Il tutto è accaduto in Italia, a Lecce. La bambina avrebbe dovuto sposare un pakistano di 22 anni residente in Germania. La procura dei minori di Lecce ha chiesto e ottenuto dal tribunale la sospensione della potestà genitoriale per la donna che aveva promesso in sposa la figlia 12enne.

Leggi tutto

Storie

Pakistan - Madre cristiana accusata di blasfemia

Shagufta Kiran è stata arrestata a luglio dell’anno scorso per aver presumibilmente fatto circolare contenuti blasfemi su Whatsapp. La prima udienza il 23 maggio.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Appello della Chiesa alla comunità internazionale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano