Storie

di Nathan Algren

Pakistan: cristiano ucciso da un gruppo di musulmani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ennesimo episodio di intolleranza religiosa in Pakistan dove un cristiano di 25 anni è stato ucciso a Lahore da un gruppo di musulmani. Pervez Masih è stato attaccato a causa di una controversia eplosa nel suo negozio di videogiochi.

In base ai dettagli emersi sulla vicenda, la notte prima dell’attacco alcuni ragazzi sono entrati nell’esercizio del giovane. Masih si è rifiutato di giocare d’azzardo con loro ed è iniziato un litigio.

Akhtar Bhatti, zio di Pervez, ha riferito ad AsiaNews che il giorno dopo un gruppo di musulmani tra le 150 e le 200 persone ha raggiunto l’area cristiana di Lahore e ha iniziato ad insultare e picchiare i fedeli, impugnando delle pistole.

I tentativi dello zio di impedire i maltrattamenti non sono bastati e gli assalitori hanno trascinato via Pervez per torturarlo con bastoni e mattoni, minacciandolo che non lo avrebbero lasciato vivo. Alla fine uno dei musulmani, chiamato Sohni e figlio di Allah Ditta, ha colpito alla testa il giovane cristiano che è caduto immediatamente a terra. Tutti sono poi fuggiti dalla scena, sparando in aria.

In seguito l’avvocato Javed Sul, presidente dell’Associazione degli avvocati cristiani in Pakistan, ha aiutato la famiglia a registrare il primo rapporto informativo alla locale stazione di polizia.

La comunità cristiana nutre serie preoccupazioni per l’escalation di violenze contro i cristiani in Pakistan e soprattutto nel Punjab. Secondo il missionario David King, dello United Christian Council, “al momento il Pakistan è nell’elenco dei Paesi in cui lo Stato e le forze dell’ordine sono impotenti. I parlamentari non sono riusciti a controllare l’estremismo religioso”. Il religioso ha aggiunto che per far fronte ai maltrattamenti contro i cristiani è quindi necessario che il governo federale istituisca una task force speciale e promulghi una legislazione per prevenire aggressioni come quella contro Pervez.

“È triste che in una società le persone vengono uccise e poi non sia fatta giustizia, nonostante la polizia si dia da fare con le indagini”, ha commentato Waseem Yaqoob. Secondo l’attivista per i diritti umani di Lahore, “è molto importante curare la mentalità malata di questa società. Gli elementi violenti dovrebbero essere arrestati e puniti al più presto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/02/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Tutto sembrava perduto. E invece

Nel mistero della Resurrezione di Cristo risiede tutta la nostra fede, la forza che ci fa essere vivi e pieni di speranza anche quando ogni cosa sembra impedita e apparentemente per sempre. La gioia della Pasqua è questa

Leggi tutto

Chiesa

Dialogo oltre i populismi

Il discorso di Papa Francesco è andato a toccare motivi di forte contrasto politico tra le nazioni:  le parole del Pontefice hanno messo l’accento soprattutto sull’importanza della collaborazione fra le nazioni e della diplomazia multilaterale, che appare sempre più indebolita dal riemergere di tendenze nazionalistiche.

Leggi tutto

Politica

Una crescita figlia della lotta

Il Popolo della Famiglia è oggi quella casa che è rimasta in piedi dopo la tempesta, con porte e finestre spalancate perché mira a lavorare insieme ad altri, mai arroccato nelle proprie certezze ma aperto a nuovi incontri. In particolare mi ha colpito la disponibilità al dialogo con noi di molti cardinali e vescovi con cui ho potuto dialogare anche di persona, da Agrigento a Bologna, da Imperia a Lecce, da Teramo a Cuneo. Confido davvero in un risveglio della Chiesa nel sostegno ai politici impegnati in politica, ma a quei laici che appunto hanno dimostrato di non essere interessati alla poltrona, ma a costruire un orizzonte nuovo per il bene comune.

Leggi tutto

Storie

Yemen: il dramma dei bambini

Il conflitto nello Yemen ha appena raggiunto un altro spaventoso risultato: 10.000 bambini sono stati uccisi o mutilati dall’inizio dei combattimenti nel marzo 2015, vale a dire quattro bambini ogni giorno

Leggi tutto

Politica

Si avvicina la festa nazionale del PDF e de La Croce quotidiano

Intervista a Mirko De Carli nell’imminenza dell’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia e della festa nazionale de La Croce Quotidiano

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa agli operatori sanitari: curate e consolate

Nel messaggio per la 30.ma Giornata Mondiale del Malato dell’11 febbraio, dal titolo “Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso”, Papa Francesco invita all’ascolto e alla relazione con i malati

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano