Politica

di la redazione

NO AL “CONFINAMENTO” IMPOSTO DAL GOVERNO DRAGHI AI SARDI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«NO al “confinamento” imposto dal Governo Draghi» e alla prospettiva di una «potente e gravissima sperequazione ai danni dei Sardi e di coloro che vivono nelle isole minori». Questo il perché dell’incontro che si svolgerà giovedì 10 febbraio alle ore 11, in piazza Vittime Moby Prince, di fronte al Palazzo del Consiglio Regionale, dove saranno presenti liberi cittadini, partiti politici, sindacati e associazioni culturali a sostegno de tutte le persone che, per libera scelta, hanno deciso di non sottoporsi alla vaccinazione – peraltro non obbligatoria – e che dal 10 gennaio si ritrovano ancora impossibilitate a recarsi liberamente nella Penisola perché sprovviste del super green pass.

Cittadini italiani privati del «sacrosanto diritto, garantito dalla Costituzione e dallo Statuto Sardo di salire su un aereo o su una nave, private delle libertà di circolazione nel territorio nazionale, del diritto alla salute, al lavoro e allo studio», sottolineano in una nota stampa gli organizzatori della manifestazione Marcello Argiolas e Agostino Marcias di Italexit Per L’Italia – Sardegna; Samuele Mereu e Riccardo Ardu di Riconquistare L’Italia – Sardegna; Siro Passino di Ancora Italia – Sardegna; Alberto Cabiddu e Antonello Cogotti di PVU (Partito Valore Umano); Barbara Figus e Salvatore Becca di Popolo Della Famiglia – Sardegna; Ciro Silvestri di FISI – Sardegna; Pierpaolo Etzi di CLEMM Sardegna; Leandra Pinna del Direttivo OSA (Operatori Sicurezza Associati); Domenico Polignone di Libertà e Resistenza – Sassari; e le altre associazioni culturali e gruppi spontanei tra i quali, “Vox Italia Sardegna”, “S’Ispera” di Nuoro, “Liberamente” di Oristano e “Frades” di Cagliari.

Pertanto, tutte le associazioni chiedono ancora una volta un incontro urgente con i rappresentanti delle istituzioni della Regione Sardegna – il presidente Christian Solinas, il presidente del Consiglio Regionale Michele Pais e l’Assessore ai Trasporti Giorgio Todde – «in merito ai profili di dubbia costituzionalità del provvedimento assunto dal Governo nazionale circa la necessità del cosiddetto “super green pass” per l’uso di navi ed aerei, unici collegamenti con la Penisola. Un chiarimento che si impone di massima urgenza, anche alla luce dei principi di autonomia enunciati nello Statuto Sardo e di quanto previsto dalla stessa normativa comunitaria».

«Ci troviamo di fronte ad un provvedimento offensivo della nostra dignità, straccia la continuità territoriale e farà sicuramente sentire i suoi effetti sull’economia – dice Barbara Figus, Coordinatrice regionale del Popolo della Famiglia –. L’auspicio è quello che anche nella nostra Regione ci sia una deroga. I cittadini Sardi promotori di questa iniziativa si sono sentiti abbandonati dalle Istituzioni ed in particolare dal Presidente della Regione Solinas».

In vista della manifestazione di Cagliari, interviene anche il coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia Nicola Di Matteo: «È comprensibile la necessità di contrastare la diffusione del virus, ma abitare su un’isola non deve significare essere al confino, perciò ritengo che sia inaccettabile per un residente dover avere il super green pass per prendere il traghetto. Una vera ingiustizia».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/02/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Se le nozze le fissa il commercialista

Nel 2015 i matrimoni sono aumentati, ma i divorzi sono schizzati in su con un +57% rispetto al 2014, evidentemente a causa della novella legge sul divorzio breve. Gli ospiti, con la leggerezza che si addice ad uno studio televisivo come questo, hanno sparato in libertà diverse impressioni personali sul tema: si è detto che sposarsi giovani è un male, perché il matrimonio è un impegno serio, per cui l’aumento dell’età media per convolare a nozze è una cosa buona; bisogna sposarsi quando arriva il momento giusto, salvo poi che questo momento giusto non lo sa definire nessuno.

Leggi tutto

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

Società

Australia, l’attore-giocatore che forza la linea sul gay marriage

Si chiama Ian Roberts, ora fa l’attore ma in passato era stato un famoso rugbista australiano. Il suo outing personale risale al 1995, ma ora sta raccogliendo consenso attorno all’agenda LGBT.

Leggi tutto

Società

Partendo da un fumetto di Zerocalcare

Abbandonare l’inconsistenza. Ecco l’obiettivo che dovremmo porci, noi tutti, ogni giorno. E dopo averlo posto, sforzarci di vederlo proposto agli altri, in particolare ai giovani che altrimenti vivranno sempre in condizione sradicata, da canne esposte ad ogni vento.

Leggi tutto

Politica

La politica che lucra sulle dipendenze

Se il centrodestra ha Salvini che promuove la prostituzione, a sinistra Civati vanta i soldi che si farebbero con la droga. Sui nostri figli!

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano