Politica

di Consuelo Nespoli

Nicola Di Matteo risponde ai nostri lettori

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Eccoci con la mini intervista del circolo del Popolo della Famiglia di Seriate. Buongiorno a Nicola di Matteo Coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia. Anche a lei come a Mario Adinolfi vorremmo fare una piccola intervista.

Cinque domande poste da: uno studente, una coppia marito e , una pensionata, un giovane imprenditore e un militante del Popolo della Famiglia, riguardanti questi ultimi due anni di pandemia e non.

Studente - Come studente non vaccinato, mi viene negata la possibilità di poter salire su un autobus per poter frequentare la scuola, i miei genitori hanno dovuto contattare volontari per il trasporto, mi viene negato di poter svolgere lo stage in hotel o ristoranti. È giusto tutto questo? Torneremo mai alla normalità?

Rispondo allo studente - Questa classe politico-parlamentare ha sempre sostenuto che investire sui giovani ed il loro futuro è di primaria importanza. Ma ad oggi i fatti sono ben poco tangibili, e tu ne sei testimonianza. Aver deciso di obbligare la comunità studentesca al vaccino, nonostante nessuna pandemia - anche con tassi di mortalità più alti - abbia mai portato un governo a tale scelta, e per giunta contro la dottrina Costituzionale la quale sancisce termini così drastici solo ed esclusivamente per le guerre. Pertanto non lo ritengo affatto giusto da cittadino, padre, rappresentante politico, popolare. Sono certo che i tempi sono duri, ma per contrastare questa folle classe dirigente abbiamo la necessità del sostegno popolare e della denuncia sociale di un disagio, che deve essere portato all’attenzione pubblica attraverso le piazze.

Coniugi - Oggi la politica, le forze dell’ordine, i sindacati, i giuristi e i giornalisti sono allineati a servizio di un disegno ormai chiaro. Perché sono così disinteressati al popolo e ai suoi bisogni? Vogliono forse togliere la sovranità al popolo?

Rispondo ai coniugi - La sovranità popolare, e quindi l’anima della democrazia è da tempo contrastata dai poteri forti e dalle grandi lobby che, a nostra insaputa cambiano mazziere e carte in tavola al fine esclusivo di rendere la partita dalla più facile vittoria. Sarò forse drastico, ma devo ripeterlo per senso di responsabilità, l’Italia ha bisogno di una rivoluzione moderata che si anima dalla bellezza delle piazze e quindi delle famiglie. Coloro che costituzionalmente non solo sono anima della Democrazia rappresentativa, ma che la sorreggono con ardui sacrifici.

Pensionata - Guardo i miei nipoti e attraverso loro ai giovani di questo tempo e mi chiedo come si può fare ad interessarli oggi alla politica e al bene comune dato che sembrano piuttosto indifferenti all’impegno, diciamo anche solo sociale?

Rispondo alla pensionata - Carissima Signora risponderò con brutalità: Non si possono affascinare i giovani senza avere delle ideologie forti su cui erigerli; non si possono affascinare i giovani senza tornare indietro nel tempo, a quei valori a quel rispetto che purtroppo sono andati scemando.

Imprenditore - Come tutti sappiamo stiamo vivendo tempi duri sia a livello umano che a livello lavorativo, cosa possiamo fare, anzi, cosa deve fare la politica per incentivare i giovani ad aprire nuove attività ed investire per il proprio futuro ? Io, che sono un giovane imprenditore, mi sento un po’ abbandonato a me stesso in questo periodo, pochi incentivi e poche motivazioni per continuare…. Mi dia il suo punto di vista !

Rispondo al giovane imprenditore - Vede c’è qualcosa che va oltre l’interesse economico e in Politica si definisce etica, morale. In grammatica dittongo. Nella vita cooperazione. Questo è l’elemento che deve essere assimilato dai giovani imprenditori. In poche parole devono affidarsi alla esperienza dei grandi. Per quanto riguarda il governo, ovviamente deve inserire maggiori investimenti anche per voi e soprattutto degli enti formati a reperirli nel migliore dei modi attraverso idee (business plan).

Militante Pdf - Si sta assistendo, a mio parere, ad una ulteriore polverizzazione del sistema politico italiano, con il rischio concreto che l’anti politica la faccia da padrone e l’astensionismo giganteggi. Non crede che sia necessario ora più che mai la costruzione di un area moderata, né di destra né di sinistra, ancorata ai valori non negoziabili, che eviti divisioni su questioni marginali e sia un baluardo per l’eccessiva estremizzazione di ogni evento cui, a mio avviso, stiamo andando incontro?

Rispondo al militante del PDF - Non possiamo sapere cosa accadrà domani. Ciò che sostieni è sotto gli occhi di tutti. L’agire politico dipenderà anche dalla volontà popolare e dallo spirito di servizio verso la Politica. Il pdf ha già fatto, attraverso il presidente, la proposta di un’area vasta.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/02/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Sondaggio, chi voterà alle politiche?

Sondaggio, chi voterà alle politiche? Chi è stato il miglior premier degli ultimi 20 anni? Che fare se non vincerà nessuno il 25 settembre? Divertitevi tutti a partecipare,

Leggi tutto

Società

Polonia: in piazza per la Marcia per la vita e la famiglia

Diciassettesima edizione della manifestazione che quest’anno ha avuto come tema quello della vita matrimoniale. Decine di migliaia le persone in piazza a Varsavia e in altre 150 località polacche

Leggi tutto

Politica

POCHI MALEDETTI E SUBITO

L’errore più grossolano che potremmo commettere nell’osservare l’assurdità del dibattito sull’obbligatorietà o meno del pagamento elettronico è quello di porci dal punto di vista del consumatore, un ruolo che ormai ha ridotto la nostra umanità a “vestito fuori moda”: è più rapido pagare senza moneta di carta o di metallo quindi garantite questa libertà a tutti.

Leggi tutto

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Politica

L’orribile appellativo

La scuola ha tanti problemi ma il ministro della pubblica istruzione italiano sembra particolarmente interessata a questioni di lana caprina…..

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano