Politica

di la redazione

PDF Firenze, ordine dei medici e il caso Gerardo Torre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Popolo della Famiglia di Firenze ha appreso che l’Ordine dei Medici di Salerno ha irrogato al dottor Gerardo Torre, medico di Pagani che ha curato con protocolli di cure precoci domiciliari, guarendoli, 3.700 pazienti Covid, la sanzione della “censura”.
il Referente del Popolo della Famiglia per Firenze, Pier Luigi Tossani, ha quindi indirizzato in proposito, per e-mail, una seconda lettera aperta (il cui testo integrale è allegato alla presente), dopo quella del 25 gennaio scorso, al Presidente dell’Ordine dei Medici di Salerno, Giovanni D’Angelo, nonché al Premier Mario Draghi, al Ministro della Salute, Roberto Speranza, e al Presidente aggiunto del Consiglio di Stato, Franco Frattini. Ne riportiamo di seguito le conclusioni:
“Signor Presidente, abbiamo preso nota del fatto che nella deliberazione dell’Ordine da Lei presieduto non si fa alcun cenno all’intenzione di voler accertare la validità, o meno, dei protocolli di cura precoce domiciliare adottati dal dottor Torre, né di quello governativo di “paracetamolo e vigile attesa”. Circa quest’ultimo, anzi, l’Ordine di Salerno esprime la sua incondizionata fiducia, scrivendo, a pagina 5 della sua decisione disciplinare, di “timori infondati sulla pratica vaccinale e sulla cura da patologia da Covid 19”, ignorando quindi completamente le gravi e documentate evidenze in senso contrario, che avevamo avuto cura di attenzionarvi.
Pertanto, come dal punto 3 del nostro interpello del 25 gennaio scorso, non ci resta altro che chiedere le Sue dimissioni immediate dalla Presidenza dell’Ordine, congiuntamente a quelle dell’intero Consiglio Direttivo.
Da quanto sopra, consegue che, per quanto concerne il Presidente aggiunto del Consiglio di Stato, dott. Franco Frattini, non avendo noi evidenze circa le decisioni della Camera di ieri l’altro 3 febbraio, abbiamo da chiedergli che egli:
a) si esprima in modo univoco circa fatto che, se il protocollo di “paracetamolo e vigile attesa” era effettivamente facoltativo, come da lui in precedenza affermato, ne consegue che a nessun medico possa essere impedito di praticare, in scienza e coscienza, i protocolli di cura precoce domiciliare;
b) si esprima in modo univoco circa il fatto che, come nel caso della studente di ostetricia presso la AOUP di Pisa, impedita ad accedere ai locali dell’Azienda a motivo di disposizioni interne circa il Green Pass più restrittive rispetto a quelle nazionali, sia lecito che tali disposizioni particolari e locali possano prevalere rispetto a quelle nazionali, o se ciò sia illecito.
Per quanto riguarda il Presidente del Consiglio Mario Draghi e il Ministro della Salute Roberto Speranza, ricordiamo nuovamente loro che sulla questione dell’efficacia e della pericolosità, o meno, del protocollo di cura governativo, comparato a quelli di cure precoci domiciliari, pendono ormai i due esposti penali presentati dal Comitato UCDL alle Procure della Repubblica di Bergamo e di Roma. Non vorremmo che a questi due esposti se ne dovesse aggiungere un terzo, circa i dubbi sulla veridicità della narrazione governativa circa i dati dell’occupazione delle terapie intensive, come ipotizzato dall’agenzia informativa “La Nuova Bussola Quotidiana”.
Porgiamo poi alla loro attenzione le parole del nostro Presidente Mario Adinolfi, il quale dichiarò nel seguente post facebook del 21 gennaio scorso:
“Poi gridano se fai il paragone con l’apartheid. Oggi il governo vara la lista dei negozi in cui i non greenpassati (quindi anche i vaccinati doppia dose con green pass scaduto, per capirci, altro che “no vax”) possono entrare con tanto di elenchi di beni che possono acquistare, solo i “primari”. E non potremo rinnovare il passaporto. Draghi e i partiti stanno esagerando. Pensano che il popolo subirà pure i controlli nei carrelli della spesa in stile Gestapo, ma forse stavolta stanno sbagliando i conti e tirando troppo la corda”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/02/2022
0112/2022
Sant'Ansano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Dieci obiezioni confutate sul Popolo della Famiglia

Gianfranco Amato ribatte alle obiezioni giunte da più parti sulla decisione del Popolo della Famiglia di competere alle prossime elezioni amministrative

Leggi tutto

Politica

Grideranno i ragazzi

Il quotidiano la Repubblica dona una pagina a Monica Corinna’ e lei ci prospetta il suo mondo futuro. Un mondo voluto da minoranze e creato a colpi di fiducia parlamentare. Fortunatamente esiste il Popolo della Famiglia e vi sono i referendum abrogativi!

Leggi tutto

Politica

Cosa fare per non perdere ancora

Siamo destinati a continuare a perdere se continueremo a ripetere lo stesso errore, cioè quello di affidare la rappresentanza politica dei cattolici che credono nei principi non negoziabili all’ambiguità di una coalizione che semplicemente non coltiva i nostri stessi valori e li baratta come fossero merce sull’altare della politica politicante. Nel 2013 i cattolici di questa fatta hanno in massima parte votato per Berlusconi, per Alfano e per la Lega. Ora o si prende atto che Berlusconi in Pascale, per sua stessa ammissione, crede che i valori omosessualisti siano “una battaglia per i diritti di tutti” e infatti manda Renata Polverini a sfilare ai Gay Pride; che la nuova versione degli alfanoidi alleati di Berlusconi, cioè Maurizio Lupi e l’ineffabile ex ministro della Famiglia Enrico Costa a cui si aggregheranno quelli di Idea e lo straordinario Capezzone più Stefano Parisi nella mitologica costruenda “quarta gamba” del centrodestra, nasce già con l’obiettivo di dare i voti necessari al permanere degli attuali equilibri di governo; che la Lega in Veneto con Zaia (sostenitore della legge sul “fine vita”) stanzia i fondi per la “rettifica del sesso” cioè per i trans, con Maroni annuncia il baratto tra legge sull’omofobia e legge sull’autonomia, con Salvini annuncia come “primo provvedimento in consiglio dei ministri” la legalizzazione della prostituzione, come richiesto da un grande sostenitore del leader del Carroccio, il trans turco Efe Bal; che quest’ultima proposta è sostenuta con grande forza da Fratelli d’Italia e da Giorgia Meloni, che si candida a completare un ventennio da parlamentare, ma nei precedenti quindici anni in cui è stata per cinque anni eletta voluta dal suo padre politico Gianfranco Fini, per cinque anni vicepresidente della Camera, per cinque anni addirittura ministro, non si ricorda una sola proposta che fosse una sul diritto alla vita o sulla famiglia; o si prende atto che fare nel 2018 le stesse scelte politiche del 2013 equivale ad esporsi agli stessi rischi, perché sostenere un centrodestra strutturalmente ambiguo sui principi significa far entrare in Parlamento centinaia di deputati e senatori disposti al compromesso sulle leggi di principio, o davvero non si capisce nulla di politica. E sorge allora il sospetto che a qualcuno piacciano i vecchi equilibri in cui si perde sempre, pur di salvaguardare alcune stantie rendite di posizione.

Leggi tutto

Politica

PERCHE’ IL PDF RIPARTE DA CAMALDOLI

Tre quarti di secolo fa, in un tempo davvero davvero difficile e se leggete le date seriamente coraggioso, cioè dal 18 al 24 luglio 1943, un gruppo di intellettuali (laici e religiosi) cattolici si riunì, presso il monastero benedettino di Camaldoli, sotto la guida di mons. Adriano Bernareggi, assistente ecclesiastico dei laureati dell’Azione Cattolica, con l’intento di confrontarsi e riflettere sulla dottrina sociale della Chiesa e sui problemi della società, sui rapporti tra individuo e stato, tra bene comune e libertà individuale.

Leggi tutto

Società

La distrazione di fondo che ci porta all’eutanasia

Gli istituti demoscopici presano un servizio spesso utilissimo, ma non di rado influenzano scientemente i propri risultati (anche semplicemente col modo di formulare le domande). Sul fine-vita – ormai ci martellano da anni e anni per inculcarci l’idea che sia meglio per tutti liberarsi dei malati e dei disabili (fanno passare Eluana Englaro per “una ragazza in coma”…) – i responsi sono tutti accesi ma decisamente contraddittori: il 60% degli italiani si dice contrario al suicidio assistito, ma sono anche di più quelli che si dicono favorevoli a una legge che regolamenti l’eutanasia. Com’è possibile?

Leggi tutto

Politica

RAGIONARE SU UNA QUESTIONE DI METODO

Intervento del Direttore del nostro giornale in merito alla polemica sorta a seguito della pubblicazione di un articolo che ha scatenato polemiche a non finire..

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano