Società

di Massimiliano Esposito

La bellezza degli opposti di Antimo Ceparano

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Confesso di aver trovato persone molto perbene e disposte all’ascolto e al contrario altre di dubbia cultura e facenti parte di quella mentalità staliniana e fascista comune alla rigidità di chi non ammette che il proprio pensiero disprezzando tutto ciò che lo contraddice.

All’interno di uno stesso gruppo facebook puoi trovare la democrazia e la dittatura, il buonsenso e la cattiveria più profonda: questo avviene anche quando cerchi di chiarificare ciò che di sbagliato (verificato attraverso l’esperienza) c’è in qualcosa del tipo ideologia o atteggiamento ideologico.
La bellezza degli opposti è necessaria proprio per gustare ciò che appartiene alla natura umana: se non ci fosse il buio non potremo apprezzare la luce, se non avessimo fame non potremo gustare il cibo, se non c’è la pioggia non gustiamo il bel tempo. E’ chiaro che parlo degli opposti in natura e non degli opposti creati dall’uomo per vincolare il proprio simili alla schiavitù della sottomissione.
L’uomo maschio ha un’umanità esistenziale opposta a quella dell’uomo donna ma insieme si completano generando nuovi opposti che ne ripetono il ciclo vitale. Il Pensiero si oppone a altri Pensieri ma l’insieme dei Pensieri produce la trasformazione di quello che circonda le cose e gli uomini (è chiaro che dalla dialettica del Pensiero dipende in negativo o in positivo la trasformazione sociale).
Il luogo dove tutto ciò è l’evidente evidenza è l’Arte, intendendo per Arte anche quella chimera che da bellissima musa si è trasformata in qualcosa di indefinito e indefinibile che è la politica, ovvero l’arte oratoria e creativa per eccellenza.
Viviamo in un nuovo medioevo, ancora più terribile del vecchio e caro medioevo perché questo è tecnologico e produce guerre e sofferenza in abbondanza, tanto che i mari si trasformano in cimiteri e i confini degli stati in lager degni del sadismo più esasperato.
In tutto questo il blaterare non ha barriere che tengano e il bar di facebook è aperto a tutte le ore.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/02/2022
2809/2022
S. Venceslao

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Tunnel degli orrori contro Cristo rappresentato alla Biennale

Fortunatamente ha chuso i battenti l’orrido allestimento della già nobile esposizione veneziana, che ospita l’inquietante “Imitazione di Cristo” di Roberto Cuoghi: oscillante tra il delirio onirico, il compiacimento nichilistico e la gratuita bestemmia, scimmiotta il Breviario di decomposizione di Cioran

Leggi tutto

Storie

L’arte in cammino

A Loreto ha preso il via la prima tappa di una mostra itinerante che si concluderà nel 2023 a Senigallia, dedicata al tema del pellegrinaggio: Dipinti, sculture, stendardi processionali, dal Medioevo al Seicento, costituiscono l’esposizione “Sulle orme di san Michele Arcangelo. Pellegrini e devoti nell’arte da Crivelli a Caravaggio”

Leggi tutto

Storie

I corto circuiti dell’intelligenza oggi. E domani?

Dove ci porteranno i cortocircuiti dell’intelligenza. Che essi esistano e siano sempre più evidenti e invadenti appare indubitabile.

Leggi tutto

Politica

USA - Fermate la dottoressa gender

Scandalo negli Stati Uniti - e come non potrebbe - l’iniziativa della dottoressa Sidhbh Gallagher la quale, tramite la nota piattaforma utilizzata soprattutto da adolescenti e giovanissimi TikTok, sta promuovendo i suoi stessi interventi chirurgici per il cambio di sesso.

Leggi tutto

Chiesa

Il vescovo contro i preti non vaccinati

“Proibisco la distribuzione dell’Eucaristia da parte di sacerdoti, diaconi, religiosi e laici non vaccinati”. Nel medesimo comunicato, reso pubblico sul sito della diocesi, Cirulli ha ricordato come le ostie sull’altare debbano “essere tenute rigorosamente coperte nei previsti vasi sacri”.

Leggi tutto

Società

Postano foto dei figli online: multati

10mila euro di multa per la madre, che nei tira e molla concomitanti alla separazione ha utilizzato le vie social per rivendicare psicologici primati nei confronti dell’ex coniuge. Il figlio sedicenne ha
provato a esternare le sue rimostranze e, inascoltato, s’è rivolto al tribunale che ha sanzionato la genitrice. Un caso-limite che però ha il merito di evidenziare un limite quotidiano del mondo social.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano