Chiesa

di Giampaolo Centofanti

La parabola obbligata della ragione astratta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dicono che dal sinodo della chiesa tedesca sia uscita tra l’altro la richiesta di ordinare le donne. Non ho potuto verificare ma nel testo seguente descrivo come scaturiscono certi percorsi “automatici”.

Il razionalismo astrae, schematizza. La stessa pseudo scienza razionalista va scoprendo il proprio limite di non riuscire a stare dietro alla vita reale con le sue mille sfumature. L’impostazione razionalista orienta non a caso automaticamente verso l’omologazione, lo svuotamento, delle persone in realtà soggiogate dalla tecnica, che teleguida gli stessi potenti che credono di tenerne le redini. Tutto è formalizzato da codici pseudo scientifici che annullano un’autentica, partecipata, ricerca del vero.

La spiritualità, la vita pratica, vengono messe in un angolino dall’onnipervasività del razionalismo. Soggiogati dall’intellettualismo questi residui aspetti dell’umano si rinchiudono il primo in un mondo disincarnato, il secondo in una vita senza riferimenti. Pensando così di sfuggire ad una cultura che invece anche per essi resta l’unica possibile e alla quale si finisce per delegare tanta parte della vita.

Dove per esempio si parla di fede e ragione la tendenza di lungo periodo è il prevalere della ragione astratta con le sue omologazioni. Così come nell’omologazione si finisce dove ci si orienta verso una mera prassi cristiana e la ragione. Una svuotante omologazione dominata dalla tecnica e dunque dal potere e dal denaro che la detengono è la china consequenziale del razionalismo. Le mille sfumature della realtà, delle persone specifiche, spariscono. Tutto può venire automatizzato. L’umano può divenire un orpello. Cosa significano le parole di Maria a Fatima: “Alla fine il mio cuore immacolato trionferà”?

La cultura razionalista oggi è pervicacemente radicata anche nella Chiesa, nonostante Gesù non abbia mai parlato di fede e ragione. Può accadere che per una grande grazia nella Chiesa si sviluppi e si diffonda una tendenza a superare il razionalismo? Il cercare la libera, autentica, maturazione integrale delle persone. Riaprendo per tutti le porte alla vita, in un allora più autentico scambio reciproco. Maria madre di un’umanità non omologata e per questo tendenzialmente più umana e più vicina.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/02/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Cardinale Erdő: “Fondamentale il collegamento tra il diritto e la vita”

Alla presentazione del libro che raccoglie alcuni dei suoi studi giuridici, l’arcivescovo di Budapest sottolinea l’a concretezza del diritto.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e le celebrazioni natalizie

L’ufficio delle celebrazioni liturgiche vaticano ha reso note le celebrazioni del Papa nel periodo natalizio

Leggi tutto

Chiesa

Gli 80 anni del cardinale Ezzati

Arcivescovo emerito di Santiago del Cile, salesiano, è stato creato Cardinale da Papa Francesco nel 2014

Leggi tutto

Chiesa

Il salto di qualità o la speranza di Pirro?

Cercare le vie adeguate per un salto di qualità: il favorire l’autentica maturazione e dunque anche partecipazione delle persone.

Leggi tutto

Chiesa

Appello dei Vescovi: Il Perù necessita di stabilità

Il 6 giugno 2021 Pedro Castillo, leader di estrema sinistra, ha vinto il ballottaggio per la Presidenza della Repubblica superando di pochi voti la sua avversaria Keiko Fujimori, candidata della destra tradizionale, figlia dell’ex Presidente e dittatore del Perù. La spaccatura ha portato all’instabilità e all’ingovernabilità del paese, con accuse di incapacità al Presidente Castillo, che ha cambiato quattro volte i membri del suo gabinetto. In questo periodo i Vescovi hanno più volte sottolineato la necessità di superare la situazione di crisi che investe il paese in diversi campi, invitando a unirsi per il bene comune

Leggi tutto

Chiesa

Parolin: stop alla guerra

Il segretario di Stato dialogando con alcuni giornalisti italiani: “Allargare il conflitto sarebbe una catastrofe gigantesca”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano