Storie

di Nathan Algren

Pakistan: cristiano ucciso da un gruppo di musulmani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ennesimo episodio di intolleranza religiosa in Pakistan dove un cristiano di 25 anni è stato ucciso a Lahore da un gruppo di musulmani. Pervez Masih è stato attaccato a causa di una controversia eplosa nel suo negozio di videogiochi.

In base ai dettagli emersi sulla vicenda, la notte prima dell’attacco alcuni ragazzi sono entrati nell’esercizio del giovane. Masih si è rifiutato di giocare d’azzardo con loro ed è iniziato un litigio.

Akhtar Bhatti, zio di Pervez, ha riferito ad AsiaNews che il giorno dopo un gruppo di musulmani tra le 150 e le 200 persone ha raggiunto l’area cristiana di Lahore e ha iniziato ad insultare e picchiare i fedeli, impugnando delle pistole.

I tentativi dello zio di impedire i maltrattamenti non sono bastati e gli assalitori hanno trascinato via Pervez per torturarlo con bastoni e mattoni, minacciandolo che non lo avrebbero lasciato vivo. Alla fine uno dei musulmani, chiamato Sohni e figlio di Allah Ditta, ha colpito alla testa il giovane cristiano che è caduto immediatamente a terra. Tutti sono poi fuggiti dalla scena, sparando in aria.

In seguito l’avvocato Javed Sul, presidente dell’Associazione degli avvocati cristiani in Pakistan, ha aiutato la famiglia a registrare il primo rapporto informativo alla locale stazione di polizia.

La comunità cristiana nutre serie preoccupazioni per l’escalation di violenze contro i cristiani in Pakistan e soprattutto nel Punjab. Secondo il missionario David King, dello United Christian Council, “al momento il Pakistan è nell’elenco dei Paesi in cui lo Stato e le forze dell’ordine sono impotenti. I parlamentari non sono riusciti a controllare l’estremismo religioso”. Il religioso ha aggiunto che per far fronte ai maltrattamenti contro i cristiani è quindi necessario che il governo federale istituisca una task force speciale e promulghi una legislazione per prevenire aggressioni come quella contro Pervez.

“È triste che in una società le persone vengono uccise e poi non sia fatta giustizia, nonostante la polizia si dia da fare con le indagini”, ha commentato Waseem Yaqoob. Secondo l’attivista per i diritti umani di Lahore, “è molto importante curare la mentalità malata di questa società. Gli elementi violenti dovrebbero essere arrestati e puniti al più presto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/02/2022
0107/2022
Sant'Aronne

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

A voi piace un mondo così?

l’editoriale di presentazione de La Croce Quotidiano da parte del direttore Mario Adinolfi

Leggi tutto

Chiesa

Messori ci richiama al cristianesimo primario

Se ne sente davvero il bisogno in un tempo in cui, per usare la formula più che trentennale del filosofo svizzero Romano Amerio, dilaga il «cristianesimo secondario». Con questa espressione Amerio voleva indicare quel cristianesimo preoccupato più che altro di produrre opere terrene, tutto assorbito dall’impegno sociale e dall’edificazione della città dell’uomo. In buona sostanza, Amerio se la prendeva con quel cristianesimo “engagé” che sembra prefiggersi, come prima e unica preoccupazione, quella di perfezionare la natura umana lasciando da parte la trascurabile questione della salvezza eterna.

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Storie

Nigeria: rapiti tre seminaristi

Il sequestro, di cui ha dato notizia ‘Aiuto alla Chiesa che Soffre’, sarebbe avvenuto in seguito ad un attacco di uomini armati, nel quale sono rimasti feriti altri sei studenti.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Giù la maschera”

E’ un invito a cercare ogni giorno la verità di Gesù, la riflessione di Papa Francesco prima della recita dell’Angelus, dalla finestra dello studio nel Palazzo apostolico, nell’ultima domenica dell’Anno liturgico.

Leggi tutto

Media

L’osceno agire dei media contro i no vax

Pessima ed inaccettabile la violenza con cui i media si lanciano contro i no vax

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano