Storie

di Roberto Signori

In Uganda riaprono le scuole

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’UNICEF sta distribuendo 457 tende ad alte prestazioni per sostenere la riapertura delle scuole nei distretti colpiti dalle inondazioni in Uganda. È la prima volta che queste nuove tende innovative vengono utilizzate in un’emergenza.

La tenda di 72 metri quadri, che può essere facilmente trasportata e riutilizzata, include un sistema di ventilazione e reti sopraelevate per l’ombra per tenere la temperatura interna più fresca con climi caldi e secchi; kit elettrici e ad energia solare per luce ed energia e finestre a tre strati per aiutare a bloccare le zanzare portatrici di malattie. Le pareti dritte permettono di avere più spazio per il distanziamento sociale.
“Per quasi due anni, i bambini nel paese hanno sofferto le chiusure prolungate delle scuole a causa della pandemia, combinate a eventi climatici estremi che hanno distrutto le scuole nel paese. La loro istruzione e il benessere hanno ne hanno fortemente sofferto. L’UNICEF sta lavorando con il governo per aiutare ogni bambino a recuperare l’istruzione che ha perso,” ha dichiarato Munir Safieldin, rappresentante UNICEF in Uganda. “Le nuove tende forniranno ambienti sicuri per i bambini nelle aree colpite dai disastri, che consentiranno loro di continuare a studiare, giocare e socializzare”.
I bambini in Uganda hanno subito la chiusura delle scuole più duratura a livello globale, perdendo 83 settimane di scuola. Il governo prevedeva che un terzo degli studenti avrebbe abbandonato completamente la scuola. L’impatto devastante delle restrizioni del COVID-19 è stato aggravato da pesanti inondazioni in alcune parti del paese.
Alla fine di gennaio, l’UNICEF ha installato 7 tende ad alte prestazioni a Kasese, in Uganda occidentale, dove i danni dell’acqua causati da violente inondazioni hanno distrutto le scuole. Ulteriori tende normali sono state installate in altri distretti, fra cui: Ntoroko, Sheema e Buliisa. L’UNICEF sta fornendo anche 540 banchi e 30 lavagne alle scuole colpite dai danni delle inondazioni.
L’Uganda è stato uno dei 3 paesi a testare i prototipi, che sono stati utilizzati come centri sanitari per i rifugiati sud sudanesi nel nord-ovest del paese nell’insediamento per rifugiati di Bidi Bidi, a Yumbe. L’UNICEF ha lavorato fianco a fianco con i produttori per perfezionare e migliorare le caratteristiche del prodotto, in particolare quelle che mantengono le tende fresche nei climi caldi e secchi. Le tende sono state testate anche nelle Filippine per il clima umido e piovoso e in Afghanistan per il freddo estremo.
“È fantastico vedere queste tende nuove e innovative essere utilizzate per supportare i bambini. I muri dritti garantiscono più spazio nelle tende per banchi e distanziamento sociale, mentre la ventilazione migliorata terrà le classi più fresche così che i bambini si possano concentrare sulle lezioni”, ha affermato Kristoffer Gandrup-Marino, responsabile dei Prodotti Innovativi alla Supply Division dell’UNICEF.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/02/2022
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

I bambini sono grumi di cellule

.....questo discredito complessivo nei confronti di chi, con dolcezza e infinito tempo, porge orecchio e cuore a chi soffre o a chi si trova a dover scegliere che strada intraprendere, è assurdo e del tutto scorretto dal punto di vista dell’onestà intellettuale che ognuno di noi dovrebbe utilizzare quando si tratta di argomenti così delicati. E cosa significa, poi, affermare che coloro che soffrono sono state assistite male e sicuramente giudicate da chi possiede tabù socio-religiosi? Significa che tutte le donne che non soffrono hanno trovato chi ha detto loro che fanno bene a non soffrire, il che non è assistenza a un soggetto, ma è meramente un avvalorare un concetto aberrante: «Tu non sei capace di affrontare questo problema (la gravidanza), per cui ti aiutiamo noi che siamo molto più bravi», è un’accondiscendenza paternalistica, oserei dire patriarcale. Sì, uso questo termine chiave perché sono molte le donne femministe che oggi lo affermano chiaramente: aiutare la donna ad abortire, quand’ella lo farebbe solo per paura, è patriarcale. Assumersi l’onore di essere le salvatrici della donna, garantendo che solo grazie al loro intervento la donna risolverà tutti i problemi, è patriarcale. Regalare la pillola del giorno dopo a una minorenne di nascosto ai genitori, è patriarcale. Proprio ciò che la dottoressa XXX e le sue seguaci affermano di contrastare.

Leggi tutto

Società

Sul filo del rasoio

Una riflessione sui momenti di debolezza e sconforto che tutti noi abbiamo. Arriva il momento in cui vediamo tutto nero e veniamo sopraffatti dal dolore. Arriviamo a un punto in cui non abbiamo più margini di manovra per affrontare le difficoltà e le traversie che incontriamo nel nostro percorso. Lì accadde qualcosa che ribalta tutto, accettiamo la nostra debolezza; le difese si abbassano e possiamo far esplodere le nostre emozioni. Da lì, come liberati da un macigno che ci faceva affondare, possiamo ripartire con un nuovo Spirito. Siamo di nuovo pronti ad affrontare la vita e riprendere a vivere, consapevoli che corriamo sul filo del rasoio; però sappiamo che non siamo mai soli.

Leggi tutto

Storie

Unicef e mutilazioni genitali femminili

Almeno 200 milioni di ragazze e donne in vita oggi hanno subito mutilazioni genitali femminili; sta emergendo una tendenza allarmante: circa 1 ragazza e donna su 4 che hanno subito mutilazioni genitali femminili, ovvero 52 milioni in tutto il mondo, sono state sottoposte alla pratica per mano di personale sanitario.

Leggi tutto

Società

Vietnam: allarme suicidi nelle scuole

I gesti estremi di alcuni adolescenti che si sono tolti la vita al rientro in classe dopo il blocco forzato delle lezioni imposto dal Covid-19 interrogano gli educatori

Leggi tutto

Storie

Associazione medica trans e contenuti sadici e pedopornografici

Il documento afferma: “Le persone che s’identificano come eunuche possono condividere con altre persone di genere diverso il desiderio di riduzione o eliminazione delle caratteristiche fisiche maschili, dei genitali maschili o del funzionamento genitale”.

Leggi tutto

Storie

Atteggiamenti sotto le dittature

Fa riflettere nell’epoca dell’onnipervasivo pensiero unico rilevare le risposte più frequenti di coloro che del pensiero unico si fanno in vario modo strumenti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano