Chiesa

di Giuseppe Udinov

Haiti: il Paese sull’orlo dell’abisso

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La nostra cara Haiti sta attraversando una fase difficile della sua storia. Chi fermerà la sua discesa agli inferi? Il popolo haitiano non ce la fa davvero più. Le persone sono stanche, sfinite, esauste”. Le parole dei vescovi di Haiti sono cariche di sofferenza e allo stesso tempo sono una denuncia di quello che ogni giorno si vive sull’isola, ostaggio delle bande armate, della violenza che imperversa, di una condizione di emergenza ormai diventata perenne.

La nota che scrivono ad Aiuto alla Chiesa che soffre arriva nel giorno in cui il mandato del presidente Jovenel Moïse, assassinato nella notte tra il 6 e il 7 luglio 2021, sarebbe dovuto finire. Al suo posto, dopo l’assassinio, c’è Ariel Henry ma i presuli temono che proprio in questo giorno possano nascere nuove fiammate di volenza.

“Il momento che stiamo vivendo – scrivono - è estremamente serio e particolarmente decisivo in questa svolta irreversibile della nostra storia. È in gioco il nostro presente e il nostro futuro, e quindi la nostra stessa esistenza come popolo, come nazione, come Stato. Dobbiamo prendere decisioni coraggiose ed efficaci”. Negli ultimi mesi, il Paese ha visto aumentare i crimini legati alla droga e anche i rapimenti, lo scorso agosto si è verificato un terremoto di magnitudo 7,2 che è costato la vita ad oltre mille persone e ha fatto precipitare la popolazione in uno stato di maggiore povertà. Proprio Aiuto alla Chiesa che soffre ha risposto con aiuti come tende, cibo, acqua potabile, medicine e supporto per la riparazione urgente di case parrocchiali e per altri 600 edifici. Nel 2022 è stato assicurato un secondo pacchetto di aiuti per sostenere la ricostruzione.

In conclusione i vescovi lanciano un appello all’unità, ai politici perché arrivino ad un consenso ampio, perché facciano di tutto “per ristabilire l’ordine, la pace, la sicurezza e il rispetto della vita” e perché si esca dalla crisi. Non è tempo, aggiungono, “per la divisione, la disunione, il disaccordo, la discordia e le lotte fratricide per il potere, per la ricerca incontrollata e spudorata di interessi personali, egoistici e meschini”. L’invito è di “lavorare insieme per salvare e trasformare il nostro Paese, che si trova sull’orlo di un abisso”. L’appello è anche ai gruppi armati e alle bande che operano rapimenti “nella più completa impunità” seminando “violenza, paura, morte, lutto, desolazione e angoscia”, i vescovi chiedono che “depongano le armi, rinuncino alla violenza e ai rapimenti e smettano di spargere il sangue delle loro sorelle e dei loro fratelli”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/02/2022
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa ed Angelus: l’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

All’Angelus nella Solennità mariana dell’8 dicembre, Francesco evidenzia che Dio opera nella quotidianità e nella semplicità della vita di ogni uomo, senza clamori, e che l’umiltà di Maria mostra una libertà interiore che la rende capace di volgersi totalmente al Padre e a chi ci sta accanto.

Leggi tutto

Chiesa

ARGENTINA - Si prepara la beatificazione dei Martiri del Zenta

La storia dei martiri risale all’anno 1683, quando nella valle del Zenta, a 3 chilometri da Pichanal, nella cappella di Santa María, si consumò il martirio del sacerdote Pedro Ortiz de Zárate, argentino, vicario di Jujuy, del sacerdote gesuita italiano Antonio Solinas, entrambi missionari, e dei loro compagni creoli e aborigeni (due spagnoli, un mulatto, un nero, una donna indigena, due ragazze e 16 aborigeni).

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il bello dell’ascoltare

Messaggio di Francesco per la 56.ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali: “Tanta sfiducia verso l’informazione ufficiale ha causato anche una ‘infodemia’, dentro la quale si fatica a rendere credibile e trasparente il mondo dell’informazione”.

Leggi tutto

Politica

Simone Renna nuovo sottosegretario al clero

Simone Renna è nato a Lecce il 10 luglio 1974; è stato ordinato sacerdote per l’Arcidiocesi Metropolitana di Lecce il 29 giugno 2004.. Molto amato dai giovani, sportivo, ha lasciato un grande ricordo nella parrocchia di Santa Maria della Pace.

Leggi tutto

Storie

Malawi - I vescovi contro la corruzione dilagante

“Basta con la corruzione e i litigi politici che bloccano la Nazione”. È questo il senso della Lettera pastorale della Conferenza episcopale del Malawi che è stata letta il 6 marzo, prima domenica di Quaresima, nelle chiese del Paese.

Leggi tutto

Storie

Mymensingh, padre Rabanal è tornato alla casa del Padre

Padre Rabanal missionario filippino della Santa Croce era arrivato nell’allora Pakistan Orientale come agronomo per poi scoprire la sua vocazione al sacerdozio

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano