{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Papa Francesco: correggere è farsi prossimo

Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco: correggere è farsi prossimo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Mai si deve ridurre l’altro al suo errore», perché sbagliare «è un episodio, un segmento della vita, non la condizione unica e definitiva». Al contrario, «occorre aiutare ogni persona, con amore, ad andare oltre il proprio errore». Lo scrive Papa Francesco nell’introduzione a “Passiamo all’altra riva”, libro-intervista di don Benito Giorgetta con Luigi Bonaventura, ex mafioso ora collaboratore di giustizia.

Pubblicato direttamente dall’autore tramite la piattaforma Youcanprint, il volume di 194 pagine ha come sottotitolo «Switchare la vita? C’è un’altra riva da raggiungere in ciascuno di noi» e prende le mosse dall’intensa attività del sacerdote e giornalista molisano, parroco di San Timoteo a Termoli, volontario nel carcere di Larino, responsabile della casa famiglia Iktus che ospita detenuti in libertà vigilata, semilibertà o affidamento ai servizi sociali. Con postfazione di don Luigi Ciotti, fondatore dell’associazione “Libera” contro i soprusi delle mafie in tutta Italia, l’opera ha nel testo pontificio un “valore aggiunto” che ben sintetizza il «frequente e martellante magistero» bergogliano «intriso del messaggio della misericordia di Dio» nei confronti dei carcerati, come spiega don Benito.

Soprattutto il vescovo di Roma sottolinea l’importanza della «correzione fraterna» come «gesto d’amore per il fratello». Ciò non vuol dire — chiarisce — «sentirsi superiori o migliori, ma soccorrere e aiutare l’altro a superare le sue difficoltà, mettere la spalla sotto il suo problema perché lui in quel momento è debole, fragile e se non c’è la tua spalla, crolla». Del resto, aggiunge, «correggere significa “reggere con”: non rinfacciare agli altri i peccati, ma, facendosi prossimo, aiutarli a superarli, camminando insieme, per la guarigione o per il suo inizio». Infatti «l’altro guarirà perché ha sentito il tuo amore e gli è venuta nostalgia di amare». Di più: «se si lascia l’altro nel suo errore, senza correggerlo, si diventa corresponsabili, se non lo si aiuta questo equivale a un’omissione di soccorso»; come quella di chi assiste agli incidenti stradali e passa oltre senza fermarsi.

Talvolta — prosegue Francesco nella sua analisi — «si ha quasi paura d’essere contaminati» dall’empio. Invece «devo interessarmene, farmi carico di lui, fare quanto è possibile per salvarlo». Come? Il Papa elenca una serie di risposte pratiche, concrete, com’è nel suo stile pastorale. «Anzitutto — afferma — devo dargli ciò di cui necessita. Immediatamente. Amarlo con sincerità e poi soffrire per i peccati che compie». E poi «pregare per lui», perché «la preghiera mi fa essere la mano di Dio su di lui, il segno della sua premura paterna attraverso la mia presenza. Lo Spirito Santo farà il resto».

Insomma, suggerisce il Pontefice, «si deve fare un primo passo», mentre «è indegno quando una persona guarda l’altro dall’alto in basso con un atteggiamento di superiorità». E «questo trova un esempio concreto nell’esperienza» dell’intervistato, divenuto «con la sua scelta coraggiosa e rischiosa un seme di speranza gettato nei solchi della società presa esclusivamente dai suoi affari e dai suoi mille impegni, distratta rispetto a ciò che realmente conta. Ma è un seme gettato anche nelle terre maggiormente colpite dalla piaga della mafia. Come ogni seme, ricevendo la pioggia, viene fecondato e germoglia, così la testimonianza di un uomo di mafia, può attecchire nelle coscienze e nelle sensibilità di chi desidera una società dove c’è spazio per i diritti della persona, della legalità e della dignità riconosciuta per tutti, soprattutto i più deboli, fragili, scartati ed emarginati».

Al contempo, «le risposte-testimonianza di Bonaventura sono una ricca esposizione della vita tormentata di una persona che, indottrinata e imbevuta di mafia, ha agito malavitosamente, ma sono anche uno spiraglio di luce e vita nuova perché, abbandonata la logica del sopruso, Luigi si è aperto a una visione nuova».

Papa Francesco conclude asserendo che «si può», anzi «si deve cambiare, non rimanendo seppelliti dal male compiuto; si può sempre passare all’altra riva anche se la navigazione è faticosa e piena di pericoli. L’importante è non sentirsi soli ma accompagnati. Proprio come disse Gesù» davanti «al mare quando invitò i discepoli dicendo: “Passiamo all’altra riva”. Lui con loro. Non soli!».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/02/2022
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Tre giorni di Fede e sport in Vaticano

Si è aperta ieri la conferenza globale su fede e sport che vedrà, in Vaticano, per tre giorni (dal 5 al 7 Ottobre) riunirsi atleti e rappresentati di fede per parlare e testimoniare i principi su cui dovrebbe basarsi lo sport e su cui, in un modo profondo, può innestarsi l’esperienza di fede di ogni singolo sportivo, qualsiasi essa sia.

Leggi tutto

Chiesa

Benedetta Bianchi Porro verso la beatificazione

Ricevendo il cardinal Becciu, quindi, il Papa ha autorizzato per primo il Decreto sulle virtù eroiche e sulla conferma del culto da tempo immemorabile, ottenendo quindi la beatificazione equipollente, di Michał Gjedrojć, noto anche come Mykolas Giedraitis. Nato a Giedrojcie, oggi in Lituania, intorno al 1420, fu di salute gracile fin dall’infanzia. Dato che i genitori quasi lo trascuravano, passava il suo tempo in solitudine. Questo lo condusse a domandare di entrare tra i Canonici Regolari della Penitenza dei Beati Martiri, un ordine ormai estinto ma improntato alla Regola di sant’Agostino. Si trasferì quindi a Cracovia e studiò presso l’Università Jagellonica. La chiesa del monastero del suo ordine divenne quasi la sua seconda casa, tante erano le ore che vi trascorreva in preghiera con le braccia spalancate in forma di croce. Moltissimi venivano da lui a chiedere consigli e a raccomandargli le proprie intenzioni.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Politica

Presentato oggi a Ostia libro sulla teologia di Papa Francesco

Presentazione del libro di don Franco Nardin parroco di Nostra Signora di Bonaria alla presenza del Vescovo a. Dario Gervasi e il Prefetto don Roberto Visier. Modera il giornalista Rai Gianni Maritati

Leggi tutto

Chiesa

Papa: raccontiamo a Dio i problemi del nostro tempo

Papa Francesco all’Angelus domenicale, esorta i fedeli ad entrare in intimità con il Signore: “Davanti al presepe, parliamogli delle nostre vicende concrete. Invitiamolo nelle nostre oscure ‘stalle interiori’”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco a Malta il 2 e 3 aprile

Il viaggio, già programmato per il 31 maggio 2020, era stato rimandato a causa della pandemia. Il Pontefice farà tappa a La Valletta, Rabat, Floriana e all’isola di Gozo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano