Società

di Antimo Ceparano

Gli avvoltoi della morte

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Marco Cappato esulta alla notizia che la Regione Marche ha dato il via libera alla somministrazione di un farmaco per porre la parola fine alla vita del quarantaquattrenne Mario, camionista, restato tetraplegico in seguito a un incidente.

Mi fa piacere l’impegno del Cappato che va oltre ogni logica umana: del resto la società mortifera ha i suoi sacerdoti che come avvoltoi si lanciano su aspiranti cadaveri.

Premesso che l’eutanasia non è legge di Stato e che qualcuno dovrebbe fermare questo obbrobrio, pena il legiferare ad personam e demandato a chiunque voglia ottenere qualcosa paventandolo di un vestito legale ( ad esempio un carcere che voglia giustiziare qualcuno mascherando il tutto dietro una sofferenza fisica). Dicevo premesso ciò è opportuno ricordare che la sofferenza è patrimonio di molti e che solo una sparuta minoranza ( in questo caso un’unità) giunge a richiedere il proprio suicidio, che non è altro che un omicidio verso se stesso (credo che uccidere un tetraplegico sia la stessa cosa che uccidere una persona qualsiasi o dobbiamo depenalizzare l’omicidio dei disabili?).

Se l’omicidio non è permesso allora non è permesso nemmeno il suicidio, generato spesso dalla solitudine e dalla mancanza di condivisione della propria condizione da parte del sofferente.

In verità sono molti i punti oscuri che si nascondono dietro questo dramma: le cliniche specializzate allo scopo, le associazioni sorte per la gestione di questa problematica , l’aspetto ideologico che preme da settori particolari.

La lunga scia ideale che proviene dalle storture ideologiche dei partiti dittatoriali del secolo scorso (nazismo, comunismo) ha di fatto sdoganato nelle coscienze e nei meandri della finta pietas e dell’umanesimo più deteriore, il concetto di abolizione della sofferenza con quello di abolizione del soggetto sofferente. Nei campi di sterminio nazista ci finivano anche i disabili! Per cui invece di farsi carico della problematica sorta intorno alla sofferenza preferiscono lorsignori sopprimere la causa della problematica stessa. Tutto ciò odora di morte e dell’indurre il concetto di morte.

Se facciamo una carrellata e un’indagine nel mondo della sofferenza (e auspico che il nostro giornale proceda in questo senso al più presto) possiamo notare l’abbandono delle Istituzioni verso un mondo già di per se doloroso e ridotto all’abbandonarsi alla sofferenza senza speranza alcuna: spesso il disabile non ha gli strumenti atti a difendere il proprio diritto alla salute e i propri familiari vivono un dimensione onirica che ricorda loro che gli incubi sono anch’essi dei sogni, solo che in questo caso non vi è il risveglio.

Abbiamo bisogno di rifondare l’Uomo dalle fondamenta e questo presuppone una battaglia lunga e tenace: noi ci siamo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/02/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Gli ossequi mediatici al “doppio cognome”

Gli ossequi mediatici al “doppio cognome”

Leggi tutto

Storie

Claudio Chieffo e la sua musica per la vita

Claudio Chieffo è una di quelle “dimenticanze” a cui ci abituati il secolarismo contemporaneo. Perché se sei cristiano – e scegli di professare la tua fede attraverso l’arte o la letteratura in modo diretto – non ti viene dato quel rilievo che meriteresti. Nemmeno se ti onora della tua amicizia uno come Guccini. Nemmeno se riesci a rendere pensoso uno come Gaber, che diceva: «Nelle canzoni di Claudio c’è un’onestà, una pulizia, un amore naìf che fa pensare. Siamo profondamente diversi, non solo per le sicurezze che lui ha e che io non ho, ma soprattutto perché nelle sue canzoni lui non fa mistero delle sue certezze». Stupirsi di questa “dimenticanza” del mondo laico vorrebbe dire non aver compreso nulla del Cristianesimo. Indignarsi meno ancora. Zittire le voci che inquietano è, da sempre, provare a zittire la Voce, l’unica, che rivela l’uomo a se stesso. Si suppone (ma la speranza è sempre in modalità on per chi professa Cristo) che non ci saranno tributi televisivi di un certa rilevanza nazionale per i 10 anni dalla sua morte, il 19 Agosto prossimo. Come se non avesse mai avuto un pubblico. Ma ci sarà una Messa, celebrata da mons. Luigi Negri. E si può essere certi che a lui, dov’è ora, questo “ricordo” piacerà anche più di un tributo.

Leggi tutto

Società

VEGETALI TERMINABILI, ADESSO NEL REGNO UNITO I MEDICI SARANNO ANCHE GIUDICI

Lady Black, della Corte Suprema dell’UK, ha decretato che non sarà più necessario rivolgersi alla Corte di Protezione per togliere cibo e acqua ai malati

Leggi tutto

Politica

Senza dignità

Si apre una triste stagione i cui esiti sono pericolosamente immaginabili. Perché in un tempo in cui l’aspettativa di vita cresce e con essa crescono i costi della sanità, dando al sistema la possibilità di scegliere se curare l’incurabile con spese ingenti o sopprimerlo a spese zero, non credo sia difficile capire verso quale orizzonte si orienterà la libera scelta. Solo allora avremo chiaro quale orrore sia stato reso possibile da tutta questa supposta nuova libertà.

Leggi tutto

Politica

LEGGE 194: ABROGARLA NON SERVE

Quanto descritto in questo articolo non sarà di facile applicazione ma è una strada da seguire insieme al Reddito di Matenità, al Quoziente Familiare e alle altre proposte del Popolo della Famiglia. Se portata avanti con la coerenza e la fermezza che caratterizzano il PDF darà, a suo tempo, buoni frutti.

Leggi tutto

Politica

Eutanasia come ddl Zan

Mario Adinolfi: Eutanasia? “Tutto rinviato a fine febbraio. Ecco un altro ddl Zan abbattuto senza fare neanche troppa fatica.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano