Chiesa

di Giuseppe Udinov

Haiti: il Paese sull’orlo dell’abisso

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La nostra cara Haiti sta attraversando una fase difficile della sua storia. Chi fermerà la sua discesa agli inferi? Il popolo haitiano non ce la fa davvero più. Le persone sono stanche, sfinite, esauste”. Le parole dei vescovi di Haiti sono cariche di sofferenza e allo stesso tempo sono una denuncia di quello che ogni giorno si vive sull’isola, ostaggio delle bande armate, della violenza che imperversa, di una condizione di emergenza ormai diventata perenne.

La nota che scrivono ad Aiuto alla Chiesa che soffre arriva nel giorno in cui il mandato del presidente Jovenel Moïse, assassinato nella notte tra il 6 e il 7 luglio 2021, sarebbe dovuto finire. Al suo posto, dopo l’assassinio, c’è Ariel Henry ma i presuli temono che proprio in questo giorno possano nascere nuove fiammate di volenza.

“Il momento che stiamo vivendo – scrivono - è estremamente serio e particolarmente decisivo in questa svolta irreversibile della nostra storia. È in gioco il nostro presente e il nostro futuro, e quindi la nostra stessa esistenza come popolo, come nazione, come Stato. Dobbiamo prendere decisioni coraggiose ed efficaci”. Negli ultimi mesi, il Paese ha visto aumentare i crimini legati alla droga e anche i rapimenti, lo scorso agosto si è verificato un terremoto di magnitudo 7,2 che è costato la vita ad oltre mille persone e ha fatto precipitare la popolazione in uno stato di maggiore povertà. Proprio Aiuto alla Chiesa che soffre ha risposto con aiuti come tende, cibo, acqua potabile, medicine e supporto per la riparazione urgente di case parrocchiali e per altri 600 edifici. Nel 2022 è stato assicurato un secondo pacchetto di aiuti per sostenere la ricostruzione.

In conclusione i vescovi lanciano un appello all’unità, ai politici perché arrivino ad un consenso ampio, perché facciano di tutto “per ristabilire l’ordine, la pace, la sicurezza e il rispetto della vita” e perché si esca dalla crisi. Non è tempo, aggiungono, “per la divisione, la disunione, il disaccordo, la discordia e le lotte fratricide per il potere, per la ricerca incontrollata e spudorata di interessi personali, egoistici e meschini”. L’invito è di “lavorare insieme per salvare e trasformare il nostro Paese, che si trova sull’orlo di un abisso”. L’appello è anche ai gruppi armati e alle bande che operano rapimenti “nella più completa impunità” seminando “violenza, paura, morte, lutto, desolazione e angoscia”, i vescovi chiedono che “depongano le armi, rinuncino alla violenza e ai rapimenti e smettano di spargere il sangue delle loro sorelle e dei loro fratelli”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/02/2022
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

L’Anno Santo della Misericordia

Siamo chiamati a dare consolazione a ogni uomo e ogni donna del nostro tempo. Mi pare un compito da far tremare le vene dei polsi, ma questo è l’invito del Papa

Leggi tutto

Chiesa

Pubblicate le Annotazioni di Kiko

Ha avuto un seguito ideale “Il Kerigma. Nelle baracche coi poveri”, col quale Francisco Argüello, meglio noto come Kiko, si mostrava avviato all’età dei
bilanci complessivi e delle memorie: Cantagalli ha da poco dato alle stampe “Annotazioni”. In questo volume, composto di 506 frammenti «da sorseggiare
con calma», si trova “il giornale dell’anima” del fondatore del Cammino Neocatecumenale. E di tanto in tanto, sullo sfondo, compaiono fatti noti e ignoti
dalla tua santità sopra il mio essere peccatore. – scrive nel 1998 – Il tuo amore appare sopra di me e mi distrugge, mi annienta , mi crocifigge. Signore, abbi pietà di me!»
(n.300). Spesso, come molti mistici, tra i quali mi viene in mente la stessa Madre Teresa di Calcutta, le parole di Kiko mostrano il tormento della “notte oscura”, del sentirsi come abbandonati ed infinitamente lontani dall’Amato, uno spasimo che si trasforma a volte in poesia «C’è un amore che fa dolere il cuore, c’è un dolore che è pieno d’amore…È l’assenza. (…) Siamo nel deserto abbracciati a Te, Signore e in Te a tutti fino all’infinito. Assenza di Dio» (n.353). Rincorre quest’uomo che molto, moltissimo ha realizzato, in un paradosso tutto cristiano, la “santa umiltà di Cristo”. Che non è finta modestia, un atteggiarsi ipocrita, ma è essenzialmente obbedienza alla Volontà di Dio, accettazione delle ingiustizie e delle calunnie perché «Tutto ciò in cui c’è Dio è umile» (n.5) e perché «Sali a Dio scendendo i gradini dell’umiltà» (n.9), fino a contemplare in essa la bellezza di Dio «Perché la bellezza è umile? Che mistero! Perché l’umiltà è bellissima? Ti ho visto Signore. Sì, Tu eri in quella donna abbandonata nel corridoio di un ospedale. Ti vidi nella strada buttato tra cartoni e spazzatura. Oh, santa umiltà di Cristo, chi ti potrà trovare! Ti trovai e mi toccasti il cuore, e non fui più lo stesso (…).» (n.473).
E veramente la vita di questo pittore di succe s s o , destinato alla gloria del mondo, ad una carriera da artista, è stata rivoluzionata in modo sorprendente dall’incontro con Cristo, trasformandosi in zelo per l’evangelizzazione e per l’annuncio dell’amore di Dio all’umanità sofferente «Benedetto sia il tuo nome, Signore. Benedette la tua tenerezza e misericordia. [Il Signore] viene ad incendiare la terra. Il mio spirito arde, brucia in Te, Dio mio. Geme il mio cuore vedendo ovunque il tuo nome vilipeso e l’uomo sfruttato, colpito, ingannato in una società che vuole crocefiggerti di nuovo. Superstizione, magia,
idolatria. Si assassina il pudore nei giovani. Aborto, omosessualità, sesso libero. Tutto ciò che è santo viene insultato e presentato

Leggi tutto

Politica

Le nuove parole d’ordine della Francia

Onestà, rettitudine e coraggio sembrano essere le nuove direttrici della Repubblica francese. Questo almeno stando al discorso di inizio legislatura tenuto dal presidente del consiglio Édouard Philippe: un Paese fondato sulla classicità romana, molto più che sul giacobinismo. Copertine che non cambiano la sostanza, a ben vedere: o la fondazione di una res publica si regge sullo scavo di un’etica condivisa oppure chi è più forte vince. E basta

Leggi tutto

Chiesa

Il profilo del politico che vuole il Vaticano

Due interventi ravvicinati, nei giorni immediatamente successivi al varo del “Biotestamento” danno un sensibile segnale dalla Chiesa

Leggi tutto

Società

Il popolarismo e la secolarizzazione

In un articolo sul La Nuova Bussola Quotidiana, Stefano Fontana arruola una celebre “profezia” del 1919 di Gramsci sul “suicidio” dei Popolari che avrebbero “modernizzato” le masse popolari aprendo così la strada all’ateismo e al comunismo. L’unica “modernizzazione” dei Popolari fu lottare contro il latifondo, riscoprendo così un retaggio biblico che era stato piuttosto trascurato.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Paolo Giulietti e la Fede ai tempi del Coronavirus

La tutela della salute, infatti, è senza dubbio un bene primario, per il quale è giusto fare delle rinunce. Mi domando però se una società possa considerare irrilevante o marginale ciò che alimenta il “capitale morale” della nazione (e i riti religiosi sono certamente un elemento importante da questo punto di vista). Il senso del dovere e del sacrificio non sono innati, ma sono il frutto di esperienze educative e spirituali alle quali debbono continuare ad alimentarsi, pena il dilagare di quegli atteggiamenti di irresponsabilità ed egoismo che hanno sicuramente aggravato la crisi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano