{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Netflix Italia celebra l’utero in affitto

Media

di Roberto Signori

Netflix Italia celebra l’utero in affitto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lo scorso 3 febbraio, sul primo canale della tv pubblica di Stato è andato in onda il trailer di un film targato Netflix, dal titolo “Il Filo Invisibile”. La pellicola, di Marco Puccioni e Luca De Bei, ha come protagonisti una coppia di uomini che hanno avuto un bambino grazie al ricorso all’utero in affitto e, come viene dichiaratamente espresso anche nello stesso trailer, il film fa passare un messaggio “positivo” nel far uso di questa abominevole pratica.

Una storia, dunque, che vorrebbe normalizzare una pratica moralmente, e in Italia legalmente, illecita. La nascita del protagonista – che è anche colui che racconta la storia – viene affrontata infatti come un “dettaglio” totalmente positivo, senza risvolti morali dubbi, mentre il resto del film si concentra sulla crisi di coppia dei “genitori” del ragazzo e sulla sua scoperta dell’amore.

Ma c’è un altro aspetto, ancor più grave e pericoloso: il fatto che la vicenda sia narrata proprio dal ragazzo, “figlio” dei due uomini, come se egli fosse un “dono” per i due uomini e non la vittima di una pratica barbara che sfrutta le donne e il loro corpo. Si mette dunque negli occhi e nella bocca di un ragazzino un vero e proprio spot pro utero in affitto e pro adozioni per le coppie formate da due persone dello stesso sesso. L’ennesimo attacco alla famiglia tradizionale e l’ennesima azione del genere attuate dalle tv che guardano componenti di tutte le età.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/02/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

UNAR, TUTTO QUELLO CHE LE IENE NON VI HANNO DETTO

Il Popolo della Famiglia aveva denunciato questa situazione a Roma quasi un anno fa, in occasione della sua campagna elettorale nella Capitale in cui chiedeva di “estirpare le colonie del male”, indicando proprio in circoli e dark room come quelle finanziate dallo Stato i luoghi dove si sviluppava una cultura del sesso promiscuo che mescolato al consumo sistematico di droghe aveva portato a tragedie come quelle dell’omicidio di Luca Varani. Proprio per questa attività di indagine e denuncia che il Popolo della Famiglia a Roma porta avanti fin dalla sua fondazione nel marzo 2016, siamo in grado di fornirvi i dettagli che Le Iene hanno deliberatamente occultato, non indicando ad esempio il nome dell’associazione finanziata, l’importo complessivo del bando, il legame a doppio filo tra il direttore dell’Unar Francesco Spano e questa associazione ed altre questioni che qui riveleremo.

Leggi tutto

Società

Che cosa un Borsellino avrebbe potuto dire dell’utero in affitto

Leggi tutto

Politica

Senza precedenti

In Italia nell’era dell’informazione “somministrata” questo esercizio giornalistico non si fa mai, ma il Financial Times ha pubblicato le cifre del giro d’affari garantito nel 2021-22 a Pfizer e Moderna grazie al vaccino: 135 miliardi di $

Leggi tutto

Società

L’arte di odiare degli inluencer.

In questi tempi virtuali siamo circondati da un sacco di influenzatori che cercano, con la prosopopea tipica dell’arruffa popolo, di erigersi a paladini di diritti inesistenti, facendo per giunta passare il popolo italiano come retrogrado, razzista, bigotto e medioevale. Sono in realtà dei lupi travestiti da agnelli che conducono gli sciagurati seguaci verso il burrone senza fine di un ideologia perversa che ignora i problemi reali della gente comune. Il guaio è che, facendo incetta di proseliti, aizzano feroci dobermann al loro seguito pronti a sbranare chi non si inginocchia ad adorare questi nuovi dei.

Leggi tutto

Media

“LA SPERANZA SOTTO ASSEDIO”

L’Intervista di Papa Francesco per la trasmissione Rai “A sua immagine” condotta da Lorena Bianchetti

Leggi tutto

Politica

Camera, slitta l’esame del testo sulla perseguibilità dell’utero in affitto

La discussione slitta “al prossimo calendario”, cioè almeno al prossimo mese

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano