Chiesa

di Nathan Algren

Appello dei Vescovi: Il Perù necessita di stabilità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Di fronte alla crisi politica che il Perù sta attraversando da tempo, cui si aggiungono la terza ondata della pandemia di Covid 19, la crisi etica, morale ed ecologica, i Vescovi del paese chiedono con urgenza di “lavorare tutti insieme per la trasformazione della società peruviana, indirizzando i nostri sforzi e le nostre volontà per la ripresa della politica, dell’economia, dell’attività lavorativa di tutti i protagonisti sociali”.

Il 6 giugno 2021 Pedro Castillo, leader di estrema sinistra, ha vinto il ballottaggio per la Presidenza della Repubblica superando di pochi voti la sua avversaria Keiko Fujimori, candidata della destra tradizionale, figlia dell’ex Presidente e dittatore del Perù. La spaccatura ha portato all’instabilità e all’ingovernabilità del paese, con accuse di incapacità al Presidente Castillo, che ha cambiato quattro volte i membri del suo gabinetto. In questo periodo i Vescovi hanno più volte sottolineato la necessità di superare la situazione di crisi che investe il paese in diversi campi, invitando a unirsi per il bene comune.

Nel comunicato dal titolo “Urge la stabilità politica del Perù”, la Conferenza Episcopale Peruviana chiede alle autorità al più alto livello di “prendere sul serio i loro impegni e responsabilità nella ricerca della stabilità politica, democratica e del bene comune e non di interessi particolari o ideologici”. E’ necessario “correggere gli errori ed evitare una maggiore incertezza nella cittadinanza”, in quanto “il popolo peruviano ha bisogno che le sue autorità siano persone inattaccabili e adeguatamente preparate per gli incarichi che devono assumere”.

I Vescovi sottolineano: “Abbiamo bisogno con urgenza di una buona politica e della partecipazione dei cittadini alla vigilanza etica delle loro autorità… i cittadini esigono il rispetto dell’istituzionalità e della legittimità politica per essere governati”. Quindi lanciano “un forte appello alle autorità governative di mostrare chiari segnali di governabilità”

Citando Papa Francesco nell’Esortazione Fratelli tutti, e la Dottrina Sociale della Chiesa sulla natura e il fine della politica, i Vescovi concludono sottolineando che “è essenziale che l’ordine democratico sia rafforzato e che l’ordine costituzionale del Perù sia rispettato”, invitando tutti i cittadini a “pregare per il Perù”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/02/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il 10 febbraio iniziano i 15 Giovedì di Santa Rita

Per la prima volta, il percorso spirituale si traduce in 15 tappe anche sui social, per leggere il presente alla luce dei valori che ci ha donato Santa Rita

Leggi tutto

Chiesa

Parolin: stop alla guerra

Il segretario di Stato dialogando con alcuni giornalisti italiani: “Allargare il conflitto sarebbe una catastrofe gigantesca”

Leggi tutto

Chiesa

Nigeria: proteste per il rapimento dei sacerdoti

Il capitolo nello Stato di Kaduna dell’Associazione cristiana della Nigeria è triste e in lutto per i continui episodi di assassini, rapimenti, banditismo, commessi nel nostro Stato senza che vi sia alcuna azione sostanziale da parte del governo e delle forze di sicurezza” denuncia il presidente della CAN di Kaduna,

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Il Risorto per uscire dalle tombe delle nostre paure

Papa Francesco al Regina Coeli nel Lunedì dell’Angelo esorta ad abbandonare i sepolcri delle falsità:

Leggi tutto

Chiesa

Un punto chiave nella Chiesa

Cosa ostacola una più profonda, partecipata e autentica ricerca del vero e le conseguenze di ciò.

Leggi tutto

Chiesa

Covid, le nuove indicazioni della CEI

Nuovi consigli della CEI in vista dell’allentamento delle misure anti-Covid da parte del Governo Italiano.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano