Società

di Roberto Signori

Ucraina:  l’aiuto della Chiesa alla popolazione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Chiesa in Ucraina può contribuire a “dire no alla violenza e all’azione militare come soluzione dei problemi” e promuovere piuttosto il dialogo, la solidarietà e la cooperazione. Ad affermarlo Sviatoslav Shevchuk, arcivescovo maggiore della Chiesa greco-cattolica ucraina, intervenuto questa mattina in una videoconferenza organizzata dalla Fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre, per riflettere sulla situazione umanitaria e sul ruolo della Chiesa in questo momento di crisi.

La preoccupazione di Shevchuk è che si sia sull’orlo di un’escalation militare che peggiorerebbe ulteriormente le tensioni in corso nel Paese dell’Europa orientale dal 2014, quando le proteste portarono al ritiro del governo di Victor Yanukovich, sostenuto dalla Russia, all’occupazione della Crimea e all’instabilità nelle regioni del Donbass. Una minaccia, quella nata dalla presenza militare russa al confine ucraino e che rischia di coinvolgere l’Europa e la Nato, che per l’arcivescovo maggiore si declina in quattro dimensioni: quella militare, quella della disinformazione, l’escalation politica e l’economia. L’aumento dei prezzi del gas e del carburante sta mettendo sotto ulteriore pressione i cittadini, che spesso fanno fatica a sostenere dei costi così alti, mentre gli investitori si allontano per paura e molte persone rischiano di perdere il lavoro.

In questo contesto la Chiesa rimane un’istituzione affidabile per il 63% dei cittadini ucraini e lavora attivamente per sviluppare una cooperazione in rete delle comunità ecclesiali per meglio organizzare gli sforzi comuni. Di recente, ha ricordato Shevchuk, una riunione tra i vescovi ucraini ha individuato quattro punti di intervento: preghiera, solidarietà, predicazione della speranza e aiuto al consolidamento della società ucraina. Molte, poi, le parrocchie che sono diventate, anche per la pandemia da coronavirus, un punto di riferimento nell’assistenza ai bisognosi, con la distribuzione di cibo, vestiti e l’assistenza psicologica.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/02/2022
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Vescovo di Faenza: “Referendum su eutanasia è un allarme!

Il vescovo di Faenza, come riportato dai media, invita i cattolici a tenere presente che “si sta diffondendo sempre di più nel mondo dei cattolici impegnati in politica una cultura pseudo-cristiana.

Leggi tutto

Chiesa

ETIOPIA - La Chiesa “soffre e condivide ansie e dolori dell’umanità”

La lettera, pervenuta all’Agenzia Fides, è indirizzata a “tutto il clero cattolico, religiosi e religiose, credenti laici e persone di buona volontà” e giunge a al termine di un anno segnato dall’escalation militare che ha visto fronteggiarsi l’esercito regolare e i ribelli del TPLF (Fronte popolare di liberazione del Tigray) senza esclusione di colpi.

Leggi tutto

Chiesa

Spagna - Giornata dell’Infanzia Missionaria

Il Direttore nazionale POM ricorda che grazie ai fondi raccolti dall’Infanzia Missionaria - per lo più grazie alle donazioni dei bambini - si possono sostenere progetti di evangelizzazione, educazione e salute per i piccoli e le loro mamme, perché possano nascere e crescere con dignità, mangiare, studiare ... Dalla Spagna, l’Infanzia Missionaria ha inviato nel 2021 € 1.933.313,21, raggiungendo più di 300.000 bambini in 34 paesi. “Per molti bambini, l’unico posto dove trovano casa è la Chiesa”

Leggi tutto

Storie

Beirut, al via la causa di beatificazione del martire padre Nicolas Kluiters

Nato a Delft (Olanda) nel 1940, Kluiters era entrato nel 1966 nei gesuiti dopo studi di Belle arti. Tuttavia, egli ha preferito rinunciare ai suoi pennelli come san Pietro aveva rinunciato alle sue reti da pesca. Nei 10 anni successivi, dopo aver completato gli studi di teologia, egli è stato ordinato sacerdote. Ha quindi soggiornato in Libano, imparato l’arabo e ottenuto un diploma di assistente sociale dalla Usj. Poi nel 1976, in accordo con i suoi superiori, in particolare con il superiore generale dei gesuiti p. Peter-Hans Kolvenbach egli sbarca nel Paese dei cedri per iniziare la propria missione.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ricorda padre Richard

All’udienza generale Francesco ha ricordato il sacerdote congolese dell’Ordine dei Chierici Regolari Minori, “vittima di una violenza ingiustificabile e deprecabile”, ucciso lo scorso 2 febbraio nel Nord Kivu

Leggi tutto

Politica

Fabio Sebastianelli (PDF Marche): governo in stato confusionale

Fabio Sebastianelli responsabile PDF nelle Marche interviene sulle scelte del governo sulla crisi Ucraina

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano