Politica

di Mario Adinolfi

Perché BASTA APARTHEID

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sugli autobus e sui treni italiani possono salire i cani e le scimmie, ma non milioni di cittadini con il green pass scaduto o privi di vaccinazione. È un provvedimento sconosciuto agli ordinamenti giuridici mondiali, ognuno dei quali ha dovuto affrontare la medesima emergenza pandemica. Impedire l’accesso al trasporto pubblico a una vasta categoria di persone individuate per precise caratteristiche ha tristi precedenti solo nelle politiche segregazioniste. In particolare tali restrizioni sono state in vigore dal 1948 al 1991 in Sudafrica, in una politica denominata “apartheid”: si riteneva pericoloso che determinate persone appartenenti a una categoria precisa potessero mescolarsi con altre persone di altre precise categorie. In nome di quel pericolo si provvedeva a tenerle separate. L’Italia del 2022, forse per ricordare “degnamente” il centenario dal 1922, ha riportato in auge la politica di separazione razziale causata da pericolo denominata “apartheid”. Sabato 5 marzo alle ore 15 il Popolo della Famiglia chiama in piazza tutti i cittadini che vogliono gridare al governo Draghi il loro: basta apartheid.

Nelle politiche adottate in Sudafrica fino al 1991 ad alcune categorie di persone ritenute pericolose era impedito l’accesso al lavoro. In Italia milioni di persone prive del super green pass non possono recarsi al lavoro, sono private dello stipendio, multate se hanno oltre i 50 anni e non si sono piegate al diktat dello Stato. In nessun altro Paese del mondo è stato tolto il salario ai lavoratori non greenpassati, questo provvedimento è stato riservato solo dal governo Draghi ai cittadini italiani e in pochissimi hanno alzato la voce. Fino al 5 marzo quando udranno la nostra voce.

Nelle politiche dell’apartheid era previsto che i figli di determinate categorie considerate pericolose non potessero mescolarsi con i figli dei dominatori, né a scuola né nelle attività sportive o ludiche. Nell’Italia del 2022 i bambini non vaccinati non possono andare a scuola con gli altri o frequentare la squadretta di calcio, di basket, di volley. In tutti gli Stati totalitari come sotto l’apartheid i cittadini non possono liberamente viaggiare all’estero. Nell’Italia del 2022 se non sei supergreenpassato non puoi andare in Questura a chiedere il rinnovo del passaporto. E se sei anziano non puoi andare in Posta a ritirare la pensione. Tutti provvedimenti che solo il governo italiano ha riservato ai suoi cittadini dicendo che è per l’emergenza pandemica, emergenza pandemica che riguarda tutto il mondo dove però si va in direzione totalmente opposta. Per questo sabato 5 marzo saremo in piazza per dire che adesso basta apartheid.

Anne Wintour, storico direttore di Vogue, si chiede “perché gli italiani non si ribellano”. Amnesty International, che deve la sua notorietà mondiale alla battaglia contro l’apartheid, chiede “che siano previste misure alternative – come l’uso di dispositivi di protezione e di test Covid-19 – per permettere anche alla popolazione non vaccinata di continuare a svolgere il proprio lavoro e di utilizzare i mezzi di trasporto, senza discriminazioni”. Discriminazioni attualmente platealmente in atto e che qualcuno al governo vorrebbe prorogare anche oltre la soglia del 31 marzo 2022.

Per dare una spallata a costoro, sabato 5 marzo 2022 ti aspettiamo in piazzale Ugo La Malfa dalle ore 15 con tutta la tua famiglia, bambini inclusi, per una manifestazione assolutamente pacifica che indicherà al governo Draghi una linea alternativa da seguire: basta apartheid, no a politiche antipopolari come prezzo per i soldi prestati da Bruxelles con il Pnrr, restituiamo dignità a un popolo mite vergognosamente ricattato in questi due anni e rimuoviamo ogni discriminatoria limitazione che solo agli italiani è stata riservata non si capisce perché. O forse si capisce fin troppo bene e quindi è davvero tempo di dire basta.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/02/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

«Credo che sabato abbiamo perso tutti. Provo a dirvi perché»

Le riflessioni critiche di un sacerdote cattolico sulla manifestazione del 20 giugno. L’assunto di partenza è che nella Chiesa esiste “l’enorme spazio dell’opinabile”, cioè quel luogo dove «non solo è possibile che io mi sbagli – diceva San Josemaría Escrivá – ma può anche succedere che io abbia ragione e gli altri pure»

Leggi tutto

Politica

I risultati del PDF: raggiunto il 3% NAZIONALE

Queste amministrative 2017 vanno comprese come un secondo tempo del percorso avviato con le amministrative 2016. I candidati sindaco del Popolo della Famiglia hanno ottenuto oltre centomila voti nei 35 comuni in cui ci siamo presentati. Sono 35 esperienze pilota che, disseminate in tutte le regioni, rappresenteranno la base anche tecnico-organizzativa per la presenza alle prossime elezioni politiche. E’ tra coloro che hanno messo la faccia (e hanno imparato tecnicamente a presentare le liste) che troveremo i 945 candidati che ci rappresenteranno nella corsa alla Camera e al Senato al più tardi nel marzo 2018. Abbiamo formato una squadra che sul piano organizzativo sa cosa deve tecnicamente fare e sul piano politico ha imparato e persino gustato l’esperienza dell’autonomia, della libertà dai vincoli avaloriali che troppo spesso scattano come riflessi condizionati nella caccia ai consensi dei grandi partiti tradizionali, che per piacere a tutti finiscono per non dire niente di quel che viene considerato come “divisivo”, cioè ogni riferimenti a seri principi valoriali.
I “quattro gatti” del Popolo della Famiglia sono diventati centomila gatti, è un fatto incontrovertibile: un movimento inizialmente irriso e osteggiato, arriva in una grande città come Verona sopra Fratelli d’Italia, ha gli stessi voti di Forza Italia, batte anche la lista tosiana di Fare e si propone come forza politica nazionale in grado di essere base aggregativa per le sfide che verranno.

Leggi tutto

Società

Chiesto l’ergastolo per Talluto

La richiesta di Elena Neri lascia stupefatti per la sua enormità, tanto più in un Paese che stenta a irrogarlo per l’omicidio volontario

Leggi tutto

Politica

Ragionare sulla disfatta a sinistra

Noi come Popolo della Famiglia lo abbiamo promesso e siamo stati conseguenti: la sinistra principale responsabile delle leggi contro il matrimonio, contro la vita, contro la famiglia stessa andava abbattuta democraticamente e così è stato. Abbiamo dato il nostro contributo a questo risultato con i 219.645 voti raccolti il 4 marzo sul simbolo del PdF e siamo stati parte attiva anche nelle vittorie ai ballottaggi di domenica 24 giugno, a Imperia e a Terni, a Massa e in qualche modo anche a Imola, dove il nostro candidato autonomo alla carica di sindaco lo abbiamo tolto al Pd, provocando l’avvio della frana che dopo tre quarti di secolo ha chiuso una storia che è stata, appunto, di pensiero unico.

Leggi tutto

Società

Miseria dell’identitarismo di destra e di sinistra

Anche in Chiesa si trovano quanti spezzano il legame vitale tra dovere e interesse. Ed implodono.

Leggi tutto

Politica

Pensioni: governo e sindacati rimandati a Dicembre

Il governo è “disponibile” ad aprire un confronto con i sindacati sulle pensioni, ma nella manovra non ci sono le risorse per affrontare una riforma strutturale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano