Chiesa

di Nathan Algren

Comece: no al diritto all’aborto nella Carta UE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Profonda preoccupazione e opposizione”: sono le parole che la presidenza della Comece, Commissione delle Conferenze episcopali della Comunità europea, esprime a fronte del discorso del presidente Emmanuel Macron al Parlamento europeo il 19 gennaio scorso che proponeva di aggiornare la Carta europea dei diritti fondamentali per includere il riconoscimento di un diritto all’aborto. I firmatari della dichiarazione sono il cardinale Jean-Claude Hollerich SJ, presidente della Comece, unitamente ai vescovi vice presidenti Mariano Crociata, Noel Treanor, Jan Vokál, Franz-Josef Overbeck.

La premessa dei vescovi fa notare che, fin dal suo inizio, il processo di integrazione europea è sempre stato sostenuto e accompagnato da vicino dalla Chiesa. “Siamo d’accordo con il presidente Macron sull’importanza di difendere e promuovere i valori dell’Unione europea. Ma vorremmo sottolineare che uno dei valori principali è il rispetto della dignità di ogni persona umana in ogni fase della sua vita - precisano i presuli - specialmente in situazioni di totale vulnerabilità, come nel caso di un bambino non ancora nato”. Il pensiero va poi ai padri fondatori dell’Unione Europea, i quali “basandosi sull’autentica tradizione umanistica che fa dell’Europa ciò che è, erano molto consapevoli dell’importanza fondamentale della dignità inalienabile della persona umana e della comunità come terreno comune della nostra Unione”.

I vescovi europei si dicono “consapevoli della tragedia e della complessità delle situazioni in cui si trovano le madri nel prendere in considerazione un aborto” e ribadiscono il fatto che prendersi cura di costoro - che vivono in una condizione difficile o conflittuale a causa della loro gravidanza - deve essere anche un dovere esercitato dalle nostre società”, così come è una parte centrale del ministero diaconale della Chiesa. Il pensiero va sia alle donne che ai nascituri: “le donne in difficoltà non dovrebbero essere lasciate sole, né il diritto alla vita del del bambino non ancora nato può essere ignorato. Entrambe devono ricevere tutto l’aiuto e l’assistenza necessari”.

Nella parte finale della nota si specifica che: “Da un punto di vista giuridico non esiste un diritto riconosciuto all’aborto nella legge europea o internazionale”. Quindi, secondo i vescovi, “il tentativo di cambiare questa situazione introducendo un presunto diritto all’aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, non solo va contro le credenze e i valori fondamentali europei, ma sarebbe una legge ingiusta, priva di un fondamento etico e destinata ad essere una causa di conflitto perpetuo tra i cittadini dell’UE”. L’auspicio è che l’integrazione europea dovrebbe sempre favorire e promuovere il rispetto delle diverse identità ed evitare imposizioni ideologiche. “In questo senso, la proposta del presidente Macron di inserire questo presunto diritto non può in alcun modo essere vista come “dare nuova vita ai nostri diritti fondamentali”, conclude la nota della Comece.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/02/2022
1708/2022
San Giacinto confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Chiesa

Perdono, genocidio e misericordia

San Giovanni Paolo II, più volte, aveva parlato prima delle tensioni nel paese e, fin dall’Aprile del 1994, non mancò di appellarsi al ritorno della pace: «Le tragiche notizie che giungono dal Ruanda suscitano nell’animo di tutti noi una grande sofferenza. Un nuovo indicibile dramma: l’assassinio dei capi di Stato di Ruanda e Burundi e del seguito; il capo del Governo ruandese e la sua famiglia trucidati; sacerdoti, religiosi e religiose uccisi. Ovunque odio, vendette, sangue fraterno versato. In nome di Cristo, vi supplico, deponete le armi, non rendete vano il prezzo della Redenzione, aprite il cuore all’imperativo di pace del Risorto! Rivolgo il mio appello a tutti i responsabili, anche della comunità internazionale, perché non desistano dal cercare ogni via che possa porre argine a tanta distruzione e morte» (Regina Coeli 10 Aprile 1994). Qualche settimana dopo, la voce del Papa si fa ancora più sofferente e vibrante: «Vi invito accoratamente, ad una preghiera sofferta e fervorosa per il Ruanda. La tragedia di quelle popolazioni sembra non voler arrestarsi: barbarie, vendette, uccisioni, sangue innocente versato, ovunque orrore e morte. Invito quanti detengono responsabilità ad una azione generosa ed efficace perché si arresti questo genocidio. È l’ora della fraternità! È l’ora della riconciliazione!» (Udienza Generale 27 aprile 1994).

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

Politica

La scelta di essere mamma

Gregory Pincus (pillola) era un uomo, Robert Edwards (PMA), Patrick Steptoe (PMA), Julius From (preservativo), tutti uomini. Quindi, tornando al convegno sulla fertilità, non trovo granché strano che siano uomini, i medici che sono stati invitati. E non mi si dica che di donne scienziate non ne esistono poiché obbligate al focolare, perché  Marie Curie e Irène Joliot-Curie, Rita Levi Montalcini, Rosalind Franklin, Dorothy Crawfoot Hodgkin, Francoise Barré-Sinoussi, sono tutte donne (alcune anche madri). Le donne, all’interno del mondo della fertilità, esistono, ma alcune si distinguono non certo per grande spirito femminile, o meglio, fanno parte di tutte quelle donne che credono di sostenere le donne attraverso la promozione dell’aborto volontario (che, per inciso, uccide anche le donne nel grembo materno, quindi
non è certo campanilismo femminista): parliamo di Faye Alyce Wattleton o Margaret Louise Higgins Sanger, ‘mamme’ di Plannet Parenthood, ente non proprio sano e a favore della salute pubblica. Per contro noi possediamo Flora Gualdani e Paola Bonzi (e tantissime altre volontarie e ostetriche che si muovono nel silenzio e nel nascondimento), che difendono la vita del bambino sapendo che la donna che riesce a non abortire, poi ringrazierà dell’essere divenuta madre.

Leggi tutto

Società

Lo scorrere della vita

Una riflessione su come gli eventi della nostra vita, anche quelli più dolorosi, siano buoni per noi. Ci lasciano cicatrici e segni, ma proprio attraverso di loro affrontiamo il presente e il futuro. Sono le mappe per farci arrivare a destinazione; sono il ricordo, indelebile, che in quei momenti bui non eravamo soli. Qualcuno ha disinfettato e suturato quegli squarci dell’Anima. Dal profondo di tenebra siamo usciti spinti, verso una nuova realtà di Luce, da una forza irresistibile.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “mai stancarsi di fare il bene”

Vaticano - All’udienza generale in Aula Paolo VI, Francesco conclude il ciclo di catechesi sulla Lettera ai Galati e soffermandosi sulla figura di san Paolo e sulla sua “parresia” invita i fedeli a non cedere alla “tentazione di tornare indietro, alle vecchie schiavitù”: “Nei momenti di difficoltà, svegliare Cristo. Lui guarda oltre le tempeste”. Ecco le sue parole.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano