Politica

di Consuelo Nespoli

Nicola Di Matteo risponde ai nostri lettori

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Eccoci con la mini intervista del circolo del Popolo della Famiglia di Seriate. Buongiorno a Nicola di Matteo Coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia. Anche a lei come a Mario Adinolfi vorremmo fare una piccola intervista.

Cinque domande poste da: uno studente, una coppia marito e , una pensionata, un giovane imprenditore e un militante del Popolo della Famiglia, riguardanti questi ultimi due anni di pandemia e non.

Studente - Come studente non vaccinato, mi viene negata la possibilità di poter salire su un autobus per poter frequentare la scuola, i miei genitori hanno dovuto contattare volontari per il trasporto, mi viene negato di poter svolgere lo stage in hotel o ristoranti. È giusto tutto questo? Torneremo mai alla normalità?

Rispondo allo studente - Questa classe politico-parlamentare ha sempre sostenuto che investire sui giovani ed il loro futuro è di primaria importanza. Ma ad oggi i fatti sono ben poco tangibili, e tu ne sei testimonianza. Aver deciso di obbligare la comunità studentesca al vaccino, nonostante nessuna pandemia - anche con tassi di mortalità più alti - abbia mai portato un governo a tale scelta, e per giunta contro la dottrina Costituzionale la quale sancisce termini così drastici solo ed esclusivamente per le guerre. Pertanto non lo ritengo affatto giusto da cittadino, padre, rappresentante politico, popolare. Sono certo che i tempi sono duri, ma per contrastare questa folle classe dirigente abbiamo la necessità del sostegno popolare e della denuncia sociale di un disagio, che deve essere portato all’attenzione pubblica attraverso le piazze.

Coniugi - Oggi la politica, le forze dell’ordine, i sindacati, i giuristi e i giornalisti sono allineati a servizio di un disegno ormai chiaro. Perché sono così disinteressati al popolo e ai suoi bisogni? Vogliono forse togliere la sovranità al popolo?

Rispondo ai coniugi - La sovranità popolare, e quindi l’anima della democrazia è da tempo contrastata dai poteri forti e dalle grandi lobby che, a nostra insaputa cambiano mazziere e carte in tavola al fine esclusivo di rendere la partita dalla più facile vittoria. Sarò forse drastico, ma devo ripeterlo per senso di responsabilità, l’Italia ha bisogno di una rivoluzione moderata che si anima dalla bellezza delle piazze e quindi delle famiglie. Coloro che costituzionalmente non solo sono anima della Democrazia rappresentativa, ma che la sorreggono con ardui sacrifici.

Pensionata - Guardo i miei nipoti e attraverso loro ai giovani di questo tempo e mi chiedo come si può fare ad interessarli oggi alla politica e al bene comune dato che sembrano piuttosto indifferenti all’impegno, diciamo anche solo sociale?

Rispondo alla pensionata - Carissima Signora risponderò con brutalità: Non si possono affascinare i giovani senza avere delle ideologie forti su cui erigerli; non si possono affascinare i giovani senza tornare indietro nel tempo, a quei valori a quel rispetto che purtroppo sono andati scemando.

Imprenditore - Come tutti sappiamo stiamo vivendo tempi duri sia a livello umano che a livello lavorativo, cosa possiamo fare, anzi, cosa deve fare la politica per incentivare i giovani ad aprire nuove attività ed investire per il proprio futuro ? Io, che sono un giovane imprenditore, mi sento un po’ abbandonato a me stesso in questo periodo, pochi incentivi e poche motivazioni per continuare…. Mi dia il suo punto di vista !

Rispondo al giovane imprenditore - Vede c’è qualcosa che va oltre l’interesse economico e in Politica si definisce etica, morale. In grammatica dittongo. Nella vita cooperazione. Questo è l’elemento che deve essere assimilato dai giovani imprenditori. In poche parole devono affidarsi alla esperienza dei grandi. Per quanto riguarda il governo, ovviamente deve inserire maggiori investimenti anche per voi e soprattutto degli enti formati a reperirli nel migliore dei modi attraverso idee (business plan).

Militante Pdf - Si sta assistendo, a mio parere, ad una ulteriore polverizzazione del sistema politico italiano, con il rischio concreto che l’anti politica la faccia da padrone e l’astensionismo giganteggi. Non crede che sia necessario ora più che mai la costruzione di un area moderata, né di destra né di sinistra, ancorata ai valori non negoziabili, che eviti divisioni su questioni marginali e sia un baluardo per l’eccessiva estremizzazione di ogni evento cui, a mio avviso, stiamo andando incontro?

Rispondo al militante del PDF - Non possiamo sapere cosa accadrà domani. Ciò che sostieni è sotto gli occhi di tutti. L’agire politico dipenderà anche dalla volontà popolare e dallo spirito di servizio verso la Politica. Il pdf ha già fatto, attraverso il presidente, la proposta di un’area vasta.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/02/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Politica

Una candidatura simbolica per rifondare l’ europeismo

Un progetto di ingegneria istituzionale non è sufficiente. Cosa impedisce infatti a un’ideologia di sostituirsi a un’altra? Le ideologie totalitarie disprezzavano il formalismo giuridico e istituzionale, aggirandolo sistematicamente. Oggi in Europa regnano, in nome dell’impoliticità, altre ideologie che si chiamano pensiero politicamente corretto, dittatura del relativismo, umanismo (cioè l’umanesimo senza l’umano). Sempre più il nuovo ordine europeo assomiglia – paurosamente – a quel regime che Tocqueville nella “Democrazia in America” aveva battezzato come «dispotismo democratico»: una tirannide confidenziale, ludica, che lascia che la massa del popolo si trastulli con «piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri». I cittadini così diventano degli individui isolati, estranei gli uni agli altri, degli apolidi senza patria.

Leggi tutto

Politica

Giustizia, giudici e diritti civili da centrodestra a centrosinistra

Confrontiamo i temi giudiziari nell’arco costituzionale in vista delle politiche di marzo 2018

Leggi tutto

Politica

Per arrivare con metodo al 5 Marzo

Fino a pochi giorni fa Massimo Gandolfini si limitava a ignorare inelegantemente le attività e la stessa esistenza del Popolo della Famiglia. Arrivati all’ultimo giro, la sua preoccupazione sembra
essere anzitutto legata alla delegittimazione attiva dell’opzione di autonomia del PdF. Eppure il 4 marzo arriverà e trascorrerà: allora sarà il caso di non essere diventati autenticamente nemici.

Leggi tutto

Società

La vita gaja e quel nesso col neoliberismo e col transumanismo

Ad interessare le élites è un certo stile relazionale, non le persone coi loro drammi: la vicenda della Legge Cirinnà lo ha dimostrato limpidamente

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano