Chiesa

di Nathan Algren

Ogni vita va custodita sempre

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Giornata Mondiale del Malato, istituita 30 anni fa da san Giovanni Paolo II, vuol essere un’occasione per “sensibilizzare il Popolo di Dio e le molteplici istituzioni sanitarie cattoliche e la stessa società civile, alla necessità di assicurare la migliore assistenza agli infermi”. Lo ricorda il messaggio che la Conferenza episcopale italiana ha diffuso oggi in vista della ricorrenza del prossimo 11 febbraio. Con questo obiettivo, l’Ufficio Nazionale per la pastorale della salute della Cei ha promosso diverse iniziative a diversi livelli. Il passo dell’evangelista Luca “Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso”, il tema di questa edizione.

Non è una coincidenza, si legge nel messaggio, il fatto che, per la Chiesa che è in Italia, la settimana che porterà alla celebrazione della Giornata del Malato si sia aperta con la 44ª Giornata Nazionale per la Vita sul tema “Custodire ogni vita”. Questa è infatti la prospettiva che arricchisce di significato “la risposta alla logica dello scarto”, perché, come ha ricordato Papa Francesco dopo la recita dell’Angelus di domenica 6 febbraio, “ogni vita va custodita, sempre!” Purtroppo, si osserva, oggi “la tentazione della cultura dello scarto si fa ancora più insidiosa e può creare il terreno favorevole all’introduzione di norme che scardinano i presidi giuridici a difesa della vita umana”. In questo contesto l’impegno della comunità cristiana diventa testimonianza concreta nelle numerose “locande del buon samaritano”, secondo la definizione di Francesco nel suo messaggio per questa Giornata, in cui i malati “possono essere accolti e curati”, in particolare coloro che rimangono ai margini dell’assistenza “per indigenza o per l’esclusione sociale o per le difficoltà di cura di alcune patologie”. Sono realtà preziose queste “locande”, si afferma nel messaggio, che vanno promosse sempre di più “perché parlano di quell’amore misericordioso che nella storia ha generato opere di Vangelo”.

Ad impegnarsi per assicurare a tutti le cure necessarie, sono chiamate in causa l’intera società, la cultura e la politica, sottolinea nel testo il presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, tanto più che ancora oggi molte persone faticano a trovare le risposte di cui hanno bisogno e la pandemia ha accresciuto le difficoltà. Bassetti richiama quindi l’attenzione su quanti stanno vivendo lo stadio terminale di una grave patologia. “Siamo grati ai Centri di cure palliative presenti sul territorio – afferma - che svolgono un prezioso servizio nel prendersi cura dei malati più gravi fino al termine naturale della loro esistenza. Il numero di tali strutture è ancora insufficiente rispetto al bisogno; pertanto, auspico che ci sia la necessaria attenzione a quanti vivono situazioni di estrema fragilità oltre che un adeguato sostegno alle realtà che li accompagnano con dedizione”. Il messaggio si conclude citando a tal proposito le parole del Papa: “Anche quando non è possibile guarire, sempre è possibile curare, sempre è possibile consolare, sempre è possibile far sentire una vicinanza che mostra interesse alla persona prima che alla sua patologia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/02/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Appello ai vescovi italiani

Il nostro quotidiano rivolge un appello al cardinale Bagnasco e alla Cei per una mobilitazione evidente dei cattolici per impedire l’approvazione di norme che devasterebbero la famiglia

Leggi tutto

Chiesa

Il prefetto della Congregazione per le Chiese orientali in Siria

Proseguirà fino al 3 novembre la visita del prefetto della Congregazione per le Chiese orientali alle comunità cattoliche provate dalla guerra. Il cardinale sarà a Damasco e poi farà tappa in diverse località per incontrare religiosi, esponenti di organizzazioni non governative e diplomatici accreditati presso la Santa Sede

Leggi tutto

Chiesa

Vescovi italiani: le morti sul lavoro sono inaccettabili

In un messaggio per la prossima festa dei lavoratori, la Cei parla del dramma delle morti bianche e dell’importanza di promuovere una cultura della cura

Leggi tutto

Società

Il primo diritto è quello a NON emigrare

La Commissione Episcopale per le Migrazioni (organo della Cei) ha emanato un documento che prende posizione sui migranti.

Leggi tutto

Chiesa

Apertura 75ª Assemblea Generale Straordinaria della CEI

Il Papa è arrivato all’Ergife poco prima delle 16 e nel dare inizio alla conversazione privata con i vescovi CEI ha fatto avere loro un biglietto con l’immagine del Buon Pastore e il testo delle “Beatitudini del Vescovo”, fa sapere la Sala Stampa della Santa Sede.

Leggi tutto

Chiesa

Il cardinale Zuppi sul Papa a L’Aquila

Il Cardinale Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna e Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, ha realizzato un videomessaggio da inviare all’Arcidiocesi dell’Aquila, in vista della Visita pastorale di Papa Francesco, il prossimo 28 agosto

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano