Società

di Nathan Algren

Somalia; 1,4 milioni di bambini a rischio di malnutrizione acuta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Oltre 1,4 milioni di bambini in Somalia, circa la metà dei bambini sotto i 5 anni nel paese, potrebbero soffrire di malnutrizione acuta a causa della siccità in corso che ha lasciato 4,1 milioni di persone a rischio.

Secondo l’ultimo Somalia Food Security and Nutrition Assessment della scorsa settimana, di questi 1,4 milioni di bambini, circa un quarto, ovvero 329.500 bambini, soffrirà di malnutrizione acuta grave quest’anno.

“Sappiamo che le emergenze umanitarie di questa portata colpiscono soprattutto I bambini - ha dichiarato Angela Kearney, Rappresentante dell’UNICEF -. I numeri che stiamo vedendo quest’anno sono piuttosto alti e se non saranno prese misure urgenti, migliaia di bambini rischiano di morire.”
A causa di 3 stagioni consecutive di scarse piogge combinate con i conflitti in corso in diverse parti della Somalia, un quarto della popolazione ha bisogno di assistenza alimentare immediata. Senza un urgente ampliamento dell’assistenza, la situazione umanitaria tra I poveri urbani e rurali e le popolazioni sfollate dovrebbe peggiorare ulteriormente da qui a giugno 2022.

L’impatto sulle comunità pastorali è terribile. Una critica scarsità d’acqua ha costretto le famiglie a migrare nei centri urbani e periurbani in cerca di acqua per il consumo umano e del bestiame; da novembre circa 500mila persone sono sfollate alla ricerca di cibo, acqua e pascoli, aggiungendosi ai 2,9 milioni di persone già sfollate a causa del conflitto e del cambiamento climatico.

2,6 milioni di persone hanno bisogno di forniture d’acqua d’emergenza, e la cifra è destinata ad aumentare con l’aggravarsi della siccità. In alcune zone, i prezzi dell’acqua sono aumentati fino al 72%. La mancanza d’acqua accresce il rischio di epidemie - i casi di morbillo nel 2021 (7.500) sono il doppio dei casi del 2020 e del 2019 messi insieme. Almeno 60.000 persone rischiano di contrarre malattie diarroiche, compreso il colera.

La siccità ha peggiorato i rischi per la protezione dei bambini. L’UNICEF è preoccupato per lo sfruttamento, l’abuso sessuale e per i matrimoni precoci.

L’UNICEF è anche preoccupato per la violenza di genere che aveva già avuto una crescita del 35% tra il 2020 e il 2021. Nel 2021, 1.200 bambini (comprese 45 ragazze) sono stati reclutati e utilizzati da gruppi armati. 1.000 bambini sono stati rapiti. In molti casi, questi bambini sono stati vittime di violazioni multiple.
Anche se il sostegno umanitario su larga scala da parte del governo e di altri partner dal luglio 2021 ha ampiamente mitigato l’entità della crisi, le precipitazioni moderate previste durante la prossima stagione delle piogge (aprile-giugno 2022) probabilmente aggraveranno la situazione alimentare e nutrizionale.

L’UNICEF ha lanciato un appello urgente per 7 milioni di dollari entro la fine di marzo 2022, per fornire 104.000 confezioni di Alimenti terapeutici pronti all’uso per curare I bambini con malnutrizione acuta grave. Una potenziale interruzione nella catena di approvvigionamento potrebbe provocare una grave carenza di Alimenti terapeutici pronti all’uso a partire da giugno 2022 e mettere in pericolo la vita di oltre 100.000 bambini.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/02/2022
1208/2022
Ss Macario e Giuliano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

Media

Sierra Leone; il riscatto degli ex bambini soldato

Formare e seguire i giovani in Sierra Leone a quasi dieci anni dalla conclusione del conflitto civile: è l’obiettivo oggi dei salesiani, presenti da 20 anni nel piccolo Paese dell’Africa occidentale

Leggi tutto

Società

Unicef: più di 635 milioni di studenti colpiti dalla chiusura delle scuole

Nella Giornata Internazionale dell’Istruzione e mentre la pandemia da COVID-19 si avvicina alla soglia dei due anni, l’UNICEF condivide gli ultimi dati disponibili sull’impatto della pandemia sull’apprendimento dei bambini.

Leggi tutto

Politica

Somalia: dopo il voto l’obiettivo è la pace

“L’elezione del Presidente somalo Hassan Sheikh Mohamud, avvenuta lunedì 16 maggio 2022, apre nuove possibilità di pace e cooperazione nel Corno d’Africa ed in particolare con l’Etiopia”. Lo ha dichiarato il professor Sonkor Geyre, presidente dell’Institute for federalism and Security Analysis (IFSA).

Leggi tutto

Storie

Yemen tragedia senza fine

L’organizzazione umanitaria denuncia la situazione nel Paese della penisola araba, da oltre sette anni in guerra e dove è in vigore una tregua

Leggi tutto

Società

Sentinelle in piedi e palloncini gonfiati

Successo a Cesena per la veglia delle Sentinelle in Piedi, solita contromanifestazione goffa degli Lgbt con i media che raccontano numeri che non ci sono

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano