Società

di Nathan Algren

Niger: allarme cibo per la popolazione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Rimarremo finché avremo da mangiare”. “Dicevano appunto così, i due contadini della zona di Bomoanga alla frontiera col Burkina Faso” riferisce p. Mauro Armanino, missionario SMA (Società per le Missioni Africane) che opera a Niamey, in Niger.

“Ancora prima del rapimento di Padre Pierluigi Maccalli, la regione era stata in parte occupata da gruppi jihadisti in prevalenza di etnia Peul (Fulani)” spiega p. Armanino nella nota che riportiamo di seguito.

‘Finché avremo cibo”, affermano gli abitanti, perché dall’anno scorso tutti i mercati della regione sono stati interrotti dagli insorti che hanno imposto la non-mobilità a contadini e commercianti. In più, in alcune aree sono stati seminati ordigni esplosivi improvvisati che contribuiscono a limitare le uscite dai villaggi. Il centro da cui provengono, Ngoula, composto originariamente da 45 villaggi si ritrova con appena 21 insediamenti abitati. Gli abitanti di 24 villaggi si sono rifugiati in centri meglio protetti dalle forze governative: Makalondi, Torodi e lo stesso Ngoula, che conta attualmente il doppio della sua popolazione.
Tutti, cristiani e non, sono obbligati a seguire la sharia di tipo salafista. Pantaloni neri accorciati e barba per gli uomini e velo integrale per le donne. Si chiede la “Zakat”, la tassa islamica in beni, poiché i soldi sono terminati da tempo. Ai cristiani è severamente vietato pregare nella cappella e esibire croci. Quanto alla coltivazione nei campi è resa impossibile per la difficoltà di spostamento a causa delle minacce. Il raccolto di miglio, cibo base per la popolazione della zona, è stato praticamente nullo poiché i nuovi ‘padroni’ arrivavano al momento della raccolta. I figli in età scolastica sono partiti in centri relativamente meglio protetti onde continuare la scuola che nei villaggi è stata chiusa da tempo.

‘Manchiamo persino di sale’, commentavano quasi sottovoce. Questa e altre mercanzie si trovavano grazie ai giorni di mercato, attualmente sospesi dai jihadisti. ‘Resistiamo nella paura perché non vogliamo abbandonare la nostra terra e quanto rimane delle nostre case” affermano. Per comunicare col cellulare si connettono alla rete al vicino Burkina Faso, che dista a circa 60 chilometri perché da loro i tralicci sono stati abbattuti. Pregano assieme come possono nella case e la loro preghiera arriva molto lontano. Sono arrivati in città per sollecitare aiuto di cibo a politici e religiosi. I militari potranno convogliare al villaggio le vettovaglie. ‘E’ l’ultima speranza che ci resta e rimarremo finché avremo da mangiare’ ripetono.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/02/2022
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

I vescovi di Polonia e Ucraina sulla crisi con la Russia

In un comunicato congiunto i presuli dei due Paesi esprimono preoccupazione per il fallimento dei negoziati tra Mosca e l’Occidente e per le truppe e le armi russe ammassate al confine.

Leggi tutto

Storie

200 milioni le persone colpite dalla fame

L’allarme è contenuto nel Rapporto annuale Fao-Programma alimentare Onu-Ue, insieme ad altri membri della Rete Globale contro le Crisi Alimentari. In particolare l’emergenza fame tocca 193 milioni di persone in 53 Paesi o territori

Leggi tutto

Chiesa

Appello ai vescovi italiani

Il nostro quotidiano rivolge un appello al cardinale Bagnasco e alla Cei per una mobilitazione evidente dei cattolici per impedire l’approvazione di norme che devasterebbero la famiglia

Leggi tutto

Politica

Covid: Omicron è in Italia

Luciana Lamorgese intervistata su Radio 24. “Mai come ora dobbiamo essere collaborativi è il momento della responsabilità“, ha aggiunto. “Noi faremo tutti i controlli necessari. Domani avrò un incontro con i prefetti, il capo polizia e delle forze dell’ordine per predisporre i piani che prefetti attueranno sui territori”. “Se vogliamo vivere un periodo natalizio in serenità – continua -, dobbiamo fare la nostra parte”. Nel frattempo lo stesso ministro dell’Interno permette centinaia di sbarchi di migranti.

Leggi tutto

Società

Guatemala - I Vescovi: “Ci ferisce la disuguaglianza”

La pandemia ha acuito i problemi del passato: nel campo sanitario, la malnutrizione infantile, il mancato sviluppo delle zone rurali, la disoccupazione, l’emigrazione e l’immigrazione… Secondo stime dell’Onu, la sanità, il lavoro, la casa e il benessere umano di base sono ad un livello molto basso per la maggioranza della popolazione, rileva il messaggio. Particolare attenzione dovrebbe poi essere prestata al settore dei bambini e dei giovani, che costituiscono la percentuale più alta della popolazione guatemalteca.

Leggi tutto

Società

KENYA - Obiettivo ridurre la povertà

Ridurre la povertà e costruire la resilienza della comunità attraverso il miglioramento della sicurezza alimentare e la risposta ai cambiamenti climatici nella contea di Baringo: è l’obiettivo di un progetto post Covid-19, avviato nel maggio 2021, dal Camillian Disaster Service International (Cadis)

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano